Roma Volley bis in Calabria

Una Roma gagliarda, decisa e tosta coglie contro la Golem Palmi la seconda vittoria della stagione per 3-1 (23-25, 25-23, 25-15, 25-18), la prima in trasferta (sul campo di Reggio Calabria), e sale in classifica a 6 punti. I giallorossi conquistano il successo di rimonta, dopo aver perso di misura il primo set in mezzo a qualche errore di troppo e a un gioco tra alti e bassi, dal secondo si è vista un’altra squadra, scesa in campo con un altro piglio e la giusta determinazione di un gruppo che aveva come obiettivo i tre punti. La maggiore esperienza si è vista, sugli scudi Calarco e Zappoli, mattatori in attacco con 20 punti a testa. Il pensiero di un euforico Mauro Budani, tecnico della Roma Volley. “Sono molto contento per la squadra e per il risultato, ma soprattutto per come è venuto, di rimonta. Voluto e cercato. Siamo andati un po’ in difficoltà nella prima parte, bastava sbagliare meno. Poi siamo usciti alla distanza a muro, la squadra ha risposto molto bene, si sono visti i frutti del lavoro in palestra, questi punti ci fanno essere più sereni per il futuro, tutti i ragazzi hanno dato un grande contributo, anche la panchina ha dato una mano. Mi è piaciuta molto la reazione e come abbiamo cambiato in corsa, soprattutto a muro e in difesa”. Non ha iniziato nella miglior maniera la Roma Volley che ha sprecato tanto, fallosa in fase di cambiopalla con una ricezione balbettante e un attacco non pungente. Così i calabresi ne hanno approfittato per portarsi avanti di qualche lunghezza, i giallorossi hanno faticato a trovare continuità e il bandolo della matassa soprattutto a muro. Così dal 19-16 per Palmi la Roma Volley ha provato a rimanere aggrappata al set, sul finale ha rimontato dal 24-21 ma poi sul 24-23 ha sbagliato la battuta. Dal secondo set il trend cambia decisamente con un gioco molto più fluido, un attacco preciso e soprattutto una battuta che mette in grande crisi la ricezione avversaria. Sul finale di secondo il ritorno dei padroni di casa, ma Roma ha un buon vantaggio e chiude sul 25-23. Nel terzo monologo romano (17-7) con Palmi che esce di scena. Ma nel quarto ecco la reazione della stessa Golem (10-7) con i romani che incontrano difficoltà a mettere palla a terra, Palmi gioca il tutto per tutto. Poi Roma alza il ritmo, spinge sull’acceleratore, mentre Palmi cala alla distanza (20-16). Roma chiude 25-18 con capitan Rossi.