A Cantù con l’ex

Giocherà in anticipo rispetto l’orario canonico, la Geovertical Geosat Lagonegro che domenica affronta la formazione lombarda del Cantù alle ore 16. 

I canturini dopo  dopo l’entusiasmante cavalcata della scorsa stagione, conclusa solo in Semifinale Play Off Promozione contro la corazzata Olimpia Bergamo, attraversano una fase abbastanza travagliata:  con solo due punti all’attivo ottenuti con due tie break , sono penultimi in classifica. Orfani ancora dell’opposto cubano Poey,out per un infortunio alla gamba, i lombardi sono guidati  da mister Cominetti e mister Redaelli che con molte probabilità potrebbero schierare lo stesso sestetto che la settimana scorsa ha giocato contro Santa Croce, dove il Libertas ha perso per 3 set a 1. Dunque  Motzo, il vicecampione del mondo U21,  sarà in diagonale a Baratti,  Cominetti e Maiocchi schiacciatori, Monguzzi e Mazza centrali, Butti libero. Per Mister Falabella il sestetto dovrebbero essere il solito con il rientro dello schiacciatore Corrado che già dalla scorsa gara ha giocato sin dal primo minuto. 

“Finalmente ho ritrovato il campo da titolare- sottolinea Corrado- dopo l’infortunio che mi ha tenuto fuori un mese. Siamo consapevoli di andare in un palazzetto dove ci sarà un’atmosfera molto calda, ma abbiamo le motivazioni giuste. Dopo aver vinto una grande partita contro Mondovì, siamo pronti a continuare su questa scia. Mi aspetto una partita difficile- continua lo schiacciatore della Geovertical-. Loro giocheranno con il coltello tra i denti, ma noi ci siamo preparati molto bene in settimana e daremo il massimo per portare a casa un risultato positivo”. Nota particolare di questo match è la presenza dell’ex di turno, ovvero l’attuale capitano della Geovertical Gabriele Robbiati, che dopo 6 stagione a Cantù, praticamente dalla promozione della Libertas dalla B e una sola parentesi ad Aversa , quest’anno veste i colori biancorossi del Lagonegro. Appuntamento a partire dalla ore 16 al Palazzetto Parini di Cantù con diretta sul canale You tube di Legavolley.