Al PalaCoccia il Vero Volley si riscatta

Riscatto pieno per il Vero Volley Monza al PalaCoccia di Veroli che con un 3-0 pareggia il conto con la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

Dopo la ferita aperta con la vittoria per 3-1 alla Candy Arena lo scorso novembre, Sora non riesce a girare il coltello nella piaga monzese, con la fame di riscatto che ha avuto la meglio su quella di riconferma.

L’intento di entrambe le forze in campo era fare punti classifica, i bianconeri per la salvezza e i biancoblu per i Play Off Promozione, ma la continuità al buon momento la dà Monza con una bellissima vittoria guadagnata sicuramente a muro, con 19 block messi a segno, e con un 63% in attacco.

Una battaglia, tra il collettivo monzese al gran completo dopo il pieno recupero di Plotnytskyi MVP del match, e quello sorano che deve ancora fare a meno di Nielsen ma con Petkovic che nel suo personale raggiunge i 1000 punti in SuperLega.
Il Vero Volley si è presentato in campo organizzato, affiatato e con continuità di gioco ben gestito dal suo regista. La Globo ha vissuto una gara davvero complicata, sempre alla ricerca del proprio gioco partito bene al servizio ma che non è riuscito a decollare in attacco.

“Non è stata una partita straordinaria – dice al termine coach Barbiero -. Non siamo mai entrati in partita, siamo stati lì lì per farlo ma loro sono stati bravi e abbastanza continui soprattutto nella fase di cambio palla che ci ha dato un po’ di difficoltà. Hanno ottimi attaccanti che oggi sono andati molto bene. Noi potevamo fare meglio. Abbiamo avuto dei momenti buoni ma non abbiamo mai giocato come volevamo e dovevamo. E’ una sconfitta che ci sta, ma che non deve abbatterci perché non cambia nulla in quello che è il nostro obiettivo. Da martedì torniamo in palestra per pensare alla prossima gara”.

“Una buona partita – commenta invece mister Soli -. Non solo per il risultato ma perché siamo riusciti a fare quello che ci eravamo ripromessi. Lo abbiamo fatto in maniera continuativa e quando lo facciamo produciamo buon gioco. Riuscire a prendere risultati, visto il periodo dal quale arriviamo, è molto molto importante per riprendere la corsa verso una pallavolo un po’ più fluida. Sono molto contento, anche di aver reso grazie ad una piazza molto importante come Sora, che mi ha dato una grandissima opportunità, mettendo in campo una squadra agguerrita e offrendo una buona pallavolo. Mi dispiace per il risultato per Sora, ma penso che fare così sia un modo molto professionale per rendere merito a Sora, che mi ha accolto come un figlio e dato casa per due anni, e la possibilità di fare il mestiere che amo”.

Allo starting player coach Mario Barbiero approccia al match con il suo sestetto tipo quello con la regia di Kedzierski in diagonale con Petkovic, Caneschi e Di Martino al centro, Joao Rafael e Fey in posto 4, e Federico Bonami libero.
Mister Soli decide di affrontare il suo ex club confermando la diagonale Orduna-Ghafour, scegliendo Yosifov al centro assieme Beretta, la banda Plotnytskyi in coppia con Dzavoronok, e Rizzo libero.

Il match è aperto da un monologo di Petkovic che con 4 ace consecutivi segna il primo break positivo per il 5-1 che costringe coach Soli a richiedere subito il time out discrezionale. Il Vero Volley fa partire la fase offensiva con i suoi schiacciatori a tutto fuoco ma è sull’11-8, con il turno al servizio di Orduna, che aggancia l’avversario e lo sorpassa 11-13. L’ace di Plotnytskyi fa salire il vantaggio ospite sul +3, Sora rincorre bene ed entrambi i registi si affidano ai loro centrali per togliere le castagne dal fuoco per il 15-17. Si prosegue punto a punto fino al 19-22 quando la battuta vincente di Fey ristabilisce l’equilibrio del 21-22 e Joao Rafel lo mantiene al 22-23, ma Monza apre il gas per lo sprint finale, 22-25 e 0-1 in fatto di computo set.

La Globo continua a fare difficoltà nel contenere l’attacco avversario che, dopo il 78% del set precedente, in avvio del secondo mantiene il trend, come anche a muro chiudendo la strada alle intenzioni avversarie. È sul 6-12 che coach Barbiero decide di intervenire cambiando la regia del suo gioco affidandola a Marrazzo. Inizia così la risalita volsca, con Joao Rafael a trovare spazio sulla rete per l’aggancio del 16-17, e Petkovic ad autografare il suo punto numero 1000 in SuperLega per il 17-20. Ma in battuta è il turno di Orduna che crea scompiglio e orchestra bene i suoi per la chiusura del 19-25.

La Globo trova la forza per tornare in campo combattiva, e con le sue bocche da fuoco incisive è 6-2 in apertura del terzo game. Mister Soli richiama i suoi che, al rientro in campo, continuano a trovare nel muro la loro chiave di volta per la parità del 7-7 e il +2 del 10-12. Kedzierski all’ace e a servire il suo opposto, riporta la parità 15-14, ma la corsa di Monza è inarrestabile fino al 19-25.

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA – VERO VOLLEY MONZA 0-3

GLOBO BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE SORA: Kedzierski 1, Petkovic 19, Caneschi 3, Di Martino 3, De Barros Ferreira 10, Fey 5, Bonami (L), Marrazzo, Esposito n.e., Rawiak, Mauti (L) n.e.. I All. Barbiero; II All. Colucci. B/V 9; B/P 9; muri: 2.

VERO VOLLEY MONZA: Orduna 1, Ghafour 11, Plotnytskyi 22, Dzavoronok 13, Yosifov 13, Beretta 5, Rizzo (L), Calligaro, Buchegger n.e., Botto, Buti n.e., Arasomwan n.e., Galliani. I All. Fabio Soli; II All. Luigi Parisi. B/V 4; B/P 15; muri: 9.

PARZIALI: 22-25 (‘26); 19-25 (‘25); 19-25 (‘26).

ARBITRI: Rossella Piana, Stefano Cesare.
TERZO ARBITRO: Bolici.
ADDETTO AL VIDEO CHECK: Ferrara.
SEGNAPUNTI: Falzi.

MVP: Oleh Plotnytskyi.

SPETTATORI: 625.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora