La parola al vice allenatore Andrea Tomasini: “Questo gruppo può andare lontano”

La conosce alla perfezione e la insegna, la pallavolo. Quest’anno, confermato nello staff tecnico, torna a rivestire il ruolo di vice allenatore della Trenkwalder Modena. E’ Andrea Tomasini, 40enne modenese doc e già un ricco curriculum alle spalle. Andrea ha iniziato come vice allenatore di Giorgio Barbieri in A1 femminile a Spezzano, quindi le esperienze nel settore giovanile di Modena e come assistente e vice allenatore al fianco di Bernardinho, Angelo Lorenzetti, Daniele e Bruno Bagnoli e dalla passata stagione di Andrea Giani. Tomasini, che ha anche lavorato per tre anni come vice allenatore della Nazionale Juniores, insegna Educazione Fisica all’Istituto Superiore Morante di Sassuolo ed è Docente Regionale Fipav ai Corsi Allenatori, in pratica insegna e aggiorna i futuri allenatori di pallavolo.
“Ogni anno è pieno di novità – attacca Andrea Tomasini – In questa stagione poi la squadra è cambiata parecchio ed è una squadra giovane: cioè significa che oltre al lavoro fisico e tattico ci sarà particolare attenzione sulla tecnica e ciò mi stimola parecchio. Il mio ruolo? Sono contento di ripartire ancora in questa società, in questa squadra e con Giani: devo dire che proseguiremo nel lavoro iniziato l’anno scorso quando c’era anche Luca Monti. Con Luca e Andrea c’è sempre stato affiatamento, collaborazione e condivisione di intenti: ripartiremo su quella strada e con un grande lavoro di equipe con tutto lo staff tecnico e fisico. Mi piace sottolineare quanto questo gruppo di ragazzi sia disponibile al lavoro quotidiano in palestra – prosegue “Tom” – E’ davvero un gruppo che ha grande entusiasmo, voglia di lavorare e di farlo tutti insieme: quando ci sono queste condizioni si possono fare grandi cose. Chi mi sta impressionando? Non vorrei fare dei nomi, ma a livello personale sono particolarmente contento di ritrovare Dragan Travica. Con Dragan ho lavorato sia nel settore giovanile di Modena che in nazionale juniores. Ritrovarlo oggi significa vedere proseguire il percorso di crescita di un ragazzo che ha sempre mostrato qualità, applicazione e volontà. Dragan ha mezzi fisici e tecnici e mostra tutti i giorni l’umiltà e la voglia di lavorare e migliorare: ci sono tutte le condizioni perchè diventi un grande palleggiatore. Le Olimpiadi? Naturalmente le ho viste. Intanto dico che mi dispiace per Murilo: so quanto lui ed il Brasile tenessero alla medaglia d’oro. Però sono anche contento di averlo visto tanto in campo, segno della fiducia che lui si è conquistato con Bernardinho. E sono stato molto contento di vedere il nostro Lee così protagonista con personalità e qualità: a muro è stato il migliore di tutto il torneo ed un grande campione come Lloy Ball lo ha coinvolto sempre in attacco. La vittoria degli Stati Uniti è stata la vittoria della difesa, della copertura e del coraggio”.

ALLENAMENTO COMBINATO. Domani, mercoledì 27 agosto, primo test per la Trenkwalder Modena che svolgerà un allenamento combinato con Santa Croce di Serie A2. L’allenamento, che avrà inizio con il riscaldamento intorno alle ore 16.30, si svolgerà al Palasport Giuseppe Panini di Modena.