3-0 a Loreto e quinto posto sicuro

ESSE-TI CARILO LORETO – SÜDTIROL ALTO ADIGE 0-3 (19-25, 26-28, 14-25) (59-78)
ESSE-TI CARILO LORETO: Modica 4, Van Beest 10, Polidori 4, Spairani 10, Spescha 7, Durante 8, Vianello (L), Biagiola, Fiori. N.e. Sbrolla, Martin, Ortolani. All. Alberto Giuliani.
SÜDTIROL ALTO ADIGE: Monopoli 4, Kirchhein 14, Lirutti 11, Gil 8, Heikkinen 6, Sborgia 12, Susio (L), Casagrande 1, Santià. N.e. Götsch, Eurico. All. Flavio Gulinelli.
ARBITRI: Marco Cerquoni e Gabriele Balboni.
DURATA SET: 22′, 30′, 19′.
NOTE – Loreto. Battute errate 7, aces 3, muri 8, errori 15. Südtirol: battute errate 6, aces 8, muri 14, errori 10.
LORETO – Finalmente, dopo due precedenti stagionali caratterizzati dalla sfortuna, il Südtirol Alto Adige riesce a battere Loreto, staccando il biglietto per i playoff e garantendosi almeno la quinta posizione, che significa eventuale bella in casa nel primo turno dei playoff. Se all’andata due infortuni nel giro di pochi minuti avevano messo ko la squadra altoatesina, bersagliata poi dalla sfortuna anche in Coppa (tre giocatori fuori uso prima dell’incontro e uno a partita in corso), stavolta la formazione di Gulinelli si è presentata al gran completo, con il rientrante Gil e con Heikkinen schierato fin dal primo scambio. La scelta di far giocare il centrale finlandese, ancora alle prese con problemi alla schiena, è stata però obbligata in quanto Postiglioni, nell’allenamento del venerdì, si è scavigliato rimanendo a Bolzano. Loreto invece, ormai senza traguardi, ha preferito tenere a riposo Martin in vista dei playoff che, per la formazione marchigiana, inizieranno il primo maggio.
Il Südtirol, a differenza delle ultime uscite (due sconfitte a Corigliano e contro Santa Croce), è stato efficace anche in attacco, oltre alla consueta buona prestazione in difesa e lo strepitoso rendimento in battuta e muro: basti pensare che tutti i giocatori altoatesini hanno fatto blocchi: Sborgia 4, Heikkinen e Gil 3, Kirchhein 2, Monopoli e Lirutti 1. Solo nel secondo set, nella fase iniziale, qualche errore di troppo ha consentito ai padroni di casa di rimanere a lungo in vantaggio, pur senza spingere al massimo sull’acceleratore. Nella frazione centrale, la più combattuta, da segnalare anche una palla set per Loreto, con Bolzano che ne ha sprecate due prima di chiudere, cancellando così la ricorrente difficoltà a chiudere parziali ai vantaggi. Poche emozioni invece nel terzo parziale, con i padroni di casa poco vogliosi di lottare e gli altoatesini che non hanno sbagliato praticamente nulla. La cronaca.
Due sorprese relative all’annuncio dello starting six: Heikkinen (per l’infortunio di Postiglioni) in campo a formare la diagonale dei centrali con Sborgia, Martin invece è in panca sostituito da Van Beest con Spescha dirottato in posto 4 in diagonale con Durante. Dopo il 4-2 iniziale è Bolzano a mostrarsi più vogliosa di punti ed al primo pit stop gli altoatesino sono già avanti (6-8) con un buon Lirutti in evidenza. Un paio di muri di Sborgia portano gli ospiti a + 3 (13-16), poi il vantaggio aumenta di un’unità (17-21) e quindi Loreto approfitta di un raro errore in attacco dei bolzanini per portarsi sotto: 19-21. Qui però finisce il set: Sborgia mette giù in primo tempo il cambio palla (19-22), poi arrivano un ace “sporco” di Casagrande e due errori di fila dei marchigiani che sigillano la prima frazione.
Secondo set. I sestetti non mutano, cambiano invece le statistiche. Adesso è Bolzano a sbagliare qualche attacco in più dei marchigiani, che si presentano al time out sull’8-5. Il vantaggio aumenta fino all’11-6 con un muro su Gil, ma arriva subito la reazione biancorossa con Heikkinen al servizio e Sborgia a muro, che procurano il sorpasso (12-13). Il Südtirol però non riesce ad allungare, anzi incappa in una brusca frenata in ricezione che rilancia avanti Loreto: 16-13. Ancora un muro di Sborgia riporta sotto gli ospiti (16-15), che coronano un’altra rimonta sul 20-20. Le due squadre non si schiodano fino al 23-23, poi arriva la prima palla set per gli altoatesini con Gil, mentre la seconda (24-25) arriva al termine di una confusa azione a rete conclusa con un fallo marchigiano. Il testimone poi passa alla Carilo grazie ad un attacco Van Beest ed un errore Lirutti (26-25), lo stesso Lirutti impatta e quindi arrivano due muri consecutivi di Heikkinen, con Casagrande appena entrato in battuta al posto di Sborgia: il primo blocco è su Polidori, il secondo su Van Beest.
Terzo set. Ormai conquistato il punto che serviva per la certezza dei playoff, Bolzano cerca di portare a casa il bottino pieno per cercare di dare l’assalto al quarto posto occupato dal Bassano, impegnato nella difficile trasferta di Cagliari. Il primo obiettivo riesce, il secondo invece no, perchè pure i veneti fanno tre punti contro la vicecapolista, anch’essa probabilmente con la testa già alle semifinali playoff. Tornando al match di Loreto, già al primo stop Bolzano ha preso il largo (3-8) dopo l’1-5 iniziale che costringe Giuliani a inserire Biagiola per Spescha, poi comunque rimesso in campo. Il vantaggio aumenta sempre su efficace servizio Kirchhein (3-11), Loreto fa due punti (5-11) ma altrettanti ne fa Monopoli, a muro e in attacco (5-14). La partita si trascina senza emozioni fino al fischio conclusivo, che arriva dopo un attacco di Kirchhein ed il muro definitivo di Gil su Van Beest.

Nella foto: Emanuele Sborgia autore di 4 muri

Ufficio stampa Südtirol AA Volley – resp. Paolo Florio 339 4367156