Una giornata da dimenticare!

“Così non va. Non ho mai pensato di vincere in maniera scontata, visto il valore della squadra, sapevamo tutti che il campionato sarebbe stato difficile, che ci sarebbero state altre squadre ben attrezzate che contro di noi avrebbero inserito una marcia in più, ma perdere in questa maniera di fronte al proprio pubblico non va assolutamente. Abbiamo disputato tre partite casalinghe perdendo sei punti su nove sia pure contro formazioni ben determinate ma certamente alla nostra portata. Credo che le prossime due partite siano importanti al fine di attente valutazioni da parte della società nei confronti di tutti. Se necessario agiremo di conseguenza valutando la situazione a 360 gradi senza timori reverenziali nei confronti di chiunque.”
Con questo sfogo del numero uno della società gialloblu si è chiusa una giornata nata sotto i peggiori auspici (il danneggiamento da parte di ignoti del pulman ospite) e finita addirittura peggio con la secca sconfitta casalinga della Materdomini Volley contro Pineto.
A questo proposito il Presidente Miccolis espone la sua sottolineatura: “Quando l’anno passato siamo rimasti vittime dello stesso imbecille episodio nella trasferta abruzzese abbiamo voluto stigmatizzare l’episodio non concedendo alcuna pubblicità all’accaduto proprio per non fomentare ulteriori eccessi. La dirigenza di Pineto ha invece voluto agire diversamente. Noi ne prendiamo atto condannando ufficialmente quanto purtroppo accaduto e ponendo in essere tutte le azioni possibili al fine di assicurare i responsabili alle forze dell’ordine, con le quali abbiamo da subito chiesto la massima collaborazione”.
Di pallavolo giocata se ne vista ben poca ieri al Pala167 da parte dei ragazzi guidati da coach D’Onghia. In pratica non c’è stata partita con Pineto che ha fatto null’altro che il suo dovere contro una Mater che ha completamente fallito l’approccio alla gara.
“In una partita come questa persino i tabellini non contano nulla. Semplicemente non siamo mai entrati in partita, forse addirittura in campo. Dobbiamo capire esattamente cosa è successo e dobbiamo farlo in fretta visto che mercoledì abbiamo un’altra partita.” Fin troppo lucida la disamina di Giovanni D’Onghia nel post gara. “Credo che adesso più che mai la cosa più importante è trovare quella tranquillità che forse, dico forse, non abbiamo mai raggiunto dall’inizio del campionato. Senza quella è difficile gestire la pressione che arriva inevitabilmente a pesare su una squadra creata per raggiungere un grande obiettivo. Adesso tutti quanti dobbiamo darci una calmata e rimboccarci le maniche senza accusare l’uno o l’altro nello specifico. Siamo tutti responsabili in questo progetto ed è determinante ritrovare quella serenità che ci permetta di giocare divertendoci”.
Una sconfitta che paradossalmente potrebbe essere arrivata nel momento più opportuno di una stagione ancora lunga e tutta da giocare, alla vigilia di due partite importanti, la trasferta a Milano e l’anticipo casalingo di sabato con Modugno-Noicattaro, che potranno determinare il nuovo cammino della Materdomini Volley.

Nella foto il Presidente Michele Miccolis

Ufficio Stampa
Pier Paolo Lorizio
3478422675
ufficiostampa@materdominivolley.it