Lega Pallavolo Serie A, Via Giuseppe Rivani, 6 - 40138 Bologna - Tel +39 051 4195660 - Fax +39 051 4195619 - Partita Iva 03747920373 - email: info@legavolley.it
 
 
 
Legavolley  Newsletter Lega Volley: Risultati 9a di ritorno Superlega UnipoSai: Cucine Lube Civitanova glaciale con Exprivia Molfetta e prima a +4 su DHL Modena che passa 3-2 a Perugia. Calzedonia Verona vola al quarto posto. Tonazzo Padova stende Gi Group Monza, Diatec Trentino batte in rimonta Revivre Milano. Provvedimenti disciplinari A2 UnipolSai
  Stampa

  Mercoledí 24 Febbraio 2016 - 23:25  
Newsletter Lega Volley: Risultati 9a di ritorno Superlega UnipoSai: Cucine Lube Civitanova glaciale con Exprivia Molfetta e prima a +4 su DHL Modena che passa 3-2 a Perugia. Calzedonia Verona vola al quarto posto. Tonazzo Padova stende Gi Group Monza, Diatec Trentino batte in rimonta Revivre Milano. Provvedimenti disciplinari A2 UnipolSai 
 
SuperLega UnipolSai
9a di ritorno: Calzedonia Verona supera CMC Romagna col brivido, DHL Modena espugna il PalaEvangelisti 3-2, Tonazzo Padova fa suo lo spareggio con Gi Group Monza, mentre Diatec Trentino s’impone in rimonta su Revivre Milano e Cucine Lube Civitanova doma in tre set Exprivia Molfetta. Domani alle 20.30 diretta RAI Sport 1 del posticipo LPR Piacenza – Ninfa Latina
 
 
Risultati 9a giornata di ritorno SuperLega UnipolSai
 
Sir Safety Conad Perugia-DHL Modena 2-3 (24-26, 25-18, 19-25, 25-20, 13-15); LPR Piacenza-Ninfa Latina – domani alle 20:30 in diretta su RAI Sport 1; Tonazzo Padova-Gi Group Monza 3-0 (25-23, 25-21, 25-13); Calzedonia Verona-CMC Romagna 3-1 (25-20, 25-20, 22-25, 26-24); Diatec Trentino-Revivre Milano 3-1 (25-27, 25-15, 25-16, 25-15); Cucine Lube Banca Marche Civitanova-Exprivia Molfetta 3-0 (25-17, 25-19, 25-22)
 
 
 
CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA - EXPRIVIA MOLFETTA 3-0 (25-17, 25-19, 25-22) - CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA: Parodi, Juantorena 14, Vitelli 10, Christenson 4, Grebennikov (L), Miljkovic 10, Cebulj 12, Podrascanin 9. Non entrati Fei, Stankovic, Priddy, Kovar, Corvetta. All. Blengini. EXPRIVIA MOLFETTA: Candellaro 2, Randazzo 7, Del Vecchio, De Barros Ferreira 9, Barone 8, De Pandis (L), Hierrezuelo 2, Fedrizzi, Hernandez Ramos 8. Non entrati Kaczynski, Spadavecchia, Mariella, Porcelli. All. Di Pinto. ARBITRI: Satanassi, Pasquali. NOTE - Spettatori 2116, incasso 19623, durata set: 24', 24', 27'; tot: 75'.
 
La Cucine Lube Banca Marche continua a marciare come un treno in campionato. A 72 ore di distanza dall’exploit di domenica scorsa al PalaPanini, al ritorno in campo all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche nel turno infrasettimanale valevole per la terzultima giornata di Regular Season della SuperLega Unipolsai, i biancorossi battono in tre set l’Exprivia Molfetta (25-17, 25-19, 25-22) confermando la propria imbattibilità nel girone di ritorno (nove vittorie di fila) e, soprattutto, il primato solitario in classifica. La squadra di Gianlorenzo Blengini, che ritrova nei dodici Jiri Kovar, a distanza di quasi dieci mesi dall’infortunio al ginocchio, rispetto a domenica scorsa si presenta all’appuntamento con un vestito tutto nuovo al centro, dove insieme a Podrascanin, al posto del febbricitante Cester viene schierato il baby Marco Vitelli (classe 1991), che corona la sua prima volta assoluta da titolare in campionato con una prestazione superlativa (10 punti, 88% in attacco, 2 muri e 1 ace), conquistando il titolo di Mvp. E’ lui a firmare l’accelerazione decisiva nel primo set capitalizzando i palloni apparecchiati da Christenson (7-3) e pungendo dalla linea dei nove metri. Civitanova gira a pieno regime in tutti i fondamentali, sfoderando un cambio palla regolarissimo e a trazione slovena, con Cebulj che chiuderà il parziale firmando 6 punti, 62% di efficacia sulle schiacciate e 1 ace. Che arriva sul 23-16, massimo vantaggio nel set dei marchigiani, vittoriosi 25-17 dopo un errore al servizio di Hernandez. Gioca a fari spenti il bomber dei pugliesi (solo 14% in attacco nel parziale d’apertura, chiuderà la partita con 8 punti e il 40%), ed è anche per questo che la squadra di Di Pinto (schiaccia col 32% nel primo e col 35% nel secondo set) fatica a tenere il passo dei padroni di casa. Bravi a sfoderare tutt’altri numeri, continuando a mettere in vetrina un gran Vitelli pure nel secondo parziale. Al resto pensano il solito inarrestabile Juantorena (8 punti, 70%) ben coadiuvato in attacco da capitan Miljkovic (4 punti, 57%) e dallo stesso Cebulj, decisivo con Podrascanin nello sprint finale che chiuderà le ostilità sul 25-19. Molfetta? Spronata da Di Pinto, mai domo, reagisce nel terzo set, tenendo la sfida in equilibrio fino a quota 22. A rimettere la situazione sul binario biancorosso ci pensa Juantorena (top scorer con 14 punti, 60% in attacco), che firma l’ace della staccata decisiva per il 3-0 finale
 
MVP Marco Vitelli (Cucine Lube Banca Marche Civitanova)
 
 
Chiamate Video Check
 
1° SET
11-7 (attacco Randazzo): Video Check richiesto da Civitanova per verifica in-out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Molfetta (11-8).
 
2° SET
5-3 (muro Hierrezuelo): Video Check richiesto da Civitanova per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Molfetta (5-4).
 
9-9 (attacco Juantorena): Video Check richiesto da Civitanova per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Molfetta (9-10).
 
18-15 (muro Barone): Video Check richiesto da Molfetta per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Civitanova (19-15).
 
3° SET
5-3 (muro Podrascanin): Video Check richiesto da Molfetta per verifica invasione a rete. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Molfetta (5-4).
 
 
Marko Podrascanin (Cucine Lube Banca Marche Civitanova): “Siamo stati bravi ad approcciare bene la partita, riuscendo a imporre il nostro ritmo di gioco dal primo pallone fino al termine del match. Nelle ultime gare siamo cresciuti tantissimo. La vittoria di domenica a Modena ci ha dato certamente una bella iniezione di fiducia dal punto di vista morale. Adesso dovremo essere bravi a continuare su questa strada”.
 
Vincenzo Di Pinto (allenatore Exprivia Molfetta): “Abbiamo commesso tantissimi errori. Troppi. Quando capita contro una squadra come la Lube, inevitabilmente si perde. In alcuni casi siamo riusciti a tenere bene con la battuta, ma poi le sbavature ci hanno fatto perdere il ritmo tenuto dai nostri avversari. Guardiamo avanti e pensiamo alla prossima sfida”.
 
 
 
TONAZZO PADOVA - GI GROUP MONZA 3-0 (25-23, 25-21, 25-13) - TONAZZO PADOVA: Cook 10, Orduna 2, Giannotti 17, Balaso (L), Quiroga, Volpato 10, Averill 8, Berger 8, Diamantini. Non entrati Leoni, Bassanello, Milan, Lazzaretto. All. Baldovin. GI GROUP MONZA: Raic 13, Sala 4, Galliani 4, Jovovic, Rizzo (L), Botto 9, Verhees 1, Beretta 4, Rousseaux 2. Non entrati Daldello, Mercorio, Brunetti, Gao. All. Vacondio. ARBITRI: Rapisarda, Lot. NOTE - Spettatori 1837, incasso 6074, durata set: 28', 28', 22'; tot: 78'.
 
Importantissima vittoria in chiave Play Off per la Tonazzo Padova, che in un’ora e 20 minuti di gioco s’impone per 3-0. Le chiavi del match sono state il servizio e la difesa dei veneti, capaci di togliere le speranze di recupero ai lombardi. Con Renan ai box per Monza (al suo posto Raic), parte bene la squadra di casa, che nel primo set si porta sul 12-9 grazie a una buona prova a muro. Raic però prende per mano i brianzoli che lottano fino al 25-23 che arriva grazie al muro vincente di Cook. Nel secondo set, il block di Orduna tiene Padova avanti sul 12-10 e i bianconeri guidano in vantaggio fino al 25-21 sfruttando le grandi difese di Balaso che fanno la differenza in questo parziale. Il terzo set vede il predominio della Tonazzo. A poco serve l’ingresso di Galliani per Monza, dato che Padova si porta sul 17-10 sfruttando un ottimo Giannotti. Da qui i bianconeri non si arrestano più, concludendo con un 25-13 senza diritto di replica.
 
MVP Fabio Balaso (Tonazzo Padova)
 
 
Chiamate Video Check
 
1° SET
6-4 (attacco Cook) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Gi Group Monza (6-5)
 
17-15 (attacco Cook) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Gi Group Monza (17-16)
 
2° SET
0-0 (attacco Rousseaux) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in-out.
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Tonazzo Padova (1-0)
 
5-3 (attacco Raic) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in-out.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Gi Group Monza (5-4)
 
10-9 (attacco Volpato) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in-out.
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Tonazzo Padova (11-9)
 
19-16 (attacco Rousseaux) Video Check richiesto da: Gi Group Monza per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Tonazzo Padova (20-16)
 
3° SET
13-8 (attacco Raic) Video Check richiesto da: Gi Group Monza per verifica invasione.
Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Tonazzo Padova (14-8)
 
19-12 (attacco Raic) Video Check richiesto da: Tonazzo Padova per verifica in-out.
Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Tonazzo Padova (20-12)
 
 
Fabio Balaso (Tonazzo Padova): “Non mi aspettavo di essere eletto MVP. Sono felice per la vittoria, merito di una grandissima prestazione di squadra. La nostra forza è la correlazione muro-difesa, così come il servizio che stasera è stato decisivo in diversi frangenti. Dedico questa vittoria ai miei compagni e alla mia famiglia”.
 
Oreste Vacondio (allenatore Gi Group Monza): “Padova è stata aggressiva al servizio e ha difeso molto bene. Noi non siamo riusciti a premere come loro. Prima della pausa di Natale stavamo giocando molto bene, poi le assenze e gli infortuni ci hanno penalizzato. Non dobbiamo però cercare alibi, per cui complimenti alla Tonazzo per la vittoria”.
 
 
 
CALZEDONIA VERONA - CMC ROMAGNA 3-1 (25-20, 25-20, 22-25, 26-24) - CALZEDONIA VERONA: Zingel 7, Kovacevic 23, Pesaresi (L), Gitto, Lecat, Spirito 1, Baranowicz 3, Starovic 17, Bellei, Sander 13, Anzani 10. Non entrati Frigo, Bucko. All. Giani. CMC ROMAGNA: Mengozzi 7, Ricci 3, Cavanna 2, Della Lunga 6, Van Garderen 19, Polo 3, Koumentakis 2, Goi (L), Torres 20, Boswinkel 3, Bari (L), Perini De Aviz. Non entrati Zappoli. All. Kantor. ARBITRI: La Micela, Florian. NOTE - Spettatori 2446, durata set: 27', 26', 36', 33'; tot: 122'.
 
La Calzedonia Verona torna a schierare il sestetto titolare a distanza di un mese esatto dall’ultima volta in campionato. Zingel e Anzani formano la coppia di centrali, Sander e Kovacevic gli schiacciatori di posto quattro con Baranowicz palleggiatore, Starovic opposto e Pesaresi libero. Ravenna risponde con Cavanna al palleggio, Torres opposto, Mengozzi e Ricci al centro, Van Garderen e Koumentakis schiacciatori e Bari libero. La Calzedonia Verona spacca il primo parziale poco dopo l’apertura e alla distanza mantiene elevata la sua qualità di gioco trovando con continuità punti in attacco (71% finale nel parziale) per poi imporsi 25 a 20. I padroni di casa continuano a premere in apertura di secondo parziale, mentre la CMC fatica a trovare continuità in attacco Nel finale gli equilibri non cambiano e Verona si impone sul 25-20. Ravenna rialza la testa in apertura di terzo parziale. Ritrova attacco e determinazione concretizzando lo strappo più importante sul 13 a 17. La Calzedonia si riavvicina fino al meno 2, ma nel finale (22-25) gli scaligeri vengono traditi dall’errore di Sander che poteva valere il -1. Il match torna in discussione e il quarto parziale è una vera battaglia senza respiro. Le due squadre si rincorrono nel punteggio. Finale incandescente, Ravenna sorpassa con Torres sul 21 a 22, ma Verona risponde ancora una volta. Kovacevic spinge sul muro il pallone che vale il 23 a 22. Poi, però, la resa dei conti è ai vantaggi. Sander firma il punto decisivo del 26 a 24.
 
MVP Uros Kovacevic (Calzedonia Verona)
 
 
Chiamate Video Check
 
1° Set
3-4(servizio Starovic) – Video Check richiesto da Verona per verifica in-out; decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Verona (4-4)
 
18-14(attacco Van Garderen) – Video Check richiesto da CMC per verifica invasione rete; decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (19-14)
 
3° Set
12-14(attacco Sander) – Video Check richiesto da Verona per verifica invasione rete; decisione arbitrale confermata, punto assegnato a CMC (12-15)
 
14-17(attacco Kovacevic) – Video Check richiesto da CMC per verifica invasione rete; decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (15-17)
 
15-18 (attacco Starovic) – Video Check richiesto da Verona per verifica invasione rete; decisione arbitrale confermata, punto assegnato a CMC (15-19)
 
16-19 (servizio Spirito) – Video Check richiesto da CMC per verifica in-out; decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Verona (17-19)
 
4° Set
3-1(servizio Starovic) – Video Check richiesto da CMC per verifica in-out; decisione arbitrale invertita, punto assegnato a CMC (3-2)
 
22-22(attacco Kovacevic) – Video Check richiesto da Verona per verifica invasione rete; decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Verona (23-22)
 
 
Uros Kovacevic (Calzedonia Verona): “Sono molto contento perché abbiamo vinto e abbiamo ritrovato il ritmo del girone di andata. Ora siamo tornati a giocare una bella pallavolo. Peccato per il terzo set, ma nel quarto siamo riusciti a imporci ai vantaggi e ci siamo portati a casa tre punti fondamentali”.
 
Waldo Kantor (allenatore CMC Romagna): “I primi due set e gli ultimi due sembrano appartenere a due partite diverse. All’inizio Verona ha giocato benissimo e noi abbiamo subìto attacco e battute. Dopo abbiamo iniziato a giocare molto meglio riuscendo anche a difendere. Il nostro muro ha trovato continuità contribuendo a riportare la gara in equilibrio e ad aumentare lo spettacolo”.
 
 
 
DIATEC TRENTINO - REVIVRE MILANO 3-1 (25-27, 25-15, 25-16, 25-15) - DIATEC TRENTINO: Nelli 13, Antonov 9, Mazzone 3, Bratoev 3, De Angelis, Giannelli 6, Solé 11, Djuric 3, Colaci (L), Van De Voorde 8, Urnaut 17, Mazzone 2. Non entrati Lanza. All. Stoytchev. REVIVRE MILANO: Milushev 19, Alletti 11, Sbertoli, Russomanno Dos Santos 1, Tosi (L), Baranek 15, Boninfante, Georgiev 5, Marretta 4. Non entrati Gavenda, Skrimov, De Togni, Rivan, Burgsthaler. All. Monti. ARBITRI: Cipolla, Pozzato. NOTE - Spettatori 2700, incasso 16000, durata set: 29', 23', 28', 24'; tot: 104'
 
La Diatec Trentino si assicura quanto meno la matematica certezza di occupare il terzo posto finale nella classifica di Regular Season di SuperLega UnipolSai 2015/16 regolando in quattro set la Revivre Milano. Primo parziale a parte, perso dai padroni di casa schierati con una formazione decisamente sperimentale, il compito portato a termine stasera dai Campioni d’Italia è stato piuttosto semplice e permetterà loro di andare a caccia eventualmente anche del secondo posto nelle ultime due giornate di campionato (il distacco da Modena è stato ulteriormente ridotto).
Il muro dei Campioni d’Italia ha fatto ancora una volta la sua parte in maniera splendida togliendo in fretta le sicurezze alla Revivre dopo un primo set giocato ad alto livello. Riposizionato Giannelli in cabina di regia (partito in panchina per Bratoev) e Nelli nel ruolo di opposto, per i locali la corsa verso il netto 3-1 è stata quindi piuttosto veloce, come spiegano bene i parziali: merito anche di buone percentuali su tutta la rete in attacco, in cui proprio l’opposto toscano e Urnaut hanno dimostrato di essere in condizione invidiabile. Per Milano positive solo le prove di Milushev e Alletti.
 
MVP Gabriele Nelli (Diatec Trentino)
 
 
Chiamate Video Check
 
1° SET
14-15 (attacco di Russomanno) Video Check richiesto da Milano: per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (15-15)
 
24-25 (attacco di Milushev) Video Check richiesto da Milano: per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (25-25)
 
2° SET
2-2 (servizio di Baranek) Video Check richiesto da Trento: per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (2-3)
 
3° SET
18-10 (servizio di Sbertoli) Video Check richiesto da Milano: per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (19-10)
 
19-10 (attacco di Milushev) Video Check richiesto da Trento: per verifica invasione. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Trento (20-10)
 
21-12 (attacco di Tiziano Mazzone) Video Check richiesto da Trento: per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (21-13)
 
4° SET
1-3 (attacco di Urnaut) Video Check richiesto da Milano: per verifica in/out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (2-3)
 
2-3 (attacco di Milushev) Video Check richiesto da Trento: per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Milano (2-4)
 
13-8 (attacco di Giannelli) Video Check richiesto da Trento: per verifica in/out. Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Trento (14-8)
 
17-9 (attacco di Urnaut) Video Check richiesto da Milano: per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (18-9)
 
 
Radostin Stoytchev (allenatore Diatec Trentino): “Nel primo, set pur giocando a tratti bene, abbiamo commesso troppi errori, agevolando i nostri avversari nella vittoria ai vantaggi. Dal secondo parziale in poi, sistemando alcuni aspetti di gioco, la gara è diventata più semplice consentendoci di portare a casa un successo utile per ipotecare quanto meno il terzo posto. Il match non si spiega solo attraverso le statistiche: a muro, pur realizzando 19 punti diretti, talvolta abbiamo pasticciato troppo. In vista del rush finale della stagione dobbiamo recuperare alcuni effettivi e lavorare bene perché, al di là della posizione in classifica, i rapporti di forza non sono cambiati. Lube e Modena sono davanti. Noi siamo al livello di Perugia e Verona”.
 
Kamil Baranek (Revivre Milano): "Il primo set è stato molto equilibrato, abbiamo rischiato tanto giocando bene e le palle che abbiamo rischiato sono andate a buon fine. Siamo partiti nel migliore dei modi. Nel set successivo, però, Trento ha cambiato il sestetto e ha iniziato a battere molto bene mettendoci in difficoltà. Eravamo davanti a una squadra molto forte a muro. Ssecondo me questo ha fatto la differenza dopo il primo set".
 
 
 
SIR SAFETY CONAD PERUGIA - DHL MODENA 2-3 (24-26, 25-18, 19-25, 25-20, 13-15) - SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Buti 9, Fromm 16, De Cecco, Kaliberda, Giovi (L), Russell 18, Dimitrov 1, Tzioumakas, Atanasijevic 21, Birarelli 7. Non entrati Holt, Elia, Fanuli. All. Kovac. DHL MODENA: Mossa De Rezende 4, Casadei 1, Rossini (L), Ngapeth 28, Nikic 7, Piano 6, Bossi 1, Saatkamp 18, Vettori 10. Non entrati Donadio, Soli, Sartoretti, Sighinolfi. All. Lorenzetti. ARBITRI: Puecher, Bartolini. NOTE - Spettatori 4112, durata set: 31', 27', 28', 29', 23'; tot: 138'.
 
Spettacolo al PalaEvangelisti! Due ore abbondanti di grande volley di fronte al pienone del palasport perugino con la DHL Modena che alla fine ha ragione al termine di un tie-break tiratissimo della Sir Safety Conad Perugia. Firme d’eccezione in campo con i padroni di casa, sospinti dal calore del tifo locale, che giocano a tratti una eccellente pallavolo con la correlazione muro-difesa efficace e con la triade Atanasijevic-Russell-Fromm a pieni giri in attacco. Dall’altra parte della rete, oltre ad un Lucas come sempre sugli scudi (18 punti per il centrale brasiliano), è Ngapeth a fare il diavolo a quattro: 28 palloni vincenti per l’Mvp del match, capace di ribaltare da solo il primo set (condotto fino al 24-22 da Perugia) e di chiudere un tie-break per cuori forti con un ace di rara precisione. La sconfitta costa alla Sir il quarto posto (Verona scavalca i Block Devils di una lunghezza), mentre Modena conserva la seconda posizione con Trento a tallonarla due punti sotto.
 
MVP Earvin Ngapeth (DHL Modena)
 
 
Chiamate Video Check
 
 
1° SET
3-6 (muro Modena) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (3-7)
 
19-17 (battuta Vettori) Video Check richiesto da: Modena per verifica in out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (20-17)
 
24-23 (muro Modena) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (24-24)
 
3° SET
17-22 (battuta Bruno) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (17-23)
 
4° SET
19-15 (muro Modena) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (19-16)
 
20-16 (battuta Russell) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Modena (20-17)
 
5° SET
10-11 (muro Perugia) Video Check richiesto da: Modena per verifica invasione. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (11-11)
 
11-11 (attacco Lucas) Video Check richiesto da: Modena per verifica in out. Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (12-11)
 
 
Emanuele Birarelli (Sir Safety Conad Perugia): “Dispiace che sia andata così. Oggi c’erano tutti i presupposti per portare a casa una vittoria. Loro non hanno giocato al massimo e noi siamo riusciti a sfruttare i loro cali solo a momenti. Nel complesso, però, abbiamo espresso un gioco migliore rispetto alle gare precedenti e da qui possiamo ripartire”.
 
Luca Vettori (Dhl Modena): “È stata una partita difficile. Noi non abbiamo espresso il nostro gioco migliore ed era un attimo andare sotto in alcune situazioni complicate. Il tie-break è stato molto tirato e, anche se alla fine abbiamo portato a casa il risultato, potevamo fare qualcosa in più”.
 
 
 
Classifica
Cucine Lube Banca Marche Civitanova 53, DHL Modena 49, Diatec Trentino 47, Calzedonia Verona 38, Sir Safety Conad Perugia 37, Exprivia Molfetta 26, Tonazzo Padova 25, Gi Group Monza 22, Ninfa Latina 21, CMC Romagna 21, Revivre Milano 11, LPR Piacenza 7.
 
Un incontro in meno Ninfa Latina e LPR Piacenza
 
 
Prossimo turno
9a giornata di ritorno SuperLega UnipolSai
Giovedì 25 febbraio 2016, ore 20.30
LPR Piacenza - Ninfa Latina Diretta RAI Sport 1
Diretta streaming su www.raisport.rai.it
(Frapiccini-Sobrero)
Addetto al Video Check: Lombardi Segnapunti: Cimichella
 
10a giornata di ritorno SuperLega UnipolSai
Domenica 28 febbraio 2016, ore 17.15
Diatec Trentino - Calzedonia Verona Diretta RAI Sport 1
Diretta streaming su www.raisport.rai.it
(Simbari-Cesare)
Addetto al Video Check: Spiazzi Segnapunti: Cristofolini
Domenica 28 febbraio 2016, ore 18.00
Gi Group Monza - Cucine Lube Banca Marche Civitanova Diretta Lega Volley Channel
(Puecher-Boris)
Addetto al Video Check: Manzoni Segnapunti: Marchi
CMC Romagna - DHL Modena Diretta Lega Volley Channel
(Sobrero-Braico)
Addetto al Video Check: Laghi Segnapunti: Tundo
LPR Piacenza - Sir Safety Conad Perugia Diretta Lega Volley Channel
(Florian-Zavater)
Addetto al Video Check: Armandola Segnapunti: Lambertini
Ninfa Latina - Exprivia Molfetta Diretta Lega Volley Channel
(Gnani-Cipolla)
Addetto al Video Check: Gurgone Segnapunti: Virgili
Martedì 1 marzo 2016, ore 20.30
Tonazzo Padova - Revivre Milano Diretta RAI Sport 1
Diretta streaming su www.raisport.rai.it
(Vagni-Sampaolo)
Addetto al Video Check: Giudica Segnapunti: Brasolin
 
 
Provvedimenti disciplinari
Gare di Serie A2 UnipolSai del 20 e 21 febbraio 2016
 
  1. A) A CARICO TESSERATI
SQUALIFICATI
Lorenzo Bonetti (Materdominivolley.it Castellana Grotte) squalifica per una giornata per aver rivolto una espressione irriguardosa all’indirizzo degli arbitri durante il saluto a fine gara (4 penalità).
SOSPESI
Vito Primavera (Materdominivolley.it Castellana Grotte) sospensione da ogni attività federale per gg.7, fino tutto il 3/3/2016. Confuso tra il pubblico, nell’intervallo tra il 3°/4° set, si avvicinava dietro le panchine vicino al 2°arbitro, rivolgendo una espressione irriguardosa nei confronti della coppia arbitrale.
AMMONITI
Matteo Pedron (Materdominivolley.it Castellana Grotte)
  1. B) A CARICO SODALIZI
Materdominivolley.it Castellana Grotte: multa di € 100,00 per la sanzione disciplinare comminata al proprio dirigente.
Bam Mondovì: multa di € 230,00 perché durante la gara il pubblico locale rivolgeva ripetute frasi offensive all’indirizzo degli atleti della squadra avversaria e disturbava il gioco con l’uso reiterato di strumenti acustici, plurirecidiva.

Italian Time: 11:39 - 25 Ago 2016
© 2008 Lega Pallavolo Serie A