Lega Pallavolo Serie A, Via Giuseppe Rivani, 6 - 40138 Bologna - Tel +39 051 4195660 - Fax +39 051 4195619 - Partita Iva 03747920373 - email: info@legavolley.it
 
 
 
Legavolley  Newsletter Lega Volley: Risultati 5a di ritorno SuperLega: tutto immutato in vetta con DHL capolista e Cucine Lube seconda. CMC interrompe l'inviolabilità del PalaTrento, Calzedonia Verona torna al successo. Provvedimenti disciplinari Serie A2 UnipolSai
  Stampa

  Mercoledí 3 Febbraio 2016 - 23:54  
Newsletter Lega Volley: Risultati 5a di ritorno SuperLega: tutto immutato in vetta con DHL capolista e Cucine Lube seconda. CMC interrompe l'inviolabilità del PalaTrento, Calzedonia Verona torna al successo. Provvedimenti disciplinari Serie A2 UnipolSai 
 
SuperLega UnipolSai
5a di ritorno: CMC Romagna viola il PalaTrento 3-2. DHL Modena espugna Latina in rimonta, Calzedonia Verona ritrova il sorriso al PalaBanca, Cucine Lube Civitanova parte male, poi supera Sir Safety Conad Perugia. Tonazzo Padova batte Exprivia Molfetta al tie-break. Domani, alle 20.30, diretta su RAI Sport 1 del derby Gi Group Monza – Revivre Milano. 6a di SuperLega spalmata tra martedì 9 e giovedì 11 febbraio per il turno infrasettimanale subito dopo la Del Monte® Coppa Italia SuperLega Final Four di Assago
 
Risultati 5a giornata di ritorno SuperLega UnipolSai:
Diatec Trentino-CMC Romagna 2-3 (25-18, 20-25, 25-19, 22-25, 14-16); Ninfa Latina-DHL Modena 1-3 (25-23, 19-25, 23-25, 22-25); LPR Piacenza-Calzedonia Verona 1-3 (25-23, 22-25, 19-25, 19-25); Cucine Lube Banca Marche Civitanova-Sir Safety Conad Perugia 3-1 (18-25, 26-24, 25-20, 25-18); Tonazzo Padova-Exprivia Molfetta 3-2 (25-23, 23-25, 25-22, 20-25, 15-13); Gi Group Monza-Revivre Milano 04/02/2016 alle 20:30 in diretta su RAI Sport 1
  
 
 
 
NINFA LATINA - DHL MODENA 1-3 (25-23, 19-25, 23-25, 22-25) - NINFA LATINA: Krumins, Mattei 6, Sottile 2, Sket 11, Pavlov 18, Ferenciac, Romiti (L), Yosifov 8, Rossi 2, Maruotti 12. Non entrati Tailli, Hirsch. All. Placì. DHL MODENA: Mossa De Rezende 7, Donadio, Rossini (L), Ngapeth 25, Nikic 5, Bossi 8, Saatkamp 12, Vettori 15, Sighinolfi. Non entrati Petric, Soli, Casadei, Sartoretti, Piano. All. Lorenzetti. ARBITRI: Zanussi, Cesare. NOTE – Spettatori 1500. Durata set: 28', 26', 30', 27'; tot: 111'.
 
La DHL si aggiudica in quattro set sudati la sedicesima giornata della SuperLega UnipolSai contro un Latina mai domo. Una gara molto tirata dove i pontini sono sempre rientrati in partita approfittando anche degli errori degli emiliani. Placì non ha potuto schierare Hirsch e Tailli, ma ha trovato nel rientrante Pavlov una spina nel fianco degli avverari. Modena parte in avanti e sull’ace di Bruno allunga (17-20), ma Sottile in battuta mette in crisi la ricezione dell’ex Nikic e Maruotti conclude con tre punti consecutivi per il sorpasso (22-20,) mentre Pavlov chiude sul 25-22. Gli emiliani iniziano bene anche il secondo parziale e questa volta non cala nel rendimento. Nel finale sono Nikic e Luca a muro a chiudere sul 19-25. Mattei viene confermato, ma è sempre Modena a partire in quarta (7-16). Poi Maruotti e Mattei accorciano (19-21) e sull’errore di Bossi si va sul 21-22, ma Ngapeth chiude 23-25. Quarto set giocato punto a punto con Latina in ripresa (16-14). Vettori con un ace ribalta il punteggio 19-20, Ngapeth allunga con l’ace del 20-23, mentre Bossi chiude i conti con la giocata del 22-25.
 
MVP Bruno Bruninho Mossa de Rezende (DHL Modena)
 
 
Chiamate Video Check
 
1° set
Richiesto da Latina sul 5-10 per presunta toccata a rete. Decisione confermata, punto Modena 5-11
2° set
Richiesto da Latina sul 17-21 per out. Decisione cambiata, punto Latina 18-21
3° set
Richiesto da Modena sul 2-6 per palla out. Decisione cambiata, punto Modena 2-7
4° set
Richiesto da Latina sul 10-7 per palla out Decisione confermata, punto Latina 11-7 
Richiesto da Latina sul 13-9 per palla out. Decisione confermata, punto Modena 13-10
Richiesto da Modena sul 20-23 per palla out. Decisione confermata, punto Latina 21-23
 
 
Viktor Yosifov (Ninfa Latina): “Oggi, rispetto alle altre gare con le grandi, siamo riusciti a giocare un grande incontro per tutta la durata dei set. Abbiamo continuato quello che di buono è venuto fuori a Verona, crescendo nel nostro gioco. Una bella partita”.
 
Salvatore Rossini (DHL Modena): “E’ stata dura. È la prima volta per me che vinco a Latina. Tre punti importanti per darci lo slancio verso un fine settimana molto impegnativo. Questa gara ci ha insegnato molto. Bisogna giocare sempre, ogni set fino alla fine, per portare a casa la vittoria”.
 
 
 
 
DIATEC TRENTINO - CMC ROMAGNA 2-3 (25-18, 20-25, 25-19, 22-25, 14-16) - DIATEC TRENTINO: Nelli, Antonov 7, Bratoev 2, Giannelli 2, Lanza 11, Solé 13, Djuric 24, Colaci (L), Van De Voorde 8, Urnaut 7. Non entrati Mazzone, De Angelis, Mazzone. All. Stoytchev. CMC ROMAGNA: Mengozzi 8, Ricci 12, Cavanna 3, Zappoli 5, Della Lunga 2, Van Garderen 19, Polo, Koumentakis 4, Goi (L), Torres 25, Boswinkel 1, Bari (L), Perini De Aviz. All. Kantor. ARBITRI: Lot, Goitre. NOTE - Spettatori 2385, incasso 15083, durata set: 26', 28', 27', 30', 21'; tot: 132'.
 
A tre giorni dalla semifinale di Del Monte® Coppa Italia 2016 con la Lube, la Diatec Trentino fa segnare un preoccupante passaggio a vuoto. Il sedicesimo impegno stagionale in regular season SuperLega UnipolSai 2015/16 è infatti risultato fatale ai Campioni d’Italia, che in un sol colpo perdono la storica imbattibilità interna in campionato (durava dalla prima gara in assoluto di SuperLega – 19 ottobre 2014) e due preziosi punti utili per la rincorsa alle prime due posizioni. La vendetta dei tanti ex di turno presenti nella CMC Romagna, passata al PalaTrento con pieno merito, è stata quindi servita in tavola dopo oltre due ore di gioco, che hanno visto i padroni di casa tenere le redini in mano sino al 2-1, prima di subire la orgogliosa rimonta dei romagnoli, guidati da Torres (25 punti col 59%) e Cavanna, bravi a non dare punti di riferimento al muro dei gialloblù. Per Trento troppe incertezze nella seconda parte del match e difficoltà fra muro e difesa proprio quando sembrava poter chiudere il discorso; onore e merito alla CMC Romagna che dopo Perugia conferma di potersela giocare alla pari con le grandi.
 
MVP Maurice Torres (CMC Romagna)
 
 
Chiamate Video-Check
 
1° SET
12-11 (muro di Djuric) Video Check richiesto da Trento: per verifica in/out. Decisione arbitrale confermato, punto assegnato a Romagna (12-12)
2° SET
9-13 (attacco di Djuric) Video Check richiesto da Romagna: per verifica in/out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Romagna (9-14)
3° SET
6-5 (servizio di Djuric) Video Check richiesto da Trento: per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (7-5)
11-7 (attacco di Zappoli) Video Check richiesto da Trento: per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Romagna (11-8)
12-8 (servizio di Van de Voorde) Video Check richiesto da Trento: per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Romagna (12-9)
4° SET
15-18 (servizio di Djuric) Video Check richiesto da Romagna: per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (16-18)
20-23 (attacco di Djuric) Video Check richiesto da Romagna: per invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (21-23)
5° SET
4-3 (attacco di Lanza) Video Check richiesto da Trento: per invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Romagna (4-4)
 
 
Radostin Stoytchev (allenatore Diatec Trentino): “Abbiamo giocato sotto i nostri livelli, facendo fatica in contrattacco e a muro. Giocando così si perde. Complimenti alla CMC Romagna che ci ha sempre creduto approfittando dei nostri errori. Non dobbiamo cercare scuse. Abbiamo giocato male”.
 
Andrea Bari (CMC Romagna): “Se giochiamo in questa maniera meritiamo i Play Off. E stata una partita piena di alti e bassi, ma siamo stati bravi a crederci sempre e a approfittare di un loro momento difficile che prima di un impegno importante come la Final Four di Coppa Italia ci può stare benissimo. Vincere qui da ex di turno, però, è qualcosa di davvero particolare”.
 
 
 
 
LPR PIACENZA - CALZEDONIA VERONA 1-3 (25-23, 22-25, 19-25, 19-25) - LPR PIACENZA: Coscione 1, Kohut 10, Ter Horst 8, Perrin 10, Papi 9, Patriarca 5, Lampariello (L), Luburic 2, Tencati 7, Tavares Rodrigues 2. Non entrati Sedlacek, Zlatanov, Cottarelli. All. Giuliani. CALZEDONIA VERONA: Zingel 10, Kovacevic 21, Pesaresi (L), Gitto, Lecat 6, Spirito, Baranowicz 1, Bellei 2, Sander 25, Anzani 8. Non entrati Frigo, Starovic, Bucko. All. Giani. ARBITRI: Bartolini, Zucca. NOTE - Spettatori 2029, durata set: 29', 27', 28', 27'; tot: 111'.
 
Al PalaBanca la Calzedonia Verona interrompe il digiuno di vittorie e sconfigge la LPR Volley Piacenza. Mattatore della serata Taylor Sander, che mette a terra ben 25 palloni utili per il titolo di MVP del match. Bene anche Kovacevic con 21 punti. Buona partenza di Piacenza che conquista il primo set, lotta nel secondo e poi cede negli ultimi due parziali agli attacchi degli uomini di Giani. I biancorossi mostrano un atteggiamento diverso rispetto alle partite con Padova e Trento, ma faticano nella seconda parte di gara a mettere a segno palloni importanti, che invece Verona non sbaglia.
 
MVP Taylor Sander (Calzedonia Verona)
 
 
Chiamate Video Check
 
1° SET
13-15 (attacco Perrin) Video Check richiesto da Piacenza per tocco rete. Decisione arbitrale confermata, punto a Verona 13-16
18-19 (battuta Verona) Video Check richiesto da Piacenza per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto a Verona 18-20.
23-23 (attacco Perrin) Video Check richiesto da Verona per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto a Piacenza 24-23
2°SET:
12-11 (attacco Piacenza) Video Check richiesto da Piacenza per verifica invasione. Decisione arbitrale invertita, punto a Piacenza. (13-11)
21-22 (attacco Kohut) Video Check richiesto da Piacenza per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto a Verona (21-23)
3° SET  
6-13 (battuta Baranowicz) Video Check richiesto da Piacenza per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto a Verona (6-14)
4°SET
4-2 (muro Patriarca) Video Check richiesto da Piacenza per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto a Verona (4-3)
5-7 (attacco Kovacevic) Video Check richiesto da Verona per verifica invasione. Decisone arbitrale invertita, punto a Verona (5-8)
 
 
Stefano Patriarca (LPR Volley Piacenza): “Siamo calati in modo vistoso dal terzo set, quando sono aumentati gli errori in attacco. E’ una cosa che non può succedere e che dobbiamo gestire meglio. È una sconfitta che brucia di più rispetto a quelle con Padova e Trento perché si sono viste delle buone cose nei primi due set ed eravamo convinti che in questa partita potevamo portare a casa qualche punto. Adesso abbiamo qualche giorno per lavorare in palestra e dobbiamo avere un atteggiamento concentrato per preparare al meglio le prossime sfide”.
 
Nessuna dichiarazione per CalzedoniaVerona
 
 
 
CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA - SIR SAFETY CONAD PERUGIA 3-1 (18-25, 26-24, 25-20, 25-18) - CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA: Parodi 10, Juantorena 11, Stankovic 7, Priddy 2, Christenson 3, Cester 5, Grebennikov (L), Miljkovic 14, Cebulj 1, Podrascanin 11. Non entrati Fei, Vitelli, Corvetta. All. Blengini. SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Buti 1, Fromm 6, Holt 3, De Cecco 4, Kaliberda 9, Giovi (L), Dimitrov, Elia 4, Atanasijevic 29, Fanuli, Birarelli 6. Non entrati Tzioumakas, Franceschini. All. Kovac. ARBITRI: Pol, Simbari. NOTE - Spettatori 3217, incasso 14100, durata set: 26', 35', 29', 25'; tot: 115'.
 
La Cucine Lube Banca Marche consolida l’imbattibilità in campionato nel 2016 facendo suo il big match contro la Sir Safety Conad Perugia, valido per la quinta giornata di ritorno della SuperLega UnipolSai. Contro gli umbri, alla terza sconfitta rimediata nelle ultime cinque giornate, la squadra di Gianlorenzo Blengini si è imposta per 3-1 (18-25, 26-24, 25-20, 25-18) grazie a una incredibile rimonta, avviata proprio quando sembrava incappata nella peggiore delle serate. Sotto di un parziale con un pessimo 21% di squadra in attacco nel primo set, che da una parte aveva visto Blengini giocare invano molte delle sue carte (dentro Priddy per Cebulj), e dall’altra un Atanasijevic assoluto trascinatore della Sir padrona del gioco (per il serbo 9 punti col 54%, Perugia che ha chiuso 25-18 dopo aver tenuto costantemente almeno cinque lunghezze di vantaggio). Sotto addirittura 23-19 nel secondo set, il guizzo decisivo arriva dall’ottimo turno in battuta di Marko Podrascanin, che pungendo dai nove metri consente a Miljkovic (4 punti, 57%) e soprattutto a Juantorena (7 punti, 55% in attacco e 1 muro) di far male su ogni ricostruzione, riportando la Cucine Lube Banca Marche in parità a quota 23, e poi davanti fino al definitivo 26-24, firmato sempre dell’italo-cubano. Un vero e proprio monologo dei biancorossi nel terzo parziale (25-18 dopo aver condotto 6-1 e 17-11) e nel successivo (25-18, ultimo punto di un buon Miljkovic, autore di 14 punti). Serata memorabile per Simone Parodi, tornato a recitare un ruolo di primo attore.
 
MVP Simone Parodi (Cucine Lube Banca Marche Civitanova)
 
 
Chiamate Video Check
 
1°SET
8-10 (servizio Kaliberda) Video Check richiesto da: Civitanova per verifica fallo di riga al servizio. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (8-11).
9-11 (attacco Atanasijevic) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Civitanova (10-11).
2°SET
12-16 (servizio De Cecco) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Civitanova (13-16).
13-16 (attacco Atanasijevic) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in-out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Perugia (13-17).
15-19 (muro Podrascanin) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in-out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Perugia (15-20).
24-23 (attacco Juantorena) Video Check richiesto da: Civitanova per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (24-24).
3°SET
6-2 (servizio Atanasijevic) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in-out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Perugia (6-3).
21-16 (attacco Birarelli) Video Check richiesto da: Civitanova per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (21-17).
23-20 (attacco Miljkovic) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in-out. Decisione confermata, punto assegnato a Civitanova (24-20).
4°SET
20-14 (muro Miljkovic) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (20-15).
 
 
Gianlorenzo Blengini (allenatore Cucine Lube Banca Marche): “Quella di stasera è stata una grande prova di carattere, arrivata dopo un primo parziale e un avvio di secondo tutt’altro che semplici. Una vittoria importantissima, voluta a tutti i costi, che ci consentirà di andare a Milano per la Coppa Italia con la giusta carica e la giusta testa”.
 
Alexandar Atanasijevic (Sir Safety Conad Perugia): “Sul 23-19 per noi del secondo set abbiamo avuto la grande occasione e l’abbiamo purtroppo sprecata a causa del servizio di Podrascanin, che ci ha messo in grande difficoltà. La Lube secondo me è la squadra più forte del campionato perché ha tante risorse a disposizione e l’ha dimostrato anche stasera. Peccato, ma andremo alla Coppa Italia carichi e consapevoli di avere tutte le carte in regola per poter battere Modena”.
 
 
 
TONAZZO PADOVA - EXPRIVIA MOLFETTA 3-2 (25-23, 23-25, 25-22, 20-25, 15-13) - TONAZZO PADOVA: Cook 19, Orduna 4, Giannotti 20, Balaso (L), Bassanello, Quiroga 2, Volpato 9, Averill 9, Berger 12, Milan 2, Diamantini 1. Non entrati Leoni, Lazzaretto. All. Baldovin. EXPRIVIA MOLFETTA: Candellaro 13, Randazzo, De Barros Ferreira 15, Barone 7, De Pandis (L), Hierrezuelo 7, Fedrizzi 15, Hernandez Ramos 25. Non entrati Kaczynski, Spadavecchia, Mariella, Del Vecchio, Porcelli. All. Montagnani. ARBITRI: Frapiccini, Pozzato. NOTE - Spettatori 1559, incasso 4595, durata set: 28', 28', 25', 26', 18'; tot: 125'.
 
Alla Kioene Arena a esultare è la Tonazzo Padova. Dopo due ore di gioco il risultato finale è andato a favore della compagine veneta. Di sicuro tutte e due le squadre hanno dato vita ad un match estremamente interessante, rimasto in bilico fino all’ultimo pallone giocato. Testa a testa serrato nel primo set con chiusura finale di Padova (25-23) tra le proteste di Molfetta per l’ultima azione fallosa fischiata ai pugliesi. Braccio di ferro anche nel secondo parziale con il muro di Candellaro che pareggia i conti (23-25). Nel terzo set i giganti patavini emergono nel rush finale con Cook che trova il set ball, mentre il neo entrato Quiroga chiude con l’ace del 25-22. Nel quarto set Molfetta forza al servizio e, complice qualche errore in attacco di troppo della Tonazzo comanda il gioco, mentre Padova inserisce Milan per un Giannotti in calo (15-19). Nel finale un super Hernandez trova un doppio ace che porta la gara al tie-break: 20-25. Nella resa dei conti si procede a sportellate (12-12) con Giannotti nuovamente insidioso dai 9 metri. A far esplodere la Kioene Arena ci pensa Quiroga con il servizio che Hernandez non trattiene.
 
Chiamate Video Check
 
1° SET
14-14 (attacco Giannotti) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Exprivia Molfetta (14-15)
14-15 (attacco Joao Rafael) Video Check richiesto da: Exprivia Molfetta per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Tonazzo Padova (15-15)
24-23 (attacco Berger) Video Check richiesto da: Exprivia Molfetta per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Tonazzo Padova (25-23)
2° SET
15-15 (attacco Berger) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Exprivia Molfetta (15-16)
3° SET
2-2 (attacco Hernandez) Video Check richiesto da: Exprivia Molfetta per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Tonazzo Padova (3-2)
4° SET
6-9 (attacco Giannotti) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in-out.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Exprivia Molfetta (6-10)
19-23 (attacco Milan) Video Check richiesto da: Exprivia Molfetta per verifica in-out.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Tonazzo Padova (20-23)
5° SET
0-0 (servizio Orduna) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in-out.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Exprivia Molfetta (0-1)
14-12 (servizio Quiroga) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in-out.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Exprivia Molfetta (14-13)
 
 
Valerio Baldovin (allenatore Tonazzo Padova): “Dopo la pausa natalizia abbiamo giocato sempre buoni match e anche oggi abbiamo ottenuto due punti importanti contro una squadra che ha dimostrato la sua grande qualità. Siamo stati cinici nel momento in cui contava. Classifica? Non ci faccio caso per ora. Non è nel mio stile. Ora pensiamo alla prossima sfida con Perugia che di sicuro sarà un test assai difficile”.
 
Paolo Montagnani (allenatore Exprivia Molfetta): “E’ stata una partita divertente, perché entrambe le squadre per lunghi tratti hanno viaggiato con altissime percentuali di attacco. Per entrambi team non è stata invece una grande partita nella correlazione muro-difesa. Purtroppo non abbiamo gestito con lucidità gli ultimi palloni, cosa che Padova invece ha fatto”.



Classifica
DHL Modena 43, Cucine Lube Banca Marche Civitanova 41, Diatec Trentino 36, Calzedonia Verona 32, Sir Safety Conad Perugia 30, Exprivia Molfetta 24, Ninfa Latina 20, Tonazzo Padova 17, CMC Romagna 16, Gi Group Monza 15, LPR Piacenza 6, Revivre Milano 5.
 
Un incontro in meno: Gi Group Monza e Revivre Milano
 
 
 
Prossimo turno
Posticipo 5a giornata di ritorno SuperLega UnipolSai
Giovedì 4 febbraio 2016, ore 20.30
Gi Group Monza - Revivre Milano  Diretta RAI Sport 1
Diretta streaming su www.raisport.rai.it
(Piana-Gnani)
Addetto al Video Check: Manzoni  Segnapunti: Pisani
 
 
6a giornata di ritorno SuperLega UnipolSai
Martedì 9 febbraio 2016, ore 20.30
Revivre Milano - Ninfa Latina  Diretta  Diretta RAI Sport 1
Diretta streaming su www.raisport.rai.it
(Zucca-Florian)
Addetto al Video Check: Salvemini  Segnapunti: Colzi
Mercoledì 10 febbraio 2016, ore 19.30
Calzedonia Verona - Cucine Lube Banca Marche Civitanova  Diretta Lega Volley Channel
(La Micela-Piana)
Addetto al Video Check: Cristoforetti  Segnapunti: Pernpruner
Mercoledì 10 febbraio 2016, ore 20.30
A Ravenna  CMC Romagna - LPR Piacenza  Diretta  Diretta RAI Sport 1
Diretta streaming su www.raisport.rai.it
(Sampaolo-Rapisarda)
Addetto al Video Check: Marchetti  Segnapunti: Righi
Sir Safety Conad Perugia - Tonazzo Padova  Diretta Lega Volley Channel
(Braico-Gnani)
Addetto al Video Check: Giulietti  Segnapunti: Proietti
Exprivia Molfetta - Gi Group Monza  Diretta Lega Volley Channel
(Saltalippi-Zavater)
Addetto al Video Check: Colapietro  Segnapunti: Di Martino
Giovedì 11 febbraio 2016, ore 20.30
DHL Modena - Diatec Trentino  Diretta RAI Sport 1
Diretta streaming su www.raisport.rai.it
(Santi-Pasquali)
Addetto al Video Check: Selmi  Segnapunti: Risi
 
 
Provvedimenti disciplinari
Gare di Serie A2 UnipolSai del 30 e 31 gennaio e 1 febbraio 2016
                    
A CARICO TESSERATI
SQUALIFICATI
Mladen Majdak (Emma Villas Siena) squalifica per una giornata per somma di penalità, già ammonito in gara precedente (4 penalità).
Cristian Casoli (Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia) squalifica per una giornata per aver rivolto una frase irrispettosa nei confronti della coppia arbitrale durante il saluto al termine dell’incontro, già diffidato in gara precedente (6 penalità).
 

 


Italian Time: 23:53 - 25 Ago 2016
© 2008 Lega Pallavolo Serie A