Santo Stefano amaro per la Conad Lamezia a Lauria

Nel boxing-day di Santo Stefano altra sconfitta netta per la Conad Lamezia che cade 3-0 sotto i colpi della Geosat Geovertical Lagonegro dell’ex giallorosso Erneto Turano.

Il pre-gara si apre con importanti novità in casa giallorossa. Coach Rigano può finalmente tirare un sospiro di sollievo e contare su una rosa numericamente più ampia anche se ancora da puntellare. Rientra, dopo i problemi di salute Bizzotto, arrivano a rinfoltire la rosa (che nelle ultime settimane aveva perso Usai, approdato a Gioia del Colle, Di Fino e Szewczyk) lo schiacciatore classe ’98 Emanuele Anselmi, che aveva cominciato la stagione a Foligno in serie B, e l’altra banda Matteo Ingrosso, classe ’88, campione di beach volley assieme al fratello gemello Paolo con il quale si è allenato fino ad ora a Piacenza. Nessun allenamento con il gruppo però per i nuovi quindi in campo scende la stessa formazione che aveva giocato sabato scorso a Cosenza contro Reggio Emilia.

Si va avanti di break in avvio di gara, il primo è della Conad che stacca subito 0-3, il secondo di Lagonegro che risponde fino al 4-3, per poi allungare ancora 8-4, quindi ancora Lamezia fino all’8-7 e ancora Lagonegro (14-10). Due aces consecutivi di Alfieri e uno al turno successivo in battuta di Bruno valgono l’aggancio 15-15, subito seguito però da un nuovo allungo dei padroni di casa che si portano avanti di 5 (22-17) nella fase decisiva del set. Un ace di Calonico porta Lagonegro sul + 6 (24-18) e con ben 6 palle per chiudere il parziale. Negron dal centro annulla la prima, ma al servizio spedisce in rete la seconda regalando il parziale alla squadra di casa (25-19).

Nessuno strappo invece nella fase iniziale del secondo set. Si va avanti punto a punto fino all’8-8, quando Lagonegro, dopo una scambio lunghissimo e i punti di Barreto e Boiswinkel allunga di 6 (14-8). La Conad smarrisce se stessa, diventa fallosa, poco attenta e imprecisa. La squadra di Falabella capisce il momento difficile dei lametini e spinge forte sull’acceleratore, diventando insuperabile a muro ed efficacissima in attacco (21-12). Quando poi anche la fortuna gira dalla parte dei lucani, ace favorito dalla rete di Calonico, il parziale è segnato (24-13). A chiuderlo ci pensa Barreto con un attacco che vale il 25-15.

Come nel secondo set, ad una fase di equilibrio iniziale (6-6) anche nel terzo segue il break avversario che mette subito in salita il parziale (12-7). I giallorossi riescono ad accorciare fino al 12-10 ma subiscono subito un nuovo break che riporta Lagonegro a + 6 (17-11).  Ci prova la Conad con tutte le sue energie a rientrare in partita e si riporta sul -2 (21-19) salvo poi sbagliare la battuta con Aprile e subire 2 punti consecutivi di Barreto che valgono ben 5 palle match per Lagonegro (24-19). Bruno riesce ad annullare la prima ma il servizio in rete di Alfieri chiude la contesa 25-20.