A Vibo va in scena il settimo derby del Sud.

Derby del sud n° 7 per la Prisma Taranto di scena domani in Calabria sul campo del Tonno Callido Vibo Valentia (diretta ore 18.00 Rai Sport Più) nella gara valida per la nona giornata del torneo di A/1. I rossoblù hanno l’obbligo di cancellare il passo falso di domenica scorsa. L’avversario è insidioso: la Tonno Callipo Vibo Valentia è reduce da un mercoledì vincente: 3-0 contro Pineto nel recupero della prima giornata.
QUI TARANTO
Accantonata l’amarezza per la sconfitta interna contro Monza, la Prisma è pronta per il riscatto. Determinazione e continuità di gioco sono le parole chiavi. In questa settimana, i ragazzi di coach Montagnani hanno continuato a lavorare sodo con l’obiettivo di non uscire a mani vuote dal PalaValentia. I ragazzi del presidente Bongiovanni hanno tutte le carte in regola per strappare la terza vittoria esterna stagionale. Assente per infortunio (contrattura muscolare al polpaccio destro) Rivaldo che sta recuperando bene ed a Vibo sarà comunque al seguito della squadra.
A sostituirlo sarà Federico Moretti, con Westphal pronto in caso di bisogno, che domenica scorsa contro Monza ha pagato dazio essendo entrato a freddo: ”Ho pagato un pizzico di emozione. Ero troppo carico, avevo voglia di far bene dopo tre mesi che mi allenavo per essere pronto alla prima chiamata ed invece ho ottenuto l’effetto contrario. Non sono riuscito ad essere utile alla squadra “ – afferma il giocatore marchigiano che aveva già assaporato la serie A/1 con Latina due stagioni fa” – “Mi sto preparando con grande determinazione al match di domenica così come tutta la squadra che ha grande voglia di riscatto” – prosegue Moretti – “Certo ho una bella responsabilità perché non è facile rimpiazzare il miglior giocatore della serie A/1 dello scorso anno. Sino a qualche giorno fa mi allenavo con la squadra delle riserve, ora sto cercando il feeling con Suxho che è un grande alzatore”. Per eliminare i cali di tensione emersi negli ultimi due match la ricetta è questa:“Dobbiamo tutti quanti dare più del 100%. In questi giorni ho visto in palestra una reazione positiva che lascia bene sperare. Il nostro prossimo avversario, Vibo Valentia, ha battitori i importanti ed ottimi attaccanti. In più possono sfruttare il fattore casalingo dove c’è un pubblico molto caloroso. Sarà una bella sfida”.
QUI VIBO VALENTIA
La vittoria schiacciante di mercoledì in trasferta contro Pineto ha cancellato i malumori per la sconfitta di domenica scorsa a Verona. I giallorossi sono piazzati in piena zona playoff con 12 punti. Davanti al pubblico amico hanno ottenuto due vittorie (3-0 contro Trento e 3-2 contro Loreto) e due sconfitte ( 2-3 contro Treviso e 0-3 contro Piacenza). La formazione calabrese allenata dall’ argentino Jon Uriarte dovrà fare a meno dell’opposto titolare Simeonov ma ha trovato nel suo sostituto, il venezuelano Marquez un valido punto di riferimento L’opposto caraibico dalla bandana rossa ha mostrato grandi potenzialità fisiche sia sottorete che dalla linea di fondo. In diagonale con lui l’alzatore cubano Gonzalez, lo scorso anno a Cuneo, altro atleta di gran classe. Al centro confermato e promosso titolare Barone almeno sino a quando non tornerà al meglio della condizione fisica lo spagnolo Moltò (ex Prisma che lo scorso anno si infortunò seriamente al ginocchio), Vibo, lasciato andare sulla via di Taranto Paolo Cozzi, ha puntato su un altro atleta esperto, Tencati, che dopo gli anni d’oro di nazionale, Treviso e l’esperienza in chiaroscuro di Modena, riparte dalla provincia. Sinora ha risposto con grande professionalità tornando ad essere uno dei migliori giocatori a muro del campionato italiano (è secondo nella speciale graduatoria). In banda Vibo continua a puntare sulla “fisicità” di supermolla Contreras, domenicano alto appena 187 cm ma in grado di saltare altissimo, ed ha tesserato il tedesco Andrae di ritorno in Italia dopo le esperienze nel campionato polacco e greco.
In generale Vibo è una squadra completa in ogni fondamentale. E’ terza per attacchi vincenti, terza per punti diretti in battuta dove Gonzalez, Contreras e Marquez abbinano tecnica e grande potenza, secondi per ricezioni perfette e quarti per muri vincenti.
Il centrale spagnolo Moltò, uno dei due ex Taranto di casa Vibo – l’altro è Cicola che in riva allo jonio ha giocato nella stagione 1999-2000: “Affrontiamo Taranto, la squadra in cui ho giocato lo scorso anno per cui per me sarà una partita speciale. Voglio fare bella figura e spero che riusciamo a conquistare una vittoria secca. Loro giocheranno senza l’opposto Rivaldo, ma non dobbiamo ugualmente sottovalutarli perché sono in cerca di conferme e successi. Il libero è molto bravo, lo scorso anno ha avuto ottime percentuali in ricezione. Ma se noi giocheremo con lo stesso approccio della partita scorsa, sono sicuro che non deluderemo il nostro pubblico”.
I PRECEDENTI: 6 : 4 successi per Vibo e 2 per Taranto che ha vinto una sola volta nella stagione 2006-07.
TV – RADIO E INTERNET
Il match sarà seguito in diretta tv da Rai Sport Più Sport Più ed diretta streaming su www.rai.tv/dl/RaiTV/diretta.htmlCommento di Francesco Pancani e Andrea Lucchetta.
In radio all’interno del programma “Set & Note” in onda su LatteMiele ed in streaming su Lattemiele.com, collegamenti in diretta da Vibo.
AL JAZEERA SPORT, SPORT TV SLOVENIA, ORANGE TV (emittente polacca) e RING TV (emittente bulgara) trasmetteranno in diretta la partita visibile in streaming, solo dall’estero su BWIN.COM. ESPN BRASIL trasmetterà, invece, in differita la partita venerdì 6 novembre.
L’emittente locale Blustar Tv trasmetterà la partita in cronaca registrata lunedì sera alle ore 21.00, mentre giovedì sera sempre alle ore 21.00, appuntamento in diretta con la rubrica approfondimento “Volley Time”, dedicata alla Prisma Volley.
LE FORMAZIONI
Tonno Callipo VV: 4 Gonzalez, 6 Marquez, 13 Tencati, 14 Barone, 3 Contreras, 7 Andrae, 18 Cicola (libero), a disp: 1 Cannistrà, 5 Corvetta, 8 Ferraro, 9 Saraceni, 10 Moltò. All. Uriarte.
Prisma Taranto: 7 Suxho, 6 Moretti, 5 Cozzi, 3 Candellaro, 1 Cleber, 11 Abbadi, 1 Ricciardello (libero), a disp: 4 Montagna (libero), 9 Elia, 10 Rivaldo, 12 Westphal, 13 Spesca, 14 Quartarone. All. Montagnani.

ARBITRI: Cinti di Ancona e Padoan di Padova.