Giulio Sabbi scalpita «Ho vissuto due lockdown e sono come un leone in gabbia, con la Top Volley Cisterna abbiamo obiettivi importanti. La Nazionale? Ci penso sempre».

CISTERNA DI LATINA – I due lockdown, vissuti prima in Cina e poi in Italia, gli allenamenti a casa, la grande voglia di tornare sul campo con la Top Volley Cisterna e il sogno della maglia azzurra. Giulio Sabbi scalpita e si prepara alla ripartenza della prossima Superlega con l’obiettivo di tornare a fare la differenza in Italia. «Mi sento come un leone in gabbia, a Shanghai ho vissuto la prima fase dell’emergenza coronavirus, per poi ritrovarmi in quarantena anche al suo ritorno in Italia così ho vissuto due quarantene, non è stato facile per me e la mia famiglia – ha raccontato Sabbi, intervenuto a ‘Casa Fipav Lazio’ con Giorgio Marota, Massimo Moni, Arianna Barboni e Matteo Antonucci – ora mi sto allenando a casa dei miei suoceri a Treviso, qui c’è un grande giardino e posso fare molto ma ovviamene non è la stessa cosa che allenarsi con la squadra». L’opposto di Zagarolo è uno dei volti nuovi della Top Volley Cisterna per il prossimo campionato di Superlega. «La Superlega mi mancava tanto, oggi trovo un campionato di livello ancora molto alto rispetto a quando sono andato via e sono felice di essere a Cisterna anche perché con il direttore sportivo Candido Grande ci siamo cercati spesso in questi anni e finalmente posso giocare per questa grande squadra – aggiunge Sabbi – Abbiamo obiettivi importanti con la Top Volley e ci sarà da lavorare molto, io non vedevo l’ora di tornare in campo nella mia regione e dopo due anni all’estero la mancanza si sente anche perché l’attaccamento all’Italia c’è sempre stato e spesso mi svegliavo di notte per guardare le partite. La Nazionale? Ovviamente ci penso sempre perché è giusto che sia così per tutti gli atleti: quando sento suonare l’inno di Mameli mi vengono sempre i brividi e sarebbe fantastico tornarci. Ho ancora la pelle d’oca se ripenso a quella sera di Italia – Brasile al Foro Italico con quell’atmosfera magica e tutto il pubblico che cantava».

FALIVENE – «Le retrocessioni per la prossima stagione di Superlega? Sono d’accordo ma è una scelta condivisa da tutti, noi ci stiamo preparando con un progetto importante e con l’obiettivo di continuare la nostra crescita sia sul campo sia fuori» spiega il presidente della Top Volley Gianrio Falivene che questa sera parlerà anche di come ripartire dopo la pandemia di coronavirus con l’impatto che questa ha avuto sulle società di pallavolo e lo farà dalla web tv foggiana Mitico Channel (ore 19) che approfondirà anche come si programma in una società di volley e come si può renderla competitiva in questo periodo storico di grande incertezza.

IN FRANCIA – Anche gli altri giocatori della Top Volley Cisterna continuano i loro allenamenti a livello personale nell’attesa di poter iniziare la preparazione con il coach Lorenzo Tubertini e il suo staff. In Francia Kevin Tillie si allena nel centro sportivo Creps d’Antibes, con il supporto di Cristophe Keller. Tanti esercizi tecnici per il martello francese e anche propriocettività come si può vedere nel video pubblicato sui canali social ufficiali della Top Volley.


Giuseppe Baratta
communication manager of Top Volley Cisterna
phone +39 335 8334331
phone2 +39 393 9634990
press@top-volley.it
Twitter/Instagram @giuseppebaratta
www.giuseppebaratta.it

Top Volley Cisterna
Italian volleyball Superlega team www.top-volley.it
operational headquarters
via Don Morosini 125 – 04100 Latina (ITALY)
phone +39 0773 284256 | fax +39 0773 284835