Il Pool Libertas doma la “bestia nera” Ortona

POOL LIBERTAS CANTU’ 3

SIECO SERVICE ORTONA 0

(33-31, 25-19, 25-21)

POOL LIBERTAS CANTU’: Baratti 2, Santangelo 19, Preti 18, Cominetti 14, Monguzzi 5, Robbati 4, Butti (L1), Alberini, Gasparini, Danielli. NE: Suraci, Frattini, Pellegrinelli, Rudi (L2). All: Cominetti, 2°all: Redaelli (battute vincenti 8, battute sbagliate 15, muri 11).

SIECO SERVICE ORTONA: Lanci, Marks 12, Sorrenti 11, Ogurcak 14, Menicali 5, Berardi 2, Pesare (L1), Sitti 4, De Waard, Fiscon, Toscani (L2). N.E.: Dolfo, Simoni. All: Lanci, 2°all: Costa (battute vincenti 2, battute sbagliate 15, muri 7).

Arbitri: Roberto Guarneri ed Emilio Sabia

Addetto al videocheck: Riccardo Canali

Dopo lo stop per le finali della Del Monte Coppa Italia, torna al successo il Pool Libertas Cantù, e lo fa imponendosi per 3-0 sulla propria “bestia nera”, la Sieco Service Ortona. Primo set finito ai vantaggi dopo continui ribaltamenti di fronte, mentre il secondo e il terzo set hanno visto i padroni di casa imporsi con un margine più ampio.

Coach Luciano Cominetti schiera Mirko Baratti in regia, Andrea Santangelo opposto, Roberto Cominetti e Alessandro Preti schiacciatori, Dario Monguzzi e Gabriele Robbiati centrali, Luca Butti libero. Coach Nunzio Lanci risponde con il fratello Andrea in regia, sostituito nel corso del primo set da Alessio Sitti, il tedesco Christoph Marks opposto, Mattia Sorrenti e Frantisek Ogurcak in banda, Simone Berardi e Michael Menicali al centro, e Giancarlo Pesare libero, sostituito poi da Alessandro Toscani.

Inizio match in equilibrio, con un attacco di Preti che consente il primo doppio vantaggio interno sull’8-6, mentre Santangelo sigla il 12-9. Berardi mura Monguzzi, ed parità a quota 13. Preti guida i suoi, e un attacco in rete di Marks convince Coach Lanci a fermare il gioco (19-16). La Sieco Service non molla, ed è l’opposto tedesco a riportare sotto i suoi, con Coach Cominetti a chiamare time-out a sua volta (21-20). Il Pool Libertas riesce a mantenere il minimo scarto fino all’attacco di Marks che manda il set ai vantaggi. Il finale di set è combattuto come il resto del parziale, con continui capovolgimenti di fronte. Preti mura il tedesco, Sorrenti attacca sull’asta, ed è 33-31.

A inizio secondo set Preti e Cominetti lanciano subito avanti il Pool Libertas (6-3). Un muro su Ogurcak dello stesso schiacciatore milanese ed è 9-5, con Coach Lanci a fermare il gioco. Santangelo mura Marks per il +5 (10-5), ma è lo stesso opposto tedesco a ridurre le distanze (11-8). Un attacco di Santangelo confermato out dal videocheck riporta gli abruzzesi sotto (12-10). Muro a uno di Cominetti su Marks, ed è di nuovo +4 (15-11). Ortona torna sotto (16-14), ma un ace di Santangelo la ricaccia ancora indietro, e Coach Lanci chia il suo secondo time-out (19-15). I canturini gestiscono bene il vantaggio, ed è Capitan Monguzzi a consegnare il set ai suoi murando Ogurcak (25-19).

A inizio terzo set il turno in battuta di Preti (5 ace a fine match) è letale per la ricezione ortonese: con 3 ace consecutivi, infatti, i canturini volano 7-1. La Sieco, però, non si disunisce, alza il muro, e torna sotto (8-5). Il Pool Libertas rilancia l’azione e va 12-5 con un muro di Monguzzi su Ogurcak. Un attacco di uno scatenato Preti porta i canturini sul +8 (15-7). Lo schiacciatore slovacco cerca di tenere a galla i suoi, ma è il turno in battuta di Sitti a fare male alla ricezione canturina, costringendo Coach Cominetti a fermare il gioco (20-15). Al rientro in campo Ortona continua la sua rincorsa portandosi a -3 (20-17), ma Santangelo è scatenato e ricaccia indietro gli avversari (23-17). Altro recupero degli abruzzesi, e Coach Cominetti chiama il suo secondo time-out (23-20). Si lotta fino alla fine, ma è una battuta in rete di Fiscon a consegnare set e match ai padroni di casa (25-21).

Queste le parole di Coach Cominetti a fine partita: “Questi sono tre punti d’oro, perché ci rimettono in corsa per il quarto posto. Sappiamo che dobbiamo ancora affrontare il Club Italia in casa, ma questo è già un bel mattoncino. Abbiamo fatto vedere una buona forza in campo, siamo stati bravi a tenere in ricezione, a parte l’ultimo set in cui abbiamo fatto un po’ più di fatica, ma gli ace subiti sono stati compensati con le battute vincenti messe a segno a inizio parziale. I ragazzi sono stati attenti, anche se abbiamo ancora qualcosa da migliorare, specialmente sul limitare gli errori in fase di cambiopalla, dove dobbiamo essere più cinici e sbagliare meno per non sprecare i vantaggi che riusciamo a costruire. Bravi noi nel primo set a restare in campo anche su un punteggio così alto”.