il nuovo palleggiatore Hunter – “Felice di giocare in Italia”

Hunter: “Felice di giocare in Italia”

Andrew Hunter, nato a Adelaide il 28 luglio 1977, è il nuovo palleggiatore australiano al servizio di coach Marconi.
Il transfer del giocatore australiano, con passaporto britannico, giunto in sede a Castelnuovo solo nella tarda serata di sabato, ha consentito alla società neroarancio di schierare in extremis il palleggiatore nell’ultimo turno di campionato casalingo contro la Terra Sarda Cagliari.
La società dell’Ermolli Castelnuovo, presa visione dell’infortunio subito dal primo palleggiatore Massimiliano Astolfi, ha deciso di ingaggiare nel medesimo ruolo il giocatore australiano fino al termine del campionato regolare.
Hunter proviene dalla formazione francese del Calais (serie A2) “Ritengo il livello del campionato italiano molto elevato e composto da buoni giocatori. Ho bisogno ancora di tempo per migliorare l’intesa con i miei nuovi compagni. Devo cercare di recuperare al più presto la forma fisica, lo stop di circa un mese mi ha penalizzato ma sono fiducioso e soprattutto carico di entusiasmo. Qui a Castelnuovo ho incontrato un gruppo di ragazzi in gran parte coetanei con cui non ho avuto alcun disagio nell’integrarmi. Chiaro, la lingua almeno per il momento complica un po’ il dialogo con alcuni, ma devo dire che grazie a Bernabè e Blanzieri il compito è agevolato. Riusciamo comunque a capirci, con coach Marconi si è creato da subito un bel legame e le sue indicazioni cercheranno di essere assimilate dal sottoscritto nel più breve tempo possibile– continua Hunter – Cosa penso dei continui infortuni? E’ molto strano in quanto prima di ogni seduta di allenamento o di una partita, la squadra esegue sempre molto strech. Prediligo giocare palla al centro, ma visto il tipo di gioco espresso qui in Italia dove si predilige partire al servizio con una battuta molto forte per cercare di mettere in difficoltà la ricezione avversaria, la mia giocata diventa molto rischiosa e il più delle volte prevedibile. Il gioco in banda permette giocate spettacolari e veloci, non vedo l’ora di giocare domenica per la prima volta con Lucio, aspettando al più presto l’ultimo infortunato Perazzolo.
La squadra l’avevo vista all’opera prima della sosta natalizia e con grande piacere mi aveva ben impressionato. Ora le assenze pesanti come domenica con Cagliari ci hanno penalizzati, ma sono sicuro che se riusciamo a recuperare gli infortunati non avremo alcun problema a salvarci”.

CURRICULUM:
1999/2001 Norwood Bears non professionista
2001/2002 consegue la laurea in Relazioni Internazionali
2002/2003 Torhout in Belgio
2003/2004 Cannes, serie A1 francese, secondo posto
dic. 2004 Calais, serie A2 francese

Ufficio Stampa
ERMOLLI CASTELNUOVO
Alberto Fabbri