Lega Pallavolo Serie A, Via Giuseppe Rivani, 6 - 40138 Bologna - Tel +39 051 4195660 - Fax +39 051 4195619 - Partita Iva 03747920373 - email: info@legavolley.it
 
 
 
 
    ALBO D'ORO  
Stampa
Del Monte Coppa Italia A1 2012/2013
Squadre  Risultati  Calendario   
 

La Cartella Stampa dell'evento   PDF

 

Le foto più belle

Finale: Itas Diatec Trentino - Cucine Lube Banca Marche Macerata

Finale Serie A2: Gherardi SVI Città di Castello - Sidigas Atripalda

Semifinale: Itas Diatec Trentino - Tonno Callipo Vibo Valentia

Semifinale: Cucine Lube Banca Marche Macerata - Casa Modena

 

 

Del Monte Coppa Italia A1

La Coppa resta all’Itas Diatec Trentino: battuta in quattro set la Cucine Lube Banca Marche Macerata

 

Risultato Finale Del Monte Coppa Italia Serie A1

Itas Diatec Trentino – Cucine Lube Banca Marche Macerata 3-1 (25-17, 25-16, 21-25, 25-23)

 

ITAS DIATEC TRENTINO - CUCINE LUBE BANCA MARCHE MACERATA 3-1 (25-17, 25-16, 21-25, 25-23) - ITAS DIATEC TRENTINO: Kaziyski 17, Birarelli 11, Juantorena 12, Vieira De Oliveira 4, Uchikov 4, Lanza, Djuric 11, Stokr 11, Bari (L), Burgsthaler. Non entrati Sintini, Colaci, Chrtiansky Jr. All. Stoytchev. CUCINE LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Lampariello, Pajenk 2, Zaytsev 25, Parodi 4, Stankovic 10, Monopoli, Henno (L), Travica 1, Starovic 4, Kooy 9, Podrascanin 4. Non entrati Randazzo. All. Giuliani. ARBITRI: Rapisarda, Cesare. NOTE - Spettatori 7800, incasso 70500, durata set: 24', 25', 28', 31'; tot: 108'.

 

L’Itas Diatec Trentino vince la Del Monte Coppa Italia di Serie A1 per la seconda volta consecutiva, la terza in assoluto, battendo per 3-1 la Cucine Lube Banca Marche Macerata nella Finale disputata al Mediolanum Forum, davanti a 7800 spettatori. Il copione sembra a tratti ricalcare quello dell’indimenticabile V-Day dello scorso aprile, con Trento che vince nettamente i primi due set e Macerata che riapre la partita nel terzo. Questa volta la squadra di Radostin Stoytchev riesce a restare incollata agli avversari fino alla fine e sul 23-23 del quarto parziale trova i punti della vittoria con Djuric e con un servizio di Kaziyski che il nastro rende imprendibile per la ricezione maceratese. L’Itas Diatec si appoggia alla salto float di Birarelli (5 ace) e agli attacchi di Kaziyski e Juantorena, riuscendo a sopperire anche all’infortunio occorso a Stokr all’inizio del quarto set (ottimo l’apporto del sostituto Uchikov). Perfetta la regia di Raphael, premiato a fine match come Del Monte MVP. Macerata fatica a contenere gli attacchi avversari (solo 2 muri nell’intero incontro), ma a partire dal terzo set trova nuova linfa dall’ingresso di Kooy e soprattutto dallo spostamento nel ruolo di opposto di Zaytsev, che chiude la partita con 25 punti e il 59% in attacco.

Nelle gare della due giorni milanese, è stato utilizzato per la prima volta il Video Check, che ha tenuto con il fiato sospeso il pubblico del Mediolanum Forum, grazie alle immagini proiettate dai megaschermi, e dai tifosi a casa con i puntuali reply di RAI Sport. Soprattutto è stato un utile strumento per le decisioni arbitrali.

 

Le formazioni

Itas Diatec Trentino: Raphael-Stokr, Birarelli-Djuric, Kaziyski-Juantorena, Bari (L).

Lube Banca Marche Macerata: Travica-Starovic, Podrascanin-Stankovic, Zaytsev-Parodi, Henno (L).

 

1° SET. Il primo punto della Finale è un attacco vincente di Jan Stokr, ed è sempre l’opposto di Trento a siglare il primo allungo sul 6-4. A cavallo del primo time out tecnico Djuric firma un attacco e un muro per il 9-6, ma Macerata pareggia subito i conti con un ace di Stankovic. L’equilibrio resiste fino al 13-13, poi Trento piazza un altro parziale di 5-0 sul turno di battuta di Birarelli (due ace); Stankovic prova a tenere in corsa Macerata (20-15), ma l’Itas Diatec Trentino si procura ben 9 set point sulla spinta della battuta di Kaziyski e chiude 25-17 con Stokr. Il numero 14 di Trento è il protagonista di questa frazione con 5 attacchi vincenti, mentre, Macerata sconta l’avvio negativo di Parodi (0 punti su 6 attacchi).

 

2° SET. Parte bene la Cucine Lube Banca Marche con l’ace del 2-3 di Zaytsev, ma poi si scatena Juantorena, autore di 5 punti per la fuga dell’11-4. Giuliani chiama time out e inserisce Pajenk, Monopoli e Kooy; Trento si porta sul 16-8 ancora con Juantorena. Un po’ di nervosismo in campo costa un doppio cartellino giallo a Parodi e Stokr per il 18-11, poi l’Itas Diatec dilaga con Birarelli e il muro di Djuric (21-11). Pajenk prova a limitare i danni con l’ace del 22-14, ma il set si chiude con un errore in battuta di Zaytsev che porta Trento sul 2-0. La percentuale offensiva dei trentini si alza fino al 61%, il muro di Macerata, invece, resta ancora a secco.

 

3° SET. Macerata riparte con Kooy al posto di Starovic e sposta Zaytsev opposto. Con loro, prova a entrare in partita: protagonista proprio l’italiano, a segno 4 volte per il 4-7. Un errore di formazione rallenta la corsa della Cucine Lube Banca Marche (7-8), che però resta avanti 9-12 grazie a un ace di Stankovic e, dopo aver messo a segno il primo muro del match con Podrascanin, si porta sull’11-16 con un’altra battuta vincente di Zaytsev. Ancora Podrascanin a muro sigla il 13-18, ma il servizio di Birarelli si conferma un’arma micidiale per Trento che, grazie alla battuta del centrale, si rimette in scia (18-19). I marchigiani riescono a contenere il rientro degli avversari e Stankovic firma l’ace del 20-23, prima dei due punti consecutivi di Zaytsev che riaprono la partita (21-25). Decisivo l’impatto del numero 5 maceratese su questo set: 11 punti con l’83% in attacco. Soffre invece la ricezione di Trento, ferma al 19% di perfezione.

 

4° SET. Grande equilibrio in apertura: i gialloblù provano a scappare sul 6-4 con un muro di Raphael, Macerata risponde con due ace di Kooy (6-7). Su uno di questi Stokr si infortuna alla caviglia nel tentativo di recuperare il pallone e deve essere sostituito da Uchikov. La Cucine Lube Banca Marche si porta sull’8-10 con Zaytsev , mentre, Parodi mette in difficoltà la ricezione dell’Itas Diatec Trentino (9-13). La squadra di Stoytchev non molla e torna in parità sul 14-14 grazie a Djuric. Macerata tenta di nuovo la fuga con un ace di Zaytsev (14-16), ma viene subito raggiunta, e il finale si gioca punto a punto (20-19, 22-21). Djuric conquista il match point per Trento sul 24-23: la battuta di Kaziyski si arrampica sul nastro e cade dall’altra parte della rete lasciando immobile la ricezione biancorossa. L’attacco di Trento è perfetto in questo set (nessun errore e nessun block subìto),come il muro (3 solo nel parziale) e la battuta (due ace in questa frazione), che inchioda sul 39% di positività la ricezione di Macerata.

 

 

Andrea Bari (Itas Diatec Trentino): “Questa volta non ci siamo fatti condizionare dai nostri errori e non ce li siamo fatti pesare come magari accadeva nelle scorse partite. Sappiamo che loro sono forti quanto noi e a volte anche di più. Adesso siamo due pari nel conteggio delle Finali, la sfida continua. Uchikov ha sostituito alla grande Stokr, ma c’è da dire che la panchina lavora davvero sodo in settimana e spesso non viene nemmeno riconosciuta per i suoi meriti, quindi, sono davvero soddisfatto del contributo di Uchikov perché è un ragazzo d’oro e come avete potuto vedere preparato”.

Raphael Vieira de Oliveira (Itas Diatec Trentino): “Siamo scesi in campo molto aggressivi e li abbiamo messi in difficoltà con la battuta e il muro. Nel terzo il loro cambio di formazione ci ha destabilizzato un po’, ma poi siamo riusciti a rientrare in carreggiata”.

Emanuele Birarelli (Itas Diatec Trentino): “Abbiamo disputato due set perfetti, poi nel terzo il cambio di formazione ha dato loro fiducia e il quarto non so nemmeno cosa sia successo, l’abbiamo vissuto in apnea, ma siamo stati uniti sino alla fine e non abbiamo mai mollato”.

Matey Kaziyski (Itas Diatec Trentino): “Per vincere questa partita è servito un grande gruppo, capace di non mollare nemmeno nella disavventura occorsa a Stokr, ma Macerata ha anche giocato molto bene. E poi che dire, abbiamo avuto anche un po’ di fortuna nel quarto e quella non guasta mai”.

 

Ivan Zaytsev (Cucine Lube Banca Marche Macerata): “Nel primo e nel secondo set, loro non ci hanno fatto vedere la palla, non ci hanno fatto giocare, mentre, nel terzo abbiamo davvero giocato bene. Non ci piace perdere, come non piace a nessuno e questa sconfitta ci brucia un po’”.

Simone Parodi (Cucine Lube Banca Marche Macerata): “Ci dispiace molto perché avevamo la partita in mano e siamo riusciti a perderla a causa di alcuni errori nostri. Loro sono stati bravi a reagire al cambio di formazione. C’è davvero molto rammarico per un quarto set non chiuso quando conducevamo di 3/4 punti”.

 

ALBO D’ORO COPPA ITALIA SERIE A1

1978/79 Panini Modena

1979/80 Panini Modena

1980/81 Edilcuoghi Sassuolo

1981/82 Santal Parma

1982/83 Santal Parma

1983/84 Bartolini Bologna

1984/85 Panini Modena

1985/86 Panini Modena

1986/87 Santal Parma

1987/88 Panini Modena

1988/89 Panini Modena

1989/90 Maxicono Parma

1990/91 Il Messaggero Ravenna

1991/92 Maxicono Parma

1992/93 Sisley Treviso

1993/94 Daytona Modena

1994/95 Daytona Las Modena

1995/96 Alpitour Traco Cuneo

1996/97 Las Daytona Modena

1997/98 Casa Modena Unibon

1998/99 Tnt Alpitour Cuneo

1999/00 Sisley Treviso

2000/01 Lube Banca Marche Macerata

2001/02 Noicom Brebanca Cuneo

2002/03 Lube Banca Marche Macerata

2003/04 Sisley Treviso

2004/05 Sisley Treviso

2005/06 Bre Banca Lannutti Cuneo

2006/07 Sisley Treviso

2007/08 Lube Banca Marche Macerata

2008/09 Lube Banca Marche Macerata

2009/10 Itas Diatec Trentino

2010/11 Bre Banca Lannutti Cuneo

2011/12 Itas Diatec Trentino

2012/13 ITAS DIATEC TRENTINO

 

 

Le chiamate del Video Check

 

Nel corso delle Final Four di Del Monte Coppa Italia è stata sperimentata la nuova tecnologia Video Check per il monitoraggio delle linee del campo. Nella Finale di Serie A1 tra la Cucine Lube Banca Marche Macerata e l’Itas Diatec Trentino le due squadre hanno chiesto per 5 volte l’intervento del Video Check, vedendo invertita per una sola volta la decisione arbitrale. Nella Finale di Serie A2 tra Gherardi SVI Città di Castello e Sidigas Atripalda, invece, l’intervento del Video Check è stato richiesto in due occasioni, una volta per parte: la decisione arbitrale è stata confermata nel primo caso e invertita nel secondo.

Complessivamente, nei due giorni della manifestazione, il Video Check è intervenuto 13 volte: per 9 volte la decisione arbitrale è risultata corretta, in altri 4 casi è stata invertita.

Di seguito il dettaglio delle chiamate:

 

Gherardi SVI Città di Castello-Sidigas Atripalda

1° SET: 4-1 (ace di Van Walle)

Video Check richiesto da Sidigas Atripalda

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato alla Gherardi SVI

 

4° SET: 18-15 (attacco punto di Rosalba)

Video Check richiesto da Gherardi SVI Città di Castello

Decisione arbitrale invertita, punto assegnato alla Gherardi SVI

 

Itas Diatec Trentino-Cucine Lube Banca Marche Macerata

1° SET: 2-3 (ace di Zaytsev)

Video Check richiesto da Itas Diatec Trentino

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato alla Lube

 

2° SET: 5-3 (errore punto di Stankovic)

Video Check richiesto da Itas Diatec Trentino

Decisione arbitrale invertita, punto assegnato all’Itas

 

3° SET: 4-6 (battuta sbagliata da Zaytsev)

Video Check richiesto da Cucine Lube Banca Marche Macerata

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato all’Itas

 

4° SET: 20-19 (ace di Raphael)

Video Check richiesto da Cucine Lube Banca Marche Macerata

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato all’Itas

 

4° SET: 23-23 (attacco punto di Zaytsev)

Video Check richiesto da Itas Diatec Trentino

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato alla Cucine Lube Banca Marche

 

 

 

Del Monte Coppa Italia Serie A2

La Sidigas Atripalda alza la Coppa: la corsa della Gherardi SVI Città di Castello si ferma in Finale

 

Risultato Finale Del Monte Coppa Italia Serie A2

Gherardi SVI Città di Castello – Sidigas Atripalda 1-3 (23-25, 26-28, 25-17, 23-25)

 

GHERARDI SVI CITTà DI CASTELLO - SIDIGAS ATRIPALDA 1-3 (23-25, 26-28, 25-17, 23-25) - GHERARDI SVI CITTà DI CASTELLO: Franceschini 3, Fromm 14, Carminati, Massari, Visentin 1, Rosalba 17, Piano 8, Van Walle 19, Braga 1, Tosi (L). Non entrati Lensi, Grasso, Sartoretti. All. Radici. SIDIGAS ATRIPALDA: Cazzaniga 20, Candellaro 15, Di Marco 14, Cortina (L), Scappaticcio 3, Izzo 1, Libraro 18, Gabriele 1, Cavaccini, D'angelo 7. Non entrati De Paola, Mrdak, Bassi. All. Totire. ARBITRI: Simbari, Goitre. NOTE - durata set: 29', 32', 25', 28'; tot: 114'.

 

Grande sorpresa al Mediolanum Forum di Assago nella Finale della Del Monte Coppa Italia di Serie A2: la Sidigas Atripalda vince per 3-1 la sfida con la Gherardi SVI Città di Castello e conquista il trofeo per la prima volta nella sua storia. Per la squadra umbra si tratta della prima sconfitta stagionale: in precedenza la Gherardi SVI aveva ottenuto 13 successi su 13 match disputati tra Campionato e Coppa Italia. La Sidigas porta a casa meritatamente la vittoria al termine di un incontro intenso e combattuto, durato più di 2 ore. La squadra di Michele Totire brilla soprattutto in difesa e a muro (13 punti nel fondamentale, di cui 11 nei primi due set), mentre in attacco il top scorer Cazzaniga, chiamato in causa per ben 64 attacchi, è di volta in volta assistito da Libraro, D’Angelo, Candellaro e Di Marco. A Città di Castello non bastano l’ottima prova in ricezione del libero Tosi (78% di positività) e la crescita alla distanza dell’intramontabile Rosalba, autore di 17 punti; troppo basse le percentuali d’attacco della formazione di Andrea Radici, che si ferma al 36% di squadra e nel quarto set si fa raggiungere e superare dopo essere stata in vantaggio fino al 22-19. A fine partita la cerimonia di premiazione, con la consegna della Del Monte Coppa Italia a Mario Scappaticcio, che si aggiudica anche il premio come Del Monte MVP della Finale.

 

Le formazioni

Gherardi SVI Città di Castello: Visentin-Van Walle, Piano-Braga, Rosalba-Fromm, Tosi (L)

Sidigas Atripalda: Scappaticcio-Cazzaniga, Candellaro-Di Marco, Libraro-D’Angelo, Cortina (L)

 

1° SET. Partenza sprint di Città di Castello, che si porta subito sul 5-1 grazie al servizio di Van Walle (due ace); immediata la replica di Atripalda con la battuta di Scappaticcio (5-5). Un attacco in rete di Van Walle concede il primo vantaggio della partita alla Sidigas (7-8), che poi allunga sul 10-12 con due attacchi di D’Angelo e un ace di Cazzaniga. Fromm riaggancia gli avversari sul 13-13 e si procede in parità, finché un errore di D’Angelo permette a Città di Castello di portarsi avanti 18-16. Dal 20-18 arriva però un break di 0-4, sul servizio di D’Angelo, che ribalta il risultato e costringe Radici a chiamare il time out. Un muro di Piano permette alla Gherardi SVI di pareggiare sul 23-23, ma Candellaro si procura il primo set point e Libraro lo trasforma murando Van Walle per il 23-25. La Sidigas chiude il set con 8 errori, ma anche con attacco e ricezione (78%) più efficaci degli avversari; a fare la differenza è però soprattutto la maggiore intensità difensiva della squadra di Totire.

 

2° SET. I campani partono meglio nel secondo set, portandosi sull’1-3 con Libraro e poi sul 6-8 con Scappaticcio. Van Walle si conferma micidiale al servizio (due ace per il 10-8), ma subisce due muri consecutivi da Candellaro (10-11). Tosi diventa protagonista in difesa e Città di Castello torna in vantaggio sul 16-15, ma Libraro e Cazzaniga riportano avanti Atripalda (16-18). Un errore di Rosalba concede il 18-21 alla squadra irpina. Città di Castello accorcia le distanze grazie a un attacco out di Cazzaniga (21-22), Di Marco però procura due set point murando Fromm. Città di Castello li annulla entrambi, grazie anche a un muro di Franceschini, entrato al posto di Braga. La Sidigas ha ancora due chance per chiudere (24-25, 25-26) e al quinto tentativo riesce a prevalere grazie all’errore in attacco di Rosalba che vale il 26-28. Il muro (6 punti nel fondamentale) è sempre l’arma vincente di Atripalda, che trova in Libraro un efficace terminale offensivo, con 5 punti su 6 attacchi.

 

3° SET. Reazione d’orgoglio di Città di Castello, che si porta subito sul 6-2 e poi sull’8-4 con Van Walle. Totire sostituisce D’Angelo con Gabriele, mentre dall’altra parte Franceschini è costretto a lasciare il campo per infortunio: al suo posto rientra Braga. La Gherardi SVI prova la fuga con Rosalba (10-5) e conferma il vantaggio sul 16-11 con un muro di Fromm. Sul turno di servizio di Braga arriva un ulteriore allungo per il 22-13 e Città di Castello chiude agevolmente il set sul 25-17. Ben 11 errori in questo set per Atripalda, contro i 2 degli avversari; la Gherardi SVI si avvantaggia di 4 muri di squadra e dei 5 punti messi a segno da Rosalba.

 

4° SET. Città di Castello continua a spingere sull’acceleratore, e dopo il 3-0 iniziale (due muri-punto) allunga fino all’8-4 con un errore di Di Marco. Rosalba è ancora protagonista per l’11-5, ma Candellaro riporta sotto la Sidigas sul 13-10 e Cazzaniga accorcia le distanze sul 14-12. Atripalda potrebbe tornare a meno 1 con un attacco fischiato out a Rosalba sul 17-15, ma il Video Check chiamato da Città di Castello inverte la decisione arbitrale. Poco dopo, un errore di Van Walle vale comunque il 18-17. Fromm riporta a +3 i suoi con un muro su Cazzaniga (22-19), ma a questo punto la Sidigas infila un parziale di 0-4 sul servizio di Candellaro, completando la rincorsa (22-23). L’errore di Van Walle, dopo un miracoloso salvataggio di Cortina, concede il match point ad Atripalda (23-24) e Cazzaniga, al termine di un lunghissimo scambio, mette a terra il pallone della vittoria. Pesano sul bilancio del set i 4 errori in attacco di Città di Castello, mentre Atripalda sale al 51% di efficacia.

 

 

Michele Totire (allenatore Sidigas Atripalda): “Ovviamente sono molto contento del risultato, era un obiettivo di inizio stagione e fortunatamente siamo riusciti a raggiungerlo. Nel terzo set abbiamo avuto qualche difficoltà, più mentale che fisica, mentre nel quarto ho professato pazienza. La chiave della partita è stata soprattutto la prestazione di Scappaticcio, bravo a liberare i centrali e successivamente anche D’Angelo nel quarto set. Le percentuali di Cazzaniga in attacco non sono state alte, ma c’è da dire che il muro-difesa di Città di Castello l’ha ben marcato”.

Mario Scappaticcio (Sidigas Atripalda): “Aspettavamo questo momento da molto tempo, sapevamo che Città di Castello prima o poi avrebbe dovuto perdere una partita. Loro c’erano già andati vicino in Semifinale con Molfetta. Noi siamo venuti a Milano non avendo nulla da perdere; in campo ha funzionato il cambio palla e la ricezione nei primi due set”.

 

Andrea Radici (allenatore Gherardi SVI Città di Castello): “È ovvio che questa sconfitta, a caldo, bruci molto. Bisognava arrivare ad assaporare il gusto di una grande sfida. Siamo contenti del nostro percorso, adesso non è il momento delle analisi ma del fair play: facciamo i complimenti agli avversari per la vittoria”.

Simone Rosalba (Gherardi SVI Città di Castello): “Purtroppo è arrivata la nostra prima sconfitta stagionale proprio in questa Finale, siamo scesi in campo molto contratti e questo si è visto. Loro hanno giocato meglio di noi, abbiamo cercato di raddrizzare la partita con le unghie ma i troppi errori nel quarto set ci sono costati il tie break. Che questa sconfitta ci dia gli spunti per lavorare meglio e ripartire subito in Campionato: non siamo imbattibili”.

 

Albo d’oro Coppa Italia Serie A2

1997/98 Sira Falconara

1998/99 Cosmogas Forlì

1999/00 Della Rovere Carifano

2000/01 Pony Express Kappa Torino

2001/02 Copra Piacenza

2002/03 Tonno Callipo Vibo Valentia

2003/04 Marmi Lanza Verona

2004/05 Codyeco Santa Croce

2005/06 Salento d'amare Taviano

2006/07 Sparkling Milano

2007/08 Marmi Lanza Verona

2008/09 Andreoli Latina

2009/10 M. Roma Volley

2010/11 NGM Mobile Santa Croce

2011/12 BCC-NEP Castellana Grotte

2012/13 SIDIGAS ATRIPALDA

 

 

Del Monte Coppa Italia A1 2a Semifinale

Cucine Lube Banca Marche Macerata in Finale: Casa Modena si arrende in quattro set. La Finalissima è tra Itas Diatec Trentino – Cucine Lube Banca Marche Macerata

 

Risultato 2a Semifinale Del Monte Coppa Italia Serie A1

Cucine Lube Banca Marche Macerata-Casa Modena 3-1 (22-25, 25-23, 25-19, 25-19)

 

CUCINE LUBE BANCA MARCHE MACERATA - CASA MODENA 3-1 (22-25, 25-23, 25-19, 25-19) - CUCINE LUBE BANCA MARCHE MACERATA: Lampariello, Zaytsev 15, Parodi 10, Stankovic 7, Henno (L), Travica 9, Starovic 21, Kooy, Podrascanin 6. Non entrati Pajenk, Monopoli, Randazzo. All. Giuliani. CASA MODENA: Manià (L), Sala 6, Deroo 13, Quesque 11, Celitans 14, Casadei 1, Vesely 5, Kovacevic 4, Baranowicz, Piscopo 5. Non entrati Catellani, Pinelli. All. Lorenzetti. ARBITRI: Santi, Pol. NOTE - Spettatori 4100, durata set: 30', 31', 27', 25'; tot: 113'.

 

Davanti ai 4100 spettatori del Mediolanum Forum di Assago, la Cucine Lube Banca Marche Macerata batte Casa Modena con il punteggio di 3-1 nella seconda Semifinale della Del Monte Coppa Italia di Serie A1. Domenica 30 dicembre si rinnoverà dunque la sfida infinita con l’Itas Diatec Trentino: si tratta della seconda Finale consecutiva tra le due squadre, dopo il 3-2 dello scorso anno a favore di Trento, ma anche della rivincita dell’ultimo V-Day, in cui fu Macerata a imporsi sui rivali aggiudicandosi lo Scudetto proprio a Milano. Per la Cucine Lube Banca Marche è la sesta Finale in questa manifestazione.

Il match contro Modena è equilibrato per due set: nel primo parziale la squadra di Lorenzetti può contare su un attacco molto efficace, con Quesque e Celitans sugli scudi, e sul 22-22 trova lo spunto giusto per chiudere. Nell’arco dell’incontro, però, Macerata prende le misure a muro agli avversari, mettendo a segno complessivamente ben 18 punti nel fondamentale. Il secondo set si decide ancora in volata sul 25-23, mentre terzo e quarto sono nettamente a favore della formazione di Giuliani, che approfitta anche dei molti errori degli emiliani (ben 21 al servizio). Buona la prova di Starovic e di Zaytsev (per lui 100% nei primi due parziali), ben orchestrati della regia di Dragan Travica che a fine partita riceve il premio riservato al Del Monte Best Player grazie ai voti attribuiti tramite il servizio 1Ring.

 

Le formazioni:

Cucine Lube Banca Marche Macerata: Travica-Starovic, Podrascanin-Stankovic, Zaytsev-Parodi, Henno (L).

Casa Modena: Baranowicz-Celitans, Sala-Vesely, Quesque-Deroo, Manià (L).

 

1° SET. In avvio di gara si lotta punto a punto: Modena è molto attenta a muro, Macerata si affida a Zaytsev, autore di 4 punti per l’8-7. Un mani-out di Starovic regala il primo break alla Cucine Lube Banca Marche (11-9) che poi allunga fino al 14-10 grazie a un ace di Zaytsev e a un muro di Travica. Il primo Video Check della partita inverte la decisione dell’arbitro assegnando a Parodi l’attacco vincente del 15-12. Due punti consecutivi di Celitans riavvicinano Modena sul 16-15 e un muro di Vesely vale il pareggio (17-17). Sul 18-18 ancora Vesely a muro e Quesque regalano due lunghezze di vantaggio ai gialloblù (18-20) e Giuliani chiama time out. Macerata torna in parità sul 22-22 grazie a un muro a 1 di Travica su Sala, ma Celitans sigla il 22-24 procurandosi due set point e il successivo attacco out di Starovic chiude il set a favore di Casa Modena. Gli emiliani beneficiano di un attacco particolarmente efficace, con Quesque e Celitans al di sopra del 60%, mentre Simone Parodi va a segno una sola volta su 7 attacchi.

 

2° SET. Molti errori in apertura di parziale: un attacco fuori misura di Quesque concede alla Cucine Lube Banca Marche il primo break (8-6), ma Sala ribalta il risultato con un ace (10-11). Macerata torna avanti con un muro di Parodi (14-12) e allunga grazie a Zaytsev, che firma il 16-13 con un mani-out. Entrano Uros Kovacevic e Piscopo, ma Stankovic con un attacco e un muro trascina la Cucine Lube Banca Marche al 18-14, mentre un altro block, stavolta di Zaytsev, vale il 20-15. Modena risponde con un parziale di 0-3 siglato da Deroo, costringendo Giuliani a fermare il gioco. La rincorsa della squadra emiliana prosegue fino al 23-22 grazie a un muro di Piscopo, ma Parodi mette a segno il 24-22 e, al secondo tentativo, chiude il set sul 25-23. Decisivo in questo parziale il muro di Macerata, che ferma per ben 5 volte gli attaccanti avversari; aumenta anche l’efficacia offensiva dei marchigiani, con Zaytsev ancora al 100% e Starovic al 67%.

 

3° SET. Inizio incandescente, con i biancorossi che ricorrono per due volte al Video Check sull’1-1 e sul 2-3. Lorenzetti sostituisce subito Quesque con Casadei, ma il turno di servizio di Travica fa volare la Cucine Lube Banca Marche sul 9-6. Due errori consecutivi di Modena consentono alla squadra di Giuliani di allungare (15-11) e Parodi mette a segno il 16-12. Casa Modena si riporta sotto con un muro di Deroo su Starovic (18-16) ma proprio grazie al muro i marchigiani piazzano un nuovo break (22-18). Travica sigilla il vantaggio sul 23-19 prima della chiusura affidata a Parodi (25-19). Calano in questo set le percentuali offensive di Modena (32% di squadra) mentre dalla parte opposta della rete si confermano su ottimi livelli Parodi e Starovic, entrambi al 50% di efficacia.

 

4° SET. Ancora una volta il muro si conferma il fattore determinante della gara: Podrascanin e Travica fermano per tre volte consecutive Quesque e Deroo propiziando l’8-4 iniziale. A fine set saranno 10 i muri messi a segno dalla squadra campione d’Italia. Modena prova a rispondere con Sala (9-8) ma Starovic è ancora implacabile a muro per l’11-8. L’ingresso di Kovacevic per Quesque non basta a riportare Casa Modena in partita: Starovic mette a segno il 18-14 e Stankovic mura Sala per il 21-17. Il finale è tutto nel segno della Cucine Lube Banca Marche, che si procura sei match point con Starovic e chiude set e partita sul 25-19 con un errore in battuta di Deroo. Ben 7 i servizi falliti in questo set da Casa Modena, che sconta anche il netto calo in attacco di Quesque (0 su 6 con 4 muri subiti) e di Deroo (14%).

 

 

Alberto Giuliani (allenatore Cucine Lube Banca Marche Macerata): “Ovviamente sono molto contento del risultato ottenuto, peccato per il primo set e per non aver capitalizzato i quattro break che avevamo di vantaggio, subendo il servizio di Modena. Questa squadra seppur non al completo è arrivata a disputare ancora una volta una Finale di Coppa Italia”.

Dragan Travica (Cucine Lube Banca Marche Macerata): “Oggi siamo stati molti bravi perché abbiamo avuto la meglio contro la squadra più in forma del Campionato, insieme a Trento, e lo dimostra il fatto che qualche settimana fa abbiamo perso proprio contro di loro. Questa sera poi, la vittoria è arrivata pur non giocando come sappiamo fare, ma in queste gare ci vuole pazienza, cercando anche di sfruttare al meglio ogni potenzialità”.

Hubert Henno (Cucine Lube Banca Marche Macerata): “Quando si gioca una bella partita significa che le due squadre hanno disputato un buon match, e i nostri avversari sono stati davvero molto bravi. Siamo stati in grado di gestire alcuni momenti chiave senza perderci d’animo. La nostra partita è stata buona sotto ogni fondamentale, ma domani ci aspetta una grande Finale, dovremo giocare dando il 100% senza poi aver alcun tipo di rimpianto”.

 

Guillaume Quesque (Casa Modena): “Il nostro primo parziale è stato davvero ottimo, nel secondo invece abbiamo commesso errori davvero sciocchi, sbagliando anche le cose più semplici. Nel quarto sono continuati gli errori e poi ci siamo fatti murare troppe volte. Peccato perché noi ci credevano e pensavamo davvero di poter raggiungere la Finale di Coppa Italia”.

Andrea Sala (Casa Modena): “Quei 2/3 errori stupidi commessi nel secondo parziale potevano cambiare il risultato, così come nel terzo, set in cui ci siamo rifatti sotto ma non siamo stati in grado di sfruttare le occasioni. Andiamo a casa con questa bella esperienza e questo pubblico che ci ha seguito sin qui. Non ci resta che tornare a lavorare, felici però di essere stati a Milano”.

 

Le chiamate del Video Check

 

Nel corso delle Semifinali di Del Monte Coppa Italia di Serie A1 è stata utilizzata per la prima volta ufficialmente la tecnologia “Video Check”, l’innovativo sistema di monitoraggio della Lega Pallavolo Serie A per il controllo delle righe del campo di gioco. L’intervento del nuovo sistema tecnologico è stato richiesto complessivamente per 6 volte: 4 dalla Cucine Lube Banca Marche Macerata, 1 dalla Tonno Callipo Vibo Valentia e 1 da Casa Modena. In 4 occasioni il controllo tramite il “Video Check” ha confermato la decisione dei direttori di gara, mentre nelle restanti 2 il verdetto è stato invertito.

Questo il dettaglio degli interventi del Video Check:

 

Itas Diatec Trentino-Tonno Callipo Vibo Valentia

3° SET: 7-1 (ace di Kaziyski)

Video Check richiesto da Tonno Callipo Vibo Valentia

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato all’Itas

 

Cucine Lube Banca Marche Macerata-Casa Modena

1° SET: 15-12 (attacco punto di Parodi)

Video Check richiesto da Cucine Lube Banca Marche Macerata

Decisione arbitrale invertita, punto assegnato alla Cucine Lube Banca Marche

 

1° SET: 18-17 (errore in battuta di Baranowicz)

Video Check richiesto da Casa Modena

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato alla Cucine Lube Banca Marche

 

2° SET: 24-23 (punto di Piscopo)

Video Check richiesto da Cucine Lube Banca Marche Macerata

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Casa Modena

 

3° SET: 1-1 (ace di Parodi)

Video Check richiesto da Cucine Lube Banca Marche Macerata

Decisione arbitrale invertita, punto assegnato alla Cucine Lube Banca Marche

 

3° SET: 2-3 (errore in attacco di Zaytsev)

Video Check richiesto da Cucine Lube Banca Marche Macerata

Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Casa Modena

 

Il programma delle Finali

 

Del Monte Coppa Italia Serie A2 – Finale

Domenica 30 dicembre 2012, ore 14.30

Gherardi SVI Città di Castello – Sidigas Atripalda  Diretta RAI Sport 1

(Simbari-Goitre)

 

Del Monte Coppa Italia Serie A1 – Finale

Domenica 30 dicembre 2012, ore 17.30

Itas Diatec Trentino – Cucine Lube Banca Marche Macerata  Diretta RAI Sport 1

(Rapisarda-Cesare)

Del Monte Coppa Italia A1 Final Four

L’Itas Diatec Trentino supera la Tonno Callipo Vibo Valentia e conquista la sua quarta Finale consecutiva

 

Risultato 1a Semifinale Del Monte Coppa Italia Serie A1

Itas Diatec Trentino – Tonno Callipo Vibo Valentia 3-0 (25-18, 25-13, 25-15)

 

ITAS DIATEC TRENTINO - TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA 3-0 (25-18, 25-13, 25-15) - ITAS DIATEC TRENTINO: Kaziyski 15, Sintini, Birarelli 10, Juantorena 10, Vieira De Oliveira 2, Uchikov, Lanza, Djuric 8, Stokr 10, Chrtiansky Jr 1, Bari (L), Burgsthaler. Non entrati Colaci. All. Stoytchev. TONNO CALLIPO VIBO VALENTIA: Coscione, Cortellazzi 1, Kaliberda 2, Farina (L), Forni 2, Rocamora, Badawy 3, Buti 4, Klapwijk 8, Barone 2, Urnaut 11. Non entrati Montesanti, Presta. All. Blengini. ARBITRI: Pasquali, Bartolini. NOTE - durata set: 24', 21', 24'; tot: 69'.

 

Una travolgente Itas Diatec Trentino ha la meglio con un netto 3-0 sulla Tonno Callipo Vibo Valentia nella prima Semifinale della Del Monte Coppa Italia di Serie A1 al Mediolanum Forum di Assago. Trento conquista così la sua quarta Finale consecutiva nella manifestazione e attende il risultato della seconda Semifinale tra Cucine Lube Banca Marche Macerata e Casa Modena per conoscere la sua avversaria.

L’equilibrio tra le due squadre dura di fatto soltanto fino al 15-14 del primo set, poi l’Itas Diatec Trentino prende il volo sulla spinta delle battute di Kaziyski e chiude senza difficoltà sul 25-18. Secondo e terzo set sono caratterizzati dalla netta supremazia di Trento, malgrado i molti cambi operati da Blengini che dà spazio a Badawy, Barone, Rocamora e Cortellazzi; la squadra calabrese sconta soprattutto i troppi errori-punto (19 totali) e la prestazione negativa dell’opposto Klapwijk, fermo a quota 8 punti con il 24% in attacco. A favore dell’Itas Diatec le 7 battute vincenti (nessuna degli avversari) e i 12 muri-punto; top scorer dell’incontro con 15 punti è Matey Kaziyski, premiato a fine gara come Del Monte Best Player con i voti di 1Ring.

Nel corso del match, più esattamente nel terzo set, è stata sperimentata per la prima volta ufficialmente la tecnologia del Video Check, il nuovo sistema di monitoraggio per il controllo delle righe del campo di gioco.

 

Le formazioni:

Itas Diatec Trentino: Raphael-Stokr, Birarelli-Djuric, Kaziyski-Juantorena, Bari (L).

Tonno Callipo Vibo Valentia: Coscione-Klapwijk, Forni-Buti, Kaliberda-Urnaut, Farina (L).

 

1° SET. Grande equilibrio in avvio di gara, con le due squadre che si fronteggiano alla pari (3-4, 7-8). Trento prova a farsi strada con la battuta e proprio da un ace di Kaziyski nasce il primo break della partita per l’11-9; Birarelli a muro consolida il vantaggio sul 14-11. Vibo prova a riavvicinarsi con due punti consecutivi di Buti (15-14) ma subisce un controbreak di 3-0 che costringe Blengini al primo time out discrezionale. Juantorena, dopo due difese consecutive della Tonno Callipo, inchioda a terra il pallone del 21-17 e Kaziyski fa il vuoto al servizio per il 23-17. Finale in discesa per l’Itas Diatec Trentino, che chiude 25-18 con un muro di Birarelli. A fare la differenza nel set è soprattutto la battuta, che regala a Trento 3 punti diretti, mentre ai calabresi mancano i punti di Klapwijk, che si ferma al 18% in attacco.

 

2° SET. Vibo si porta subito sullo 0-2 con Kaliberda e Klapwijk, ma la reazione di Trento è immediata e vale il 5-2, grazie anche a un altro ace di Kaziyski. Blengini gioca la carta Rocamora, ma al primo time out tecnico la squadra di Stoytchev è avanti 8-4 con Birarelli. I trentini dilagano con Stokr, che firma un nuovo allungo per il 12-4; Vibo sostituisce Kaliberda con Badawy, ma l’unico terminale offensivo efficace della Tonno Callipo resta Urnaut, che firma il 14-7 (chiuderà il set con il 71% in attacco). Tre punti consecutivi di Djuric (due attacchi e un muro) permettono a Trento di allungare fino al 18-8; la squadra di Stoytchev controlla agevolmente con Birarelli (22-12) e chiude con un attacco di Chrtiansky, appena entrato al posto di Kaziyski, per il 25-13. Solo un errore per l’Itas in questo set, contro i 7 di Vibo Valentia.

 

3° SET. Trento prosegue sulla falsariga del set precedente e si presenta con due muri della coppia Djuric-Raphael su Kaliberda, subito sostituito da Badawy. Un altro muro di Djuric vale il 4-0 e costringe Blengini a fermare il gioco. Sul punto del 7-1 arriva il primo Video Check della partita e della storia, chiesto da Vibo sull’ace di Kaziyski: il verdetto arbitrale è confermato e il punto viene assegnato a Trento. Cortellazzi sostituisce Coscione in palleggio e proprio un suo muro su Kaziyski riavvicina la Tonno Callipo sull’11-7, ma non basta a riaprire il match: Trento, al contrario, trova un’ulteriore accelerazione con Juantorena per il 19-12 e vola sul 23-13 grazie a tre punti di un ispiratissimo Kaziyski. L’ultimo punto del match lo mette a segno proprio il numero 1 dell’Itas, che sigla il 25-15.

 

Raphael Vieira de Oliveira (Itas Diatec Trentino): “Vittoria importante. Siamo stati bravi a metterli in difficoltà fin dai primi punti soprattutto perché Vibo era carica dopo la vittoria nei Quarti di Finale contro Cuneo. Il primo obiettivo, che era raggiungere la Finale, è stato centrato. Noi siamo stati bravi a prendere subito le misure in un palazzetto in cui abbiamo svolto solo un allenamento”.

Matey Kaziyski (Itas Diatec Trentino): “Direi che ci è servita l’ultima partita di Campionato giocata in Calabria per studiare ancora meglio la Tonno Callipo. Abbiamo controllato molto bene i loro punti forti: Klapwjik e Urnaut. Siamo stati bravi in battuta e a seguire negli altri fondamentali; il livello del nostro gioco è stato ottimo ma per disputare la Finale non sarà sufficiente”.

Osmany Juantorena (Itas Diatec Trentino): “Abbiamo fermato i loro due terminali principali, l’opposto e Urnaut. Non era facile ma volevamo raggiungere la nostra quarta Finale consecutiva. Modena o Macerata per noi non fa differenza”.

 

Gianlorenzo Blengini (allenatore Tonno Callipo Vibo Valentia): “Sono dispiaciuto perché la squadra sa esprimersi con un livello di gioco differente. Purtroppo abbiamo tenuto in parte solo il primo parziale per poi scomparire nei due successivi. Trento fa di tutto per costringerti a subire e a toglierti punti di riferimento e di questo non c’è da stupirsi. Hanno neutralizzato il nostro attacco e al di là della delusione, questa sconfitta andrebbe comunque utilizzata come lezione per le partite future”.

Manuel Coscione (Tonno Callipo Vibo Valentia): “Diciamo che la partita è finita un po’ troppo presto. Il primo set ce lo siamo giocato, poi Kaziyski ci ha massacrato in battuta, dimostrando di essere in gran forma. Non mi è piaciuto il fatto che abbiamo mollato. Penso però che siano momenti di passaggio per una squadra come la nostra, che sta crescendo”.

 

Del Monte Coppa Italia - Il programma gare

 

Mediolanum Forum, Assago (MI)

Del Monte Coppa Italia Serie A1 - Semifinali

Sabato 29 dicembre 2012, ore 16.00

Itas Diatec Trentino – Tonno Callipo Vibo Valentia Diretta RAI Sport 1

Ore 18.30

Lube Banca Marce Macerata – Casa Modena Diretta RAI Sport 1

Del Monte Coppa Italia Serie A2 – Finale

Domenica 30 dicembre 2012, ore 14.30

Gherardi SVI Città di Castello – Sidigas Atripalda Diretta RAI Sport 1

Del Monte Coppa Italia Serie A1 – Finale

Domenica 30 dicembre 2012, ore 17.30

Diretta RAI Sport 1

 

1Ring

Ecco i codici numerici per votare il Del Monte Best Player delle Semifinali e il Del Monte MVP della Finale di A1

 

Grazie alla partnership tra la Lega Pallavolo Serie e 1Ring, al Mediolanum Forum di Assago e naturalmente anche da casa davanti alla TV, si potrà in scegliere il Miglior Giocatore delle tre gare di Serie A1 semplicemente con uno squillo telefonico completamente gratuito. Ogni giocatore avrà un codice numerico personale e per votarlo basterà digitare sul proprio telefonino quel codice e fare uno squillo. 1 squillo = 1 voto. Non servono connessioni internet, smartphone o particolari competenze tecnologiche: basta comporre il codice del prescelto ed inviare la chiamata. Dopo uno squillo, in automatico, il sistema stopperà la chiamata e conteggerà il voto. Nelle due gare di Semifinale saranno solamente gli squilli dei tifosi a scegliere il Del Monte Best Player. Nella Finale di domenica i voti dei fan si uniranno a quelli della giuria dei giornalisti presenti e dei tecnici accreditati per la designazione dell’atleta Del Monte MVP.

I codici personali dei giocatori sono molto intuitivi: un’unica radice da memorizzare 029 29 66 a cui va aggiunto il codice squadra e le 2 cifre del numero di maglia.

 

Eccoli di seguito:

 

Itas Diatec Trentino

029 29 66 0 + numero di maglia del tuo favorito.

(Ad es. per votare Juantorena aggiungi 05)

 

Tonno Callipo Vibo Valentia

029 29 66 1 + numero di maglia del giocatore tuo favorito.

(Ad es. per votare Coscione aggiungi 02)

 

Casa Modena

029 29 66 2 + numero di maglia del tuo favorito.

(Ad es. per votare Celitans aggiungi 08)

 

Cucine Lube Banca Marche Macerata

029 29 66 3 + numero di maglia del tuo favorito.

(Ad es. per votare Zaytsev aggiungi 05)

 

Scopri tutti i dettagli su  www.1ring.com/ilmigliore e segui live l’andamento delle votazioni.

 

“Il Mago di Assago”

Azzecca i risultati e ricevi una Cesta Volley San Silvestro…

 

Terminata l'11a ed ultima giornata di andata di Regular Season del Campionato di Serie A1, ecco svelati i nomi delle 8 squadre qualificate ai Quarti di Finale della Del Monte Coppa Italia che si giocheranno il 26 dicembre, in casa delle 4 squadre con miglior classifica.

Queste le squadre e gli accoppiamenti dei Quarti di Finale della Del Monte Coppa Italia:

Itas Diatec Trentino (1) – (8) Sir Safety Perugia

Tonno Callipo Vibo Valentia (4) – (5) Bre Banca Lannutti Cuneo

Cucine Lube Banca Marche Macerata (2) – (7) Andreoli Latina

Copra Elior Piacenza (3) – (6) Casa Modena

 

Dal 17 al 24 dicembre i tifosi potranno inviare a info@legavolley.it il risultato delle 4 partite in programma mercoledì 26 dicembre, comprensivo del tipo di risultato (esempio: gara squadra “X” vs squadra “Y”= 3-0; gara squadra “Z” vs squadra “W” = 2-3, ecc.). Tra tutti coloro che avranno indicato i risultati corretti delle 4 partite, verrà sorteggiato il Mago di Assago che riceverà la speciale “Cesta Volley di San Silvestro” il 30 dicembre al Mediolanum Forum in occasione delle Finali della Del Monte Coppa Italia.

 

Tutte le promozioni della Del Monte Coppa Italia

Numerose le campagne di promozione attivate dalla Lega Pallavolo per la promozione dell’evento.

-          biglietti di gradinata a prezzo ridotto per tesserati FIPAV (acquisto tramite apposito modulo);

-          promozione speciale per le Società di Volley (pallone in omaggio per pacchetti di biglietti);

-          promozione per le Scuole;

-          premio per le 3 Società di Volley che parteciperanno con i gruppi più numerosi.

 

Prevendite Del Monte Coppa Italia Final Four. Da oggi è possibile acquistare i biglietti per l’evento al Forum di Assago

 

Milano e il Forum di Assago si stanno preparando ad ospitare uno degli eventi più attesi del volley di Serie A. Il 29 e 30 dicembre 2012 il teatro dell’ultima Finale Scudetto accoglierà le quattro squadre della massima serie che prenderanno parte alla Del Monte Coppa Italia Serie A1 Final Four e le due formazioni di A2 che si contenderanno la Del Monte Coppa Italia di Serie A2. Nella giornata di sabato 29 dicembre saranno le due Semifinali ad aprire la manifestazione milanese che si concluderà il giorno seguente, domenica 30, con la Finale di Serie A2 e la Finale di Serie A1. Tutte le partite saranno coperte dalla diretta di RAI Sport 1.

 

Da oggi è possibile acquistare in prevendita i biglietti della Del Monte Coppa Italia, con l’opportunità di scegliere uno solo dei due giorni di gare oppure l’abbonamento che garantirà il diritto di assistere ai quattro match in programma.

 

Tutte le info utili sull’evento sono reperibili sul sito www.legavolley.it

 

Di seguito si elencano i prezzi e le modalità di acquisto dei biglietti.

 

PREZZI BIGLIETTI GIORNALIERI

 

Gradinata

Intero           € 12,00

Ridotto         € 10,00 (tesserati FIPAV)

 

*con acquisto tramite Società di appartenenza solo c/o C.R. FIPAV Lombardia o Lega Pallavolo Serie A

 

Tribuna Numerata  € 25,00

 

Parterre       € 30,00

 

PREZZI ABBONAMENTO SEMIFINALI E FINALI

 

Gradinata

Intero           € 18,00

Ridotto         € 15,00 (tesserati FIPAV)

 

Tribuna Numerata  € 40,00

 

Parterre       € 50,00

 

Ingresso gratuito per diversamente abili con accompagnatore – Under 6 (in gradinata)

I prezzi sono da considerare al netto del diritto di prevendita

 

PUNTI DI PREVENDITA

 

-Comitato Regionale FIPAV Lombardia

c/o Centro Pavesi

Via F. De Lemene, 3 – Milano

Tel. 02 66105997 – lombardia@federvolley.it

 

-Comitato Provinciale FIPAV Milano

Via Piranesi, 46 – Milano

Tel. 02 70101527

 

-Lega Pallavolo Serie A

Via Rivani, 6 – Bologna

Tel. 051 4195660 – info@legavolley.it

 

-On line:  www.bookingshow.it

 

-Info punti vendita in Italia:  www.bookingshow.it/servizi/vendita.asp

 

 

 

 

La Final Four della Del Monte Coppa Italia al Mediolanum Forum di Assago

 

Sarà il Mediolanum Forum di Assago (MI) ad ospitare la Del Monte Coppa Italia A1 Final Four, che si giocherà sabato 29 dicembre (Semifinali) e domenica 30 dicembre (Finale), e la Finale Del Monte Coppa Italia A2 (domenica).

 

Torna quindi la formula che associa in un’unica giornata la disputa della Finalissima di Coppa Italia A1 e della Finale di Coppa Italia A2, che prevede la qualificazione al termine del girone di andata delle prime quattro squadre della Serie A2 direttamente alle Semifinali del 26 dicembre (1a/4a, 2a/3a) per decretare quindi le due finaliste che parteciperanno allo spettacolo di scena al Forum milanese, già tempio dell’accesissima Finale Scudetto tra Lube Banca Marche Macerata ed Itas Diatec Trentino dello scorso anno.

 

Per la Serie A1, invece, la formula è la classica che prevede che le prime otto squadre classificate al termine della Regular Season si incontrino ai Quarti di Finale (26 dicembre), da giocarsi in casa della squadra con miglior classifica (1a/8a, 2a/7a, 3a/6a, 4a/5a). Le quattro formazioni vincenti andranno a disputare la Del Monte Coppa Italia Final Four edizione 2012-2013.

 

L’evento verrà organizzato dalla Lega Pallavolo Serie A in collaborazione con il Comitato Regionale Fipav Lombardia ed il Comitato Provinciale Fipav Milano.

Prossimamente verranno ufficializzati i prezzi dei biglietti e le modalità di prevendita.

 



Le Squadre del Campionato 2012/2013


Altotevere San Giustino

Andreoli Latina

BCC-NEP Castellana Grotte

Bre Banca Lannutti Cuneo

Casa Modena

CMC Ravenna

Copra Elior Piacenza

Cucine Lube Banca Marche Macerata

Itas Diatec Trentino

Marmi Lanza Verona

Sir Safety Perugia

Tonno Callipo Vibo Valentia

Italian Time: 14:04 - 21 Ott 2017
© 2008 Lega Pallavolo Serie A