Cazzaniga domani sotto i ferri

Roberto Cazzaniga si sottoporrà ad intervento chirugico per risolvere la lacerazione al tendine rotuleo prodottasi durante il ritiro collegiale di Salsomaggiore con la Nazionale Azzurra.
La decisione è stata presa unanimamente da società e giocatore, con il benestare dello staff medico della Nazionale, già pronunciatosi sul da farsi qualche giorno fa.
L’intervento verrà eseguito dal dr. Volpi di Milano domani pomeriggio.
“La scelta offre maggiori garanzie di recupero, anche se impone uno stop di circa quattro mesi ed un lungo percorso riabilitativo” precisa il d.g. Michele Rota.
“L’alternativa era una cura che poneva seri rischi circa il completo recupero funzionale, pertanto di comune accordo con l’atleta si è deciso per l’intervento.
Contiamo di poter avere Roberto pronto per giocare a metà dicembre, salvo, toccando ferro, incidenti di percorso.
Partiamo male, non c’è dubbio: un infortunio di questo genere ad inizio stagione è un brutto colpo, ma non c’è tempo per vittimismi; siamo da qualche giorno alla ricerca di una alternativa tecnica valida a Roberto, almeno per i mesi in cui “Virus” sarà indisponibile.
La società farà di tutto per portare a Crema un giocatore che possa essere all’altezza, compatibilmente con quanto il mercato offre.
Siamo certi che la città ed i nostri tifosi ci saranno vicini in questo momento delicato, così come lo sono stati in questi ultimi anni, in cui la società ha sempre migliorato i propri risultati sportivi.
Chi ci segue da tanto tempo sa quali e quanti sacrifici si stanno facendo per poter regalare alla città una pallavolo di alto livello.
Abbiamo avuto il coraggio di aprire un nuovo ciclo del volley a Crema, facendo scelte che hanno in tanti momenti fatto storcere il naso a tanti, ma che hanno portato a risultati storici: mi auguro che tutto questo la gente non lo dimentichi.
Se Crema vuole il volley, la Reima ha bisogno di Crema”.

Nella foto Bonizzoni: Egeste e Jankovic, bandiere della Reima