A SPOLETO UNA SCONFITTA SENZA APPELLO

Monini Spoleto: Zoppellari 1, Padura Diaz 15, Aguenier 9, Zamagni 7, Ottavani 9, Mariano 9, Santucci (libero), Di Renzo (libero), Katalan n.e, Festi n.e, Fedrizzi n.e, Rosso n.e, Segoni n.e, Costanzi n.e. All. Tardioli

Kemas Lamipel Santa Croce: Acquarone, Wagner 5, Bargi 7, Ferraro 6, Grassano 4, Colli 15, Taliani (libero), Baciocco, Crò, Tamburo 3, Snippe, Andreini n.e, Miselli n.e, Ferraro (libero) n.e. All. Pagliai

Sucecssione set: 25-29 in 25′, 25-21 in 28′, 25-28 i 24′.

Battute sbagliate Monini: 13, Aces 6, Muri 6

Battute sbagliate Kemas Lamipel 10, Ace 1, Muri 7

Altra trasferta da dimenticare per la Kemas Lamipel che viene battuta con un netto 3-0 dallo Spoleto. Doveva essere una gara importante per testarsi in ottica playoff salvezza, ma il risultato non lascia troppi dubbi: questa versione dei “Lupi” non andrà molto lontano se non ci sarà al più presto una netta inversione di tendenza nei match lontano dal PalaParenti. Il risultato di oggi sancisce l’addio al possibile sesto posto in classifica, mentre il derby contro Livorno della settimana prossima metterà in palio il settimo: chi avrà la meglio tra Kemas Lamipel e Acqua Fonteviva nella sfida del PalaParenti arriverà davanti in classifica. La cronaca del match in Umbria lascia poco spazio all’immaginazione: la formazione di Pagliai, che ritrova Taliani titolare nel ruolo di libero, paga la giornata no del bomber Wagner, autore di soli cinque punti quasi tutti concentrati nel secondo set. Nel primo parziale sono Colli e Ferraro a reggere l’urto contro gli oleari, comunque sempre saldamente al comando per praticamente tutto il parziale (8-3, 16-9, 21-17) chiuso sul 25-19. Nel secondo Grassano e Bargi danno il loro prezioso contributo e i conciari, pur sempre in svantaggio, hanno anche la capacità di costruire delle piccole rimonte che danno la possibilità di stare attaccati a Padura Diaz, Ottaviani e compagni. Dall’8-5 i “Lupi” accorciano sul 16-14, ma nel finale la Monini scappa via chiudendo i giochi sul 25-21. Nel terzo set la musica non cambia: Tamburo parte in sestetto al posto di Wagner ma Spoleto scappa via fin da subito (8-4), resistendo al tentativo di rimonta capitanato da un irriducibile Colli (16-13). Nel finale però non c’è nulla da fare per la Kemas Lamipel che cede 25-18 per il definitivo 3-0 in favore dei padroni di casa. Con la testa già rivolta al decisivo derby di domenica prossima, un sentito ringraziamento va alla tifoseria biancorossa che anche a Spoleto si è presentata in massa a supporto della maglia e della squadra: l’augurio è che questo sostegno incondizionato sia benzina per dei playoff salvezza da giocare con la fame di vittoria.

Andrea Costanzo – Ufficio stampa

Nella foto di Veronica Gentile il migliore in campo dei “Lupi”: Leonardo Colli.