Vero Volley Monza fermata da Modena nella semifinale del torneo di Sassuolo

Vero Volley Monza – Leo Shoes Modena 0-3 (23-25, 20-25, 19-25)
Vero Volley Monza: Yosifov 5, Orduna 2, Louati 9, Beretta 4, Ramirez 9, Dzavoronok 8; Goi (L). Federici, Galassi, Sedlacek 6. N.e. Calligaro, Capelli, Giani. All. Soli
Leo Shoes Modena: Salsi 3, Bednorz 13, Bossi 8, Zaytsev 13, Estrada 6, Mazzone 7; Rossini (L). Rinaldi. N.e. Iannelli (L), Truocchio, Sanguinetti, Lusetti, Sala, Kaliberda. All. Giani

NOTE

Durata set: 25′, 23′, 22′; Tot: 1h10′.

Vero Volley Monza: battute vincenti 3, battute sbagliate 16, muri 7, errori 25, attacco 45%
Leo Shoes Modena: battute vincenti 4, battute sbagliate 12, muri 7, errori 19, attacco 57%

Impianto: Pala Paganelli di Sassuolo

SASSUOLO, 11 OTTOBRE 2019 – Sarà Vero Volley Monza contro Kioene Padova la finale per il terzo e quarto posto del torneo “International Cup” di Sassuolo, organizzato da SportMore. Nonostante un primo set combattuto ed un terzo in cui si era anche trovata avanti nel prologo di parziale, la prima squadra maschile del Consorzio Vero Volley ha infatti perso 3-0 la semifinale della competizione contro la pari categoria Leo Shoes Modena, andata in scena davanti al pubblico del Pala Paganelli di Sassuolo. Per i monzesi una buona prova in tutti i fondamentali, con Sedlacek (8 punti e 2 muri per il croato) e Louati nel secondo e terzo set e Dzavoronok nel primo a martellare con intensità. Emiliani però più determinati negli inizi di parziale, grazie alle giocate di Bednorz e Zaytsev (13 punti rispettivamente con 1 ace a testa), e capaci di gestire il vantaggio creato fino alla fine. Domani, sabato 12 ottobre, alle ore 14.45, la Vero Volley Monza affronterà la pari categoria Padova, sempre nello stesso impianto, per un posto sul podio dell’evento.

LE DICHIARAZIONI POST PARTITA
Riccardo Goi (libero Vero Volley Monza): “Indipendentemente dal risultato credo che abbiamo espresso una buona pallavolo. Quello che ci è mancato probabilmente è stata la continuità. Abbiamo alternato cose belle ad altre meno belle, motivo per cui poi, alla fine, non siamo riusciti ad aggiudicarci un set. Dobbiamo lavorare ancora molto e soprattutto su questo aspetto, visto che il buono gioco lo sappiamo esprimere. Siamo però certi che con il lavoro e quando saremo al completo riusciremo ad affinare al massimo i meccanismi”.