Piacenza alza la Del Monte® Coppa Italia Serie A2

VOLLEY. DEL MONTE FINAL FOUR COPPA ITALIA PALLAVOLO. . FINALE A2, OLIPIA BERGAMO - GAS SALES PIACENZA.

Del Monte® Coppa Italia Serie A2 Finale
Primo trofeo tricolore per
la Gas Sales Piacenza nella maratona con l’Olimpia Bergamo all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno. Fei Del Monte® MVP nel giorno dei suoi diecimila punti

Risultato Finale Del Monte® Coppa Italia Serie A2
Olimpia Bergamo – Gas Sales Piacenza 2-3 (20-25, 25-22, 25-17,22-25, 11-15).

Olimpia Bergamo – Gas Sales Piacenza 2-3 (20-25, 25-22, 25-17, 22-25, 11-15) – Olimpia Bergamo: Garnica 1, Tiozzo 14, Cargioli 11, Romanò 27, Shavrak 13, Erati 8, Franzoni (L), Sette 1, Innocenti (L), Cristofaletti 0. N.E. Cogliati, Cioffi, Gritti, Marzorati. All. Spanakis. Gas Sales Piacenza: Paris 2, Klobucar 7, Copelli 1, Fei 31, Yudin 14, Tondo 10, Cereda (L), Beltrami 0, Fanuli (L), Ceccato 0, Canella 1, Mercorio 6. N.E. Ingrosso, De Biasi. All. Botti. ARBITRI: Spinnicchia, Curto. NOTE – durata set: 25′, 28′, 28′, 27′, 18′; tot: 126′. Spettatori: 6.600. Del Monte ® MVP: Fei.

Il futuro è di Yuri Romanò, ma sua maestà Fei non ha ancora abdicato. Nella splendida cornice dell’Unipol Arena a Casalecchio di Reno (BO), di fronte a quasi 7.000 spettatori in delirio, la Gas Sales Piacenza di Massimo Botti alza al cielo la prima Del Monte® Coppa Italia Serie A2 della sua storia con il successo al tie break in rimonta contro l’Olimpia Bergamo di Alessandro Spanakis, allenatore che lo scorso anno aveva alzato al cielo il trofeo a Bari alla guida della Ceramica Scarabeo GCF Roma.

Prima partecipazione da sogno per la squadra emiliana fresca di nascita, qualificata da seconda in classifica nel Girone Blu e subito capace di mettere in bacheca il trofeo tricolore di categoria. Un traguardo giunto dopo le vittorie nette con Reggio Emilia e Brescia, seguite dal colpo di coda a Bologna. E’ la dimostrazione sul campo di come l’amore per lo sport non abbia limiti. In questo caso la passione per il volley piacentino alla base dell’araba fenice Gas Sales, nata su impulso di Hristo Zlatanov, storico capitano della Copria Piacenza, squadra vincitrice della Del Monte ® Coppa Italia di A1 nel 2013/14 a Bologna.

Per Massimo Botti è la prima Coppa Italia di A2 da tecnico dopo le due vinte da giocatore nel 1988/89 e 2007/08 e dopo il trofeo di A1 vinto nel 1991/92. Si tratta del primo trofeo di A2 per Alessandro Fei, MVP del match con 31 punti e premiato per aver superato nel corso dell’incontro i diecimila sigilli in carriera. Il fuoriclasse della Gas Sales vanta anche nel palmares 5 Coppe di A1: nel 2000/01 con la Lube, nel 2003/04, 2004/05 e 2006/07 con Treviso e nel 2013/14 con la Copra.

Avanti di un set, i piacentini finiscono sotto 2-1, ma vincono il quarto parziale trainati da Fei e trovano l’alchimia vincente al tie break contro un’Olimpia mai doma. Con la correlazione muro-difesa in equilibrio e il bilancio degli ace favorevole agli orobici (9-5), sono la maggior efficacia in attacco nei momenti cruciali e gli acuti dei senatori in maglia Gas Sales a fissare il punteggio di un match dall’elevato tasso agonistico.

Ad anticipare la cerimonia finale e ad animare le pause sono le interviste del giornalista Lorenzo Dallari e la consegna del pallone d’oro autografato dai capitani delle finaliste al Comitato territoriale di Milano-Monza-Lecco. Giochi e cornici spiritose sui maxischermi nel corso del match e replay in slow motion. Applausi a scena aperta anche per le mascotte dell’evento, Mister Banana, e per la Del Monte® Volley Band. Sfida sugli spalti a suon di coreografie.

A premiare la seconda classificata sono Michele Miccolis, Vicepresidente della Lega Pallavolo Serie A, e Massimo D’Onofrio, Consigliere di Lega. La Coppa ai vincitori viene consegnata da Paola De Micheli Presidente della Lega Volley, e da Pietro Bruno Cattaneo, Presidente della Fipav, mentre Massimo Righi, Amministratore Delegato della Lega Volley, consegna ad Alessandro Fei il premio come Del Monte® MVP della Finale.

LA GARA .
Oimpia Bergamo in campo con Garnica al palleggio per l’opposto Romanò, Shavrak e Tiozzo in posto 4, Erati e Cargioli al centro, Innocenti libero. La Gas Sales Piacenza risponde con la diagonale composta da Paris e Fei, Yudin e Klobucar laterali, Tondo e Copelli centrali, Fanuli lbero.

L’avvio sprint di Piacenza, +5 dopo il pallonetto di Yudin (4-9), spinge Spanakis al time out, ma gli emiliani allungano (4-10). Bergamo si rianima con Romanò, che apre il muro e carica i suoi, capaci di arrivare fino al 10-12 con la serie di Garnica al servizio. Sotto pressione la Gas Sales rialza il livello e prende il largo (12-18). Gli orobici ritrovano il sorriso con 2 ace di Shavrak (17-19 e record della gara con 107 km/h), ma poi vanno sotto 19-24 sul colpo di Fei e cadono 20-25 sull’errore di Tiozzo.

In avvio di secondo set è avanti Piacenza (7-9). L’Olimpia impatta su un servizio a rete della Gas Sales (10-10) e trova il primo vantaggio con Romanò (13-12). Si procede punto a punto fino al +2 targato Cargioli (18-16). Yudin lascia il posto a Mercorio, ma il sestetto di Spanakis trova un buon ritmo (21-16). Sull’ace di Mercorio (23-20) Piacenza ci crede e annulla 2 set ball, ma cade 25-22 sull’attacco di Romanò nonostante il 71% di positività fatto registrare da Fei.

Nel terzo set Piacenza schiera Mercorio titolare (lo sarà anche nei successivi). Bergamo carbura in attacco e a muro (10-5). Gli emiliani perdono lucidità a rete, gli orobici vanno a segno anche dai nove metri con Cargioli, che tiene il servizio fino al 16-7. Botti inserisce Yudin per Klobucar, ma la musica non cambia e Shavrak semina il panico al servizio (20-9) prima di uscire per Sette. Reazione tardiva di Piacenza, trainata da Fei (21-14). Il mani out di Romanò (25-17) porta Bergamo sul 2-1.

Nel quarto set Piacenza in campo con Canella al posto di Copelli. Gli emiliani sono sul pezzo (7-9), i bergamaschi pareggiano con l’ace di Shavrak (12-12). Il parziale prosegue punto a punto fino all’attacco fuori asta di Shavrak (16-18). E’ di Mercorio l’offensiva del +3 (18-21) che prelude al punto numero 10000 di Fei in carriera (20-23). Sul 21-24 Romanò annulla la prima palla set, ma Piacenza porta la contesa al tie break (22-25). Show di Fei, autore di 10 punti con l’%82 di positività.

Al tie break Piacenza trova un primo break a muro (1-3) e allunga su una leggerezza bergamasca (1-4). Al cambio di campo si va sull’attacco vincente firmato da Mercorio (5-8). L’Olimpia paga il nervosismo (5-10), ma quando ormai i giochi sembrano fatti tiene aperta la gara con Romanò (8-10), che poi, però. incappa nel muro del (9-13). Fei continua a martellare, suoi anche i 2 punti decisivi (11-15).

Alessandro Spanakis (allenatore Olimpia Bergamo) : “Ci è sfuggita la Coppa ma abbiamo fatto qualcosa di epico esprimendoci alla pari con Piacenza nonostante i problemi fisici e l’esperienza degli avversari. Abbiamo portato il nostro gioco corale e un tifo splendido al seguito. La medaglia va presa a testa alta. A volte la differenza tra la vittoria e la sconfitta è minima, anche contro campioni come Fei”.
Yuri Romanò (Olimpia Bergamo) : “E’ un vero peccato non aver completato l’opera. Abbiamo espresso una grande pallavolo e siamo stati a tratti superiori. Il rammarico è per il quarto set, potevamo e dovevamo vincerlo. Onore a Piacenza, un team costruito per grandi obiettivi. Volevamo il trofeo per i nostri tifosi. Sono meravigliosi e ci daranno la carica per concentrarci sul Campionato”.

Massimo Botti (allenatore Gas Sales Piacenza): “Siamo stati bravi a recuperare dopo il secondo e terzo set, quando c’erano molte cose che non funzionavano e i nostri avversari avevano preso fiducia. Ci siamo guardati in faccia e abbiamo detto di sfruttare l’occasione, così abbiamo ripreso a giocare a pallavolo, anche se non siamo stati perfetti”.
Alessandro Fei (Gas Sales Piacenza): “Mi è stata data l’opportunità di giocare con questa squadra e per questa società. Devo ringraziare Zlatanov. Ci tenevo a vincere, ci ho messo il cuore per conseguire il risultato che abbiamo portato a casa senza però esprimere la nostra migliore pallavolo. Nel finale l’adrenalina mi ha dato la forza di superare stanchezza e dolore”.

L’ALBO D’ORO DELLA COPPA ITALIA SERIE A2
1997/98 Sira Falconara
1998/99 Cosmogas Forlì
1999/00 Della Rovere Carifano
2000/01 Pony Express Kappa Torino
2001/02 Copra Piacenza
2002/03 Tonno Callipo Vibo Valentia
2003/04 Marmi Lanza Verona
2004/05 Codyeco Santa Croce
2005/06 Salento d’amare Taviano
2006/07 Sparkling Milano
2007/08 Marmi Lanza Verona
2008/09 Andreoli Latina
2009/10 M. Roma Volley
2010/11 NGM Mobile Santa Croce
2011/12 BCC-NEP Castellana Grotte
2012/13 Sidigas HS Atripalda
2013/14 Tonazzo Padova
2014/15 Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia
2015/16 Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia
2016/17 Emma Villas Siena
2017/18 Ceramica Scarabeo GCF Roma
2018/19 Gas Sales Piacenza