Indicazioni utili per coach Rosichini nel primo test stagionale

Indicazioni utili per il Volley Potentino e per coach Gianni Rosichini in occasione del primo dei sei test in calendario nella preseason. Nell’allenamento congiunto andato in scena ieri alle 20.15 sul campo dell’Eurosuole Forum di Civitanova Marche, la GoldenPlast Potenza Picena si è arresa in 4 set alla Gibam Virtus Volley Fano (Serie B) dell’ex palleggiatore biancazzurro Nicola Cecato e del rivale storico Hiosvany Salgado. Bel testa a testa tra Matteo Paoletti (16 punti) e Manuele Lucconi, top scorer con 18 punti. Sempre insidiosi al servizio gli avversari (9 ace contro i 4 dei potentini). Uno stop indolore al battesimo del campo, frutto di una flessione fisica e agonistica.

IL MATCH

Padroni di casa schierati con Monopoli al palleggio per la bocca da fuoco Paoletti, Garofolo e Trillini al centro, Di Silvestre e Pinali in banda, D’Amico nel ruolo di libero.

Dopo una fase iniziale di studio, i potentini cominciano a macinare gioco (17-12) e, nonostante un passaggio a vuoto (20-17), conquistano il parziale con l’attacco di Garofolo (25-19), che chiude in bellezza al culmine di una serie al servizio di Paoletti.

Nel secondo set spazio ai laterali Gozzo e Calistri, ma anche al centrale Larizza. Testa a testa in avvio, poi la GoldenPlast Potenza Picena fatica in ricezione (12-17). Monopoli e compagni provano a reagire (16-20), ma i fanesi mantengono i nervi saldi e chiudono alla seconda palla set con il centrale Paoloni (18-25).

Al rientro Potenza Picena si presenta con lo starting six di inizio partita. La Gibam Fano non molla un pallone (11-17) e gioca bene le sue carte anche a muro (12-20). Gli uomini di Rosichini vedono vanificati i tentativi di rimonta per un’infrazione (15-25).

Nel quarto set dentro Gozzo in posto 4 e Larizza al centro. Buon approccio del Volley Potentino (12-8), che però si rilassa ritrovandosi sotto di 2 punti (14-16). Si va al rush finale sul 19-19. Sul 22-24, l’attacco di Paoletti s’infrange sul muro ospite (22-25).

Coach Gianni Rosichini: “L’avvio è stato buono, poi ci siamo spenti. Dopo il primo set ho cambiato il sestetto perché l’obiettivo era vedere all’opera il roster. Quando siamo andati in crisi in ricezione per la battuta degli avversari, ho visto un eccessivo scoramento in campo. Io vorrei una squadra con mordente anche nelle gare senza nessuna posta in palio. Le motivazioni e l’agonismo fanno la differenza”.

(In foto i giocatori biancazzurri – Scatto di Francesca Mecozzi)

Ufficio Stampa Volley Potentino – Michele Campagnoli

349 2885993 – micampa@gmail.com