Vittoria da SuperLega nel derby al Memorial Morsucci

LUBE – VOLLEY POTENTINO 0-3

LUBE CIVITANOVA: Fei 3, Gabriele 11, Parodi 7, Cordano ne, De Silvestre ne, Vitelli 6, Recine (L), Baldari ne, Cester 6, Miljkovic 11, Corvetta 1, Larizza 1. All. D’Amico
POTENZA PICENA: Cavuto ne, Codarin 10, Pierotti ne, Partenio 3, Miscio ne, Cristofaletti, Calistri, Moretti 12, Ferrini 12, Biglino 5, Ippolito 12, Quarta 1. All. Graziosi
Arbitri: Sampaolo e Frapiccini.
Parziali: 21-25 (24’), 22-25 (24’), 22-25 (27’).
Note: Durata totale 1h 15’. Lube: errori al servizio 14, ace 0, muri 13. Potenza Picena; Errori al servizio 14, ace 8, muri 9.

Starting six:
Lube: Corvetta-Miljkovic, Gabriele-Parodi, Cester-Vitelli, Recine (L)
Volley Potentino: Partenio-Moretti, Ferrini-Ippolito, Biglino-Codarin, Calistri (L).

Festa dello sport ieri sera al PalaLiuti di Castelferretti per l’amichevole solidale tra il Volley Potentino campione uscente della Serie A2 e i cugini della Lube Civitanova, candidati alla vittoria finale della SuperLega, ma in campo senza molti titolari e a corto di ricettori. In un impianto sold out Potenza Picena domina al servizio e in ricezione restituendo il 3-0 con cui la Lube si era imposta nel 2014. Se i ragazzi terribili danno spettacolo sul rettangolo di gioco, sono gli spettatori a trionfare sugli spalti grazie alle donazioni alla Onlus Ylenia Morsucci. Guidata dal secondo allenatore Giancarlo D’Amico, la Lube affronta la sua prima uscita priva di alcuni atleti di spessore, così come coach Gianluca Graziosi si limita a convocare i nazionali Under 21 Oreste Cavuto e Marco Pierotti, schierandoli solo nel quarto set ininfluente concordato a fine partita dai tecnici (vittoria per il Volley Potentino 21-25). Nell’arco dell’incontro avversari annullati al servizio (8 a 0 per i biancazzurri) e in ricezione. Potenza Picena superiore anche in attacco con 36 punti ripartiti equamente tra i top scorer Moretti, Ippolito e Ferrini. Abbraccio tra le due squadre al termine di un match dal sapore particolare per i tifosi biancazzurri, che dopo la vittoria dei playoff in primavera avevano accarezzato per alcuni giorni il sogno di un derby marchigiano in SuperLega.

1 set: Inizio vivace degli uomini di Graziosi, pimpanti sia in attacco che a muro. Biancazzurri pericolosi anche dai 9 metri con Ippolito, autore dell’ace per il +3 (7-10). E’ di Ferrini la stoccata che manda le squadre al time out sul 9-12. La Lube prende le misure e raggiunge il pareggio con un block di Cester (17-17), ma il rendimento dei potentini resta alto. Codarin e Moretti si esaltano al servizio (18-23). Nella formazione dei giovani emergenti a chiudere il parziale con il mani fuori decisivo è il più esperto Moretti (21-25). A fare la differenza nel set sono i 4 ace di Ippolito e compagni, ma anche l’ottima prova in ricezione di Calistri. Equilibrio in attacco con Ferrini e Miljkovic, realizzatori più prolifici con 6 punti a testa. Più efficaci i biancorossi a muro.

2 set: Sestetti inalterati al rientro sul rettangolo di gioco. Anche nel secondo set sono i biancazzurri a distinguersi per lo sprint in avvio (4-7). Gli avversari annullano il gap (9-9), ma soffrono Ferrini sia a rete che al servizio (10-12). Distacco inalterato sul mani fuori di Moretti (18-20). Gli uomini di D’Amico sono meno lucidi e commettono due leggerezze per il 20-23. Nel finale in evidenza Codarin. Sua la firma sui punti più importanti del set (22-25). Il leitmotiv della gara è lo stesso con Potenza Picena più efficace in ricezione e al servizio, mentre i giganti di A1 sono leggermente più precisi, ma meno cinici in attacco e a muro.

3 set: Nel terzo parziale Graziosi non cambia nulla, mentre D’Amico schiera Fei opposto. Potenza Picena parte a testa bassa (4-6), ma la voglia di strafare è cattiva consigliera e la Lube per la prima volta passa in vantaggio (8-6). Sull’errore di Fei in attacco i potentini rimettono la testa avanti (9-10). Sul 10-11 Quarta prende il posto di Biglino, ma gli applausi sono tutti per l’ace di Codarin che manda le squadre al time out sul 10-12. Un’incomprensione a rete frutta il pari (14-14), ma l’iniziativa è ancora biancazzurra con Ippolito (16-17). L’ace di Partenio e il muro di Ippolito gasano pure Graziosi (16-20). Sul 19-21 il tecnico biancazzurro chiama una pausa tecnica e al rientro Ferrini sfoga tutta la sua potenza (19-22). Tanti applausi anche per il muro di Quarta su Fei (20-23). L’errore al servizio di Vitelli consegna la vittoria del match a Potenza Picena (22-25).

Carlo Muzi (dg Volley Potentino): “La Lube era a ranghi ridotti, ma si parla sempre di una formazione molto forte. Detto questo, sono felice per la prestazione del Volley Potentino e per l’approccio dei nostri giocatori, tutti concentrati e sempre attenti. Una vittoria corale che dà morale e ci dimostra di essere sulla buona strada”.

(In foto la gioia dei giocatori biancazzurri – Scatto by Boss)

Ufficio stampa Volley Potentino
Michele Campagnoli
Tel. 349.2885993 – 377.5479228
micampa@gmail.com
ufficiostampa@volleypotentino.it