L’ultima fatica di Spoleto prima dei playoff si chiama Potenza Picena

Romolo Mariano festeggia un'azione vincente insieme ai compagni (foto Sordini)

Con la qualificazione ai playoff già in tasca, la Monini Marconi affronterà serenamente la trasferta di Civitanova contro la GoldenPlast Potenza Picena, ma pur sempre alla ricerca di una vittoria che potrebbe cambiare, e di molto, la griglia di partenza dei playoff. In caso di un risultato positivo degli oleari e di un passo falso di almeno una tra Brescia (che affronterà in casa Mondovì’) e Reggio Emilia (che andrà a Roma), si potrebbero spalancare le porte della terza o, addirittura, della seconda posizione, che significherebbe fattore campo favorevole. Ora come ora sarebbe la corazzata Piacenza l’avversaria ai quarti di Padura Diaz e compagni, che pescherebbero invece Bergamo arrivando terzi e Castellana Grotte dell’ex Matteo Bertoli se finissero secondi.

Inutile però fare troppi calcoli, bisognerà ancora una volta pensare a fare il proprio dovere, con la forza che può derivare dall’avere già raggiunto il primo obiettivo stagionale. “Siamo ai playoff per la terza stagione consecutiva, voglio ringraziare tutti per il lavoro svolto fino a qui”. Sono le parole della presidentessa Vincenza Mari, che ringrazia il suo staff e i suoi giocatori “per essersi compattati proprio nel momento del bisogno. Se potremo ancora giocarci la possibilità di salire in Superlega è grazie allo sforzo collettivo di tutti, anche del pubblico per come ci ha sostenuto nelle ultime e decisive gare”. Sugli avversari da incontrare ai playoff, la presidentessa ha le idee chiare: “Credo che Piacenza sia la favorita per il salto in SuperLega, sia per il percorso fatto fino a qui sia per gli ultimi movimenti di mercato, ma noi non dobbiamo avere paura di un eventuale quarto contro di loro. Sappiamo che se vogliamo vincere dovremo incontrarle e batterle tutte”.

E prima di pensare ai playoff c’è da pensare alla GoldenPlast Potenza Picena degli eterni Natale Monopoli e Matteo Paoletti, leader carismatici di una squadra costruita con tanti giovani intorno a loro e protagonista di una stagione a dir poco eccellente. I marchigiani giocheranno per difendere il quinto posto dall’assalto di Lagonegro e mantenere così il miglior piazzamento in ottica playoff. Sarà una gara complicata che la Monini non potrà permettersi di approcciare in modo blando, servirà al contrario la stessa aggressività che si è vista nelle ultime gare in casa (Lagonegro, Reggio Emilia e Santa Croce) e che invece è un po’ mancata lontano dal Palarota.

“Sabato sarà molto importante – commenta Romolo Mariano – perché vogliamo sfruttare l’opportunità di scalare la classifica vincendo a Civitanova e continuare anche la striscia delle vittorie con un successo fuori casa. Poi da domenica penseremo ai playoff, dove si partirà zero a zero. Se dovessi indicare una squadra da evitare direi Piacenza, sicuramente la favorita per il salto di categoria, ma come la nostra esperienza insegna i playoff bisogna sempre giocarli prima di tirare le somme. Però Piacenza mi piacerebbe incontrarla in finale”.

Parole autorevoli quelle di Mariano, che di playoff promozione se ne intende e che si prepara a disputare il terzo consecutivo in maglia Monini Marconi. Ma prima tutti concentrati sul match di sabato alle 20.30, insieme a tutte le altre gare del Girone Bianco. Poi il verdetto su chi ci toccherà ai quarti.

Ufficio stampa Monini Marconi Spoleto