Il Fiorese vola al 2° posto

FIORESE SPA BASSANO – SEC ISERNIA 3-2 (19-25 in 25, 25-18 in 24, 25-19 in 27, 27-29 in 34, 15-12 in 15 )

FIORESE SPA BASSANO: Osellame 0, Quiroga 20, Dal Molin 4, Guarise 9, Sabo 10, Desiderio ne, Guidolin (L), Borsatto 16, Dalla Libera 14, Lollato ne, Pizzato ne, Carletti 7. All. Simoni
SEC ISERNIA: Costantini 6, Di Marco ne, Scappaticcio 1, Gribov ne, Rosso 14, Gatto (L), Crispino ne, Cortellazzi 0, Shumov 3, Antequera 25, Argilagos 14, Scudieri 0. All. Lorizio

Continua la marcia del Fiorese Spa Bassano di Dario Simoni che ieri sera al PalaBassano ha liquidato la Sec Isernia al termine di più di due ore di gioco ed emozioni. I 1200 spettatori presenti hanno vissuto una partita unica per intensità e spettacolarità, merito di due squadre che si sono date battaglia dall’inizio alla fine del match. Ha vinto meritatamente il Fiorese che con questi due punti sale al 2° posto in classifica in coabitazione con Milano e Corigliano. E pensare che il 2° posto avrebbe potuto essere in solitaria, se solo i giallorossi non avessero letteralmente buttato via il 4° set pur essendo stati avanti addirittura 23-19. Tolto questo legittimo rimpianto per la truppa di Simoni non rimane che gioire per una situazione che si sta facendo sorprendentemente sempre più rosea: infatti, sebbene ancora privo di Moro e Desiderio, il Fiorese in queste prime quattro giornate sta macinando gioco e punti grazie alla vena realizzativa di due riserve di lusso come Borsatto (16 punti) e Quiroga (20). I due martelli del Bassano anche ieri si sono confermati gli autentici trascinatori del sestetto bassanese, mandando in visibilio il numeroso pubblico accorso a via Ca’ Dofin con alcune giocate davvero spettacolari. Il lanciatissimo Fiorese ha vinto la partita grazie ad un fondamentale di battuta quanto mai efficace: a fronte delle 23 battute errate, sono 8 i servizi vincenti e tutti piazzati nei momenti decisivi del match. La ricezione ospite ferma al 57% di positività e al 34% di perfezione la dice lunga sulla determinazione con cui Dalla Libera e compagni hanno lanciato siluri sul campo avversario. Benissimo anche il muro: 18 muri di squadra, con Sabo, Guarise e Carletti autori rispettivamente di 7, 5 e 4 stoppate vincenti. Buona anche la ricezione grazie all’ottima prova di Guidolin, con positività ancora oltre l’80%, e di capitan Dalla Libera, l’anima della squadra. Se poi anche la bandiera Dal Molin entra a freddo per rimpiazzare Sabo mettendo a segno 4 punti decisivi con 4 bombe terrificanti, allora significa che Simoni può davvero dire di aver tra le mani una squadra dalle mille risorse, capace di lottare sempre e non mollare mai con tutti i suoi effettivi.

Nel 1° set però Bassano parte male, subendo il gioco avversario e divenendo pian piano incapace di attaccare con efficacia: i centrali sono marcati a vista, i laterali non incidono e Carletti è in affanno. Isernia domina senza strafare e porta a casa il parziale col punteggio di 19-25. Nel 2° set invece il Fiorese parte a razzo con Quiroga e Borsatto scatenati; i muri di Carletti e Sabo fanno male e per i ragazzi di Simoni arriva un comodo 25-18. Stessa storia nel 3° set: Guarise timbra l’ace del 4-1 e mister Lorizio corre ai ripari chiamando time out. Serve a poco perché Antequera e Rosso sembrano in giornata no e dall’altra parte i giallorossi sono implacabili. Bassano vola 8-4 e 16-9, si difende sul ritorno di Isernia (18-15) e chiude il parziale con un muro di Sabo e un mani e fuori di Borsatto. Nel 4° set è ancora il Fiorese a fare la partita, anche se gli ospiti restano agganciati al treno giallorosso fino al 12-10. A questo punto si scatena Borsatto che porta i suoi sul 15-11 e poi, con tre battute tirate a tutto braccio, sul 20-15. Nel frattempo Dal Molin entra al posto di Sabo: quando lo stesso centrale bassanese piazza sui due metri una veloce da urlo per il 23-19, sembra che la partita sia chiusa. Invece Isernia ci crede, recupera e vince il set ai vantaggi grazie alla ritrovata verve di Antequera e Rosso. Si va al 5° con la brutta sensazione che i molisani ne abbiano di più. Cambio campo sull’8-7 per il Fiorese che fatica ma sta sempre avanti. Ed è proprio in questa fase che esce il più giovane e teoricamente inesperto, ovvero Quiroga, che invece gioca con senza paura e con una grinta eccezionale. Il martello argentino mette a terra il 12-10, seguono un muro di Guarise su Shumov e uno di Quiroga su Antequera per il 14-10 che manda in delirio il tifo giallorosso. Isernia sale sul 14-12, ma ancora una volta è Quiroga, come un veterano, a scaraventare sul campo la bomba del 15-12 che vale la vittoria del Fiorese.
Mercoledì turno infrasettimanale a Pineto, domenica si torna al PalaBassano (ore 18.00) contro Cagliari.

CLASSIFICA: Crema 11, FIORESE SPA BASSANO 9, Milano 9, Corigliano 9, S.Croce 8, Pineto 7, Castellana 6, Cavriago 6, Isernia 6, Cagliari 6, Taviano 5, Loreto 5, Modugno 4, Bergamo 3, Spoleto 2, Bari 0.

——————-
Ufficio Stampa
Bassano Volley
press@volleybassano.it
Mauro Sabino