Spoleto dai piani alti: i Lupi ne prendono atto

La Kemas Lamipel esce battuta in tre set dall’amichevole di Spoleto disputata ieri pomeriggio al palaspot intitolato a don Guerrino Rota.
Gli umbri di Provvedi si sono imposti grazie ai seguenti parziali: 25-20, 26-24 e 25-18.
In un quarto set supplementare, in cui i due tecnici hanno dato spazio a diversi fra i giocatori non impegnati in precedenza, i padroni di casa hanno vinto per 25-23.
Gli oleari si sono presentati col sestetto annunciato e, in attesa dell’arrivo del centralone Van Berkel, i gialloblù sono scesi in campo con: Corvetta-Giannotti, Zamagni-Cubito, Galliani-Bertoli e Bari libero.
Totire ha puntato al centro su Elia-Miscione, su Hage-Zonca di banda, sulla diagonale di palleggio Ciulli-Wagner e su Taliani libero.
Al PalaRota erano annunciati circa 200 spettatori ma, alla fine, in numero ha superato probabilmente le 300 unità, per un test di inizio settimana, a conferma di quanto sia forte l’attesa per questo Spoleto costruito per vincere. Gli attaccanti Galliani, Giannotti e Bertoli, ben diretti da Corvetta, hanno recitato decisamente la loro parte.
La Kemas Lamipel ha avuto la possibilità, nel secondo parziale di portarsi in parità sull’1-1 ma, una volta in vantaggio per 20-23, ha subìto un break di 6-1 arrendenosi per 26-24.
Questo il commento del tecnico Totire al termine della gara:”Siamo andati molto bene nel cambio palla, mentre invece non è stato così nella fase di contrattacco. Avevamo fatto meglio, in questo frangente, nel secondo test di lunedì con la Tunisia. Abbiamo sprecato occasioni nel contesto di una gara impegnativa.
Comunque noi non siamo molto lontani dagli spoletini che costituiscono una buona squadra per la A2. Qualcuno di noi ha fatto meglio, altri no.
Nel finale del terzo set ho dato spazio ad Acquarone per Ciulli. Nel quarto gioco ho immesso i ragazzi che erano rimasti in panchina.
Ora – ha concluso il coach biancorosso – daremo vita a due allenamenti quotidiani fino a venerdì prossimo e concluderemo il lavoro settimanale con la seduta di sabato mattina”.
Marco Lepri – Ufficio stampa “Lupi” Santa Croce