IL TEST AL PALABIGI FA BEN SPERARE

I reggiani sono entrati in campo al PalaBigi di Reggio Emilia per la prima gara della stagione 2018/2019 e, anche se solo per un test match, è stato confermato l’importante ruolo del fortino del Volley Tricolore che anche stavolta ha visto i padroni di casa terminare vittoriosi l’incontro. Un allenamento congiunto che ha visto tornare a Reggio Emilia come avversari Michele Grassano (schiacciatore) e Andrea Miselli (centrale) che hanno vestito in passato i colori della Conad. Dall’altra parte della rete anche Davide Benaglia rientra nella categoria degli “Ex”, tornato quest’anno alla Conad, ha trascorso le due stagioni precedenti proprio tra le file della Kemas Lamipel Santa Croce. Incontro combattuto ma che ha visto il Volley Tricolore vincere per 3-0 (più un quarto set a 19-18 non terminato) contro i Lupi. Gli ospiti si presentano come una delle avversarie più ostiche della Conad e, nei primi due set, ha dato filo da torcere ai reggiani costringendoli ai vantaggi. Sicuramente l’esperienza al palleggio di Marco Fabroni ha permesso al Volley Tricolore di spingere nei momenti giusti chiamando in causa tutti i giocatori che aveva a disposizione. Anche in questa occasione coach Mastrangelo ha dato spazio ad ogni componente della squadra, la formazione titolare inizia a delinearsi ma ci sono ancora due importanti test a disposizione di Reggio Emilia per chiarirsi le idee prima dell’inizio del campionato.

CONAD VOLLEY TRICOLORE 3

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE 0

 (28-26, 30-28, 25-21)

Reggio Emilia: Fabroni 5, Bellei G.16, Sesto7, Torchia, Chadtchyn 4, Bellei A. 1, Amorico, Bellini 11, Benaglia6, Silva 2, Ippolito9, Morgese, Quarta 3.

Allenatore: Mastrangelo.

Santa Croce: Miselli 4, Andreini , Bargi 11, Baciocco 1, Colli 8, Caproni , Acquarone 1, Wagner 11 , Tamburo 3, Grassano 6, Snippe 12, Taliani , Ferraro 5.

Allenatore: Totire.

Note: durata set 0.27, 0.31, 0.23 totale: 1.21 Reggio Emilia ace 5, errori battuta 17, muri 5, errori avversari 38. Santa Croce ace 6, errori battuta 18, muri 9, errori avversari 30.