BARONE alla guida del reparto centrali Peimar Volley

Ennesimo colpo in casa Peimar Volley. Approda alla corte di coach Gulinelli, e del D.S. Berti, il centrale Rocco Barone, calabrese, classe 1987. Per il nuovo acquisto una carriera spesa quasi interamente in Superlega (ex #A1), con una sola parentesi in #A2, il campionato vinto con Vibo Valentia e conseguente promozione nella categoria superiore.

Si conferma dunque la tendenza a reclutare atleti formati e di grande esperienza, giocatori che non hanno remore a scendere un gradino nella scala del volley, convinti dal progetto e da quanto prospettato in termini di ambizioni e obiettivi. Barone ha legato la propria carriera alla Tonno Callipo, almeno nella parte iniziale, vivendo le prime esperienze nella serie B di Palmi, sua città natale. Approdato in A1 nel 2006/07, ha giocato nella bella realtà del Sud fino al 2012/13. La stagione successiva, prestigioso passaggio alla Sir Safety Perugia, per un biennio. Quindi tappa a Molfetta, e ritorno a casa, con la maglia di Vibo, nel 2016/17. Gli ultimi due anni del centrale calabrese si sono sviluppati tra la Lombardia (Gi Group Monza) e Latina, Top Volley, dove ha giocato con continuità, circa 80 set. Un atleta molto motivato e integro, su cui lo staff tecnico potrà contare non solo in campo ma anche nello spogliatoio. Con Coscione, Fedrizzi e Tosi (in ordine di presentazione) è la “quarta colonna” di un mercato che si preannuncia ancora molto interessante e ricco di spunti.

“Dopo aver parlato con Luca Berti e con coach Gulinelli ho avuto modo di conoscere la Società e di visitare il nuovo Palazzetto, e mi sono convinto ancora di più della mia scelta” esordisce Barone “si respira grande entusiasmo, i progetti e gli obiettivi sono a lunga scadenza, mi metto in gioco con grande voglia di crescere insieme a tutto l’ambiente”. “Sarà un campionato molto competitivo e soprattutto lungo, è una #A2 ma in tutti gli aspetti ricorda un campionato di massima serie; non mi sono posto il problema di scendere di categoria dopo tanta Superlega, gli stimoli sono gli stessi, non vedo l’ora di iniziare”. “Sarà il campo a definire il nostro valore, dovremo essere bravi a portare risultati e a coinvolgere tutto il movimento pallavolistico che abbiamo intorno. Vogliamo un Palazzetto pieno, un seguito adeguato, e questo dipenderà da noi”.

Ufficio stampa Peimar Volley