SuperLega Credem Banca: i risultati della 7a. Provvedimenti disciplinari

Mercoledì 20 novembre 2019
SuperLega Credem Banca: i risultati della 7a di andata.
Provvedimenti disciplinari Serie A2 e A3 Credem Banca.

SuperLega Credem Banca
7a giornata di andata: prima gioia per Vibo. Padova passa 3-2 a Trento. Tre punti esterni per Latina, Modena e Perugia. Domani alle 20.30 Ravenna – Civitanova con diretta RAI Sport

Risultati 7a giornata di andata Superlega Credem Banca:
Itas Trentino-Kioene Padova 2-3 (25-20, 20-25, 19-25, 25-23, 19-21); Allianz Milano-Leo Shoes Modena 0-3 (27-29, 28-30, 20-25); Globo Banca Popolare del Frusinate Sora-Top Volley Latina 1-3 (20-25, 22-25, 25-23, 23-25); Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-Calzedonia Verona 3-0 (25-17, 25-18, 25-20); Gas Sales Piacenza-Sir Safety Conad Perugia 0-3 (22-25, 22-25, 17-25).

Riposa : Vero Volley Monza.

Consar Ravenna-Cucine Lube Civitanova: in programma giovedì 21 novembre alle 20.30.

 

Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Calzedonia Verona 3-0 (25-17, 25-18, 25-20) – Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia: Baranowicz 1, Defalco 13, Chinenyeze 5, Drame Neto 18, Carle 14, Mengozzi 2, Sardanelli (L), Rizzo (L), Vitelli 0. N.E. Hirsch, Marsili, Pierotti, Ngapeth. All. Cichello. Calzedonia Verona: Spirito 1, Muagututia 6, Solé 5, Boyer 6, Asparuhov 12, Cester 1, Donati (L), Bonami (L), Marretta 0, Birarelli 1, Kluth 1. N.E. Chavers, Franciskovic. All. Stoytchev. ARBITRI: Canessa, Braico. NOTE – durata set: 26′, 25′, 29′; tot: 80′. Spettatori: 259. Incasso: 624 euro. MVP: Aboubacar.

La tanto attesa e sospirata vittoria della Tonno Callipo Calabria arriva al culmine di una grande prestazione fatta di carattere e voglia di vincere. Di fronte a un avversario quotato come Verona, Baranowicz e compagni mettono in campo non soltanto una buona dose di grinta e tenacia ma anche una pallavolo bella a vedersi, mostrando progressi in tutti i fondamentali. Coach Cichello punta su un sestetto efficace fin dall’inizio senza bisogno di stravolgimenti in corsa.

La partita.
Nella metà giallorossa in campo Baranowicz in cabina di regia con Aboubacar in diagonale, Chinenyeze al centro con Defalco e Carle in posto 4, Rizzo libero. Risponde Verona con Spirito in palleggio e Boyer opposto, centrali Solè e Cester con Muagututia e Asparuhov sulle bande, Bonami libero. E’ una Callipo concreta e determinata quella che fin da subito mostra grande voglia di vincere. Trascinata da Aboubacar (MVP) in gran serata, la squadra calabrese mostra il suo vero volto rivelandosi la bella copia di quella ammirata sette giorni fa contro Sora. Mengozzi e compagni appaiono carichi e concentrati prendendo il largo già nel primo set (10-6) e mantenendo un discreto vantaggio, non solo con gli attacchi di Aboubacar, ma anche al servizio e con il contributo di una buona correlazione muro-difesa. E così, sotto l’abile regia di Baranowicz, con De Falco e Carle decisivi in attacco, Vibo distanzia (20-11, 23-15) Verona, che è incapace di reagire. Il canovaccio è lo stesso nel secondo set: la Callipo si ripresenta in campo con la medesima fame e, dopo un iniziale equilibrio, sorpassa ancora Verona (12-8, 19-13). La formazione scaligera accusa il colpo, Stoytchev cerca di cambiare qualcosa (Kluth per Boyer) ma senza costrutto. Asparuhov e Garrett perdono lo smalto iniziale e così i padroni di casa ne approfittano ancora di più chiudendo con i martelli in attacco (25-18). Nel terzo parziale Verona sembra rientrare in partita con uno scatto d’orgoglio che le permette di tenere il punteggio sulla parità (11- 11, 14-14). L’episodio decisivo è l’espulsione di un nervoso Solè, reo di aver protestato a lungo con l’arbitro Canessa. Da lì in poi la squadra di Stoytchev si disunisce senza più riuscire a recuperare e lasciando campo aperto a Vibo, che agguanta 3 punti importanti per classifica e morale.

MVP: Drame Neto Aboubacar (Tonno Callipo)
Spettatori: 259
Incasso: 624 euro

Juan Manuel Cichello (allenatore Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia): “Questa vittoria è merito dei ragazzi. Abbiamo disputato un’ottima gara, a partire dall’atteggiamento. I miei giocatori ci hanno creduto dall’inizio nonostante sapessero di avere di fronte una delle squadre migliori del Campionato con centrali di grande qualità. Il gruppo ci ha regalato una grande soddisfazione e la carica per continuare su questa strada”.
Federico Bonami (libero Calzedonia Verona): “Ci aspettavamo una rivale così determinata. Gli avversari hanno giocato una partita tatticamente eccellente. Alcune cose da parte nostra non sono andate come al solito, ma abbiamo la fortuna di avere in calendario un match già domenica per riscattarci cambiando atteggiamento”.

 

Allianz Milano – Leo Shoes Modena 0-3 (27-29, 28-30, 20-25) – Allianz Milano: Sbertoli 1, Gironi 0, Clevenot 9, Abdel-Aziz 24, Petric 9, Kozamernik 5, Hoffer (L), Pesaresi (L), Basic 0. N.E. Weber, Izzo. All. Piazza. Leo Shoes Modena: Christenson 4, Anderson 10, Mazzone 3, Zaytsev 17, Bednorz 17, Holt 10, Iannelli (L), Rossini (L), Kaliberda 0, Bossi 5. N.E. Pinali, Salsi, Rinaldi. All. Giani. ARBITRI: Sobrero, Goitre. NOTE – durata set: 36′, 32′, 25′; tot: 93′. Spettatori: 3.190. MVP: Bednorz.

Non basta un’altra grande prova dell’Allianz Milano per trovare il primo sorriso all’Allianz Cloud. Dopo 93 minuti di gara ad avere la meglio è la Leo Shoes Modena, che torna alla vittoria dopo lo stop contro Civitanova e conquista tre punti importanti per la classifica. L’epilogo è di 3-0 per gli ospiti (27-29, 28-30, 20-25) al termine di un confronto combattuto, soprattutto nei primi due set. L’attesa della gara, valida per il settimo turno di andata della SuperLega Credem Banca, è stata allietata dall’esibizione di una gara di sitting volley tra le squadre di Missaglia e Brembate Sopra all’interno del progetto volley4all della Fondazione Allianz UMANA MENTE e di Allianz Powervolley. Qualche minuto prima del fischio d’inizio è stato il presidente di Powervolley Lucio Fusaro a premiare Andrea Giani per i due anni trascorsi alla guida dei meneghini e a insignirlo del titolo di ambasciatore di volley4all.

La partita.
Formazione tipo per entrambe le squadre che danno spettacolo di fronte ai 3190 spettatori dell’Allianz Cloud: Milano trova in Nimir il suo principale attaccante (24 punti e best scorer del match), mentre Modena, guidata in regia da un Christenson capace di portare in doppia cifra 4 giocatori (Zaytsev 17, Bednorz 17, Holt 10, Anderson 10), forza al servizio e trova l’esperienza necessaria per centrare i punti finali e concitati dei set. Il terzo parziale ha storia a sé, con Modena che prende il largo e i padroni di casa che provano a recuperare, rendendo solo meno ampio il divario. Con questa vittoria la squadra di Giani vola a quota 18 punti, mentre la formazione guidata da Roberto Piazza rimane ferma a 9.

MVP: Bartosz Bednorz (Leo Shoes Modena)
Spettatori: 3.190

Roberto Piazza (allenatore Allianz Milano): “Modena ci ha aggredito al servizio con grandi individualità. Il primo set siamo partiti un po’ titubanti, ma poi ci siamo ripresi. Ci sono degli episodi arbitrali che non mi sono piaciuti. Abbiamo avuto occasioni importanti per chiudere il secondo set e, se vogliamo fare il salto di qualità, è in quei punti che dobbiamo migliorare. Sono sempre stato ottimista e continuerò a esserlo perché considero il bicchiere mezzo pieno e vedo i progressi dei giocatori, ma ora è arrivato il momento di andarsi a prendere quei punti che ci mancano”.
Andrea Giani (allenatore Leo Shoes Modena): “Sapevamo che sarebbe stata una partita dura perché Milano aveva dimostrato domenica di poter mettere in difficoltà anche Trento. Oggi l’Allianz lo ha ribadito, è una squadra che gioca sempre, nonostante le assenze importanti. I primi due set sono stati molto tirati e li abbiamo vinti, per cui sono contento. Dobbiamo migliorare ancora alcune cose, ma cntava iil successo finale. L’Allianz Cloud? Ci avevo sperato lo scorso anno: tornare qui è sempre speciale, perché ci sono ancora affetti e sentimenti”.

 

Itas Trentino – Kioene Padova 2-3 (25-20, 20-25, 19-25, 25-23, 19-21) – Itas Trentino: Giannelli 4, Kovacevic 7, Candellaro 9, Vettori 11, Russell 16, Lisinac 6, De Angelis (L), Daldello 0, Grebennikov (L), Djuric 11, Cebulj 9, Codarin 5. N.E. Sosa Sierra. All. Lorenzetti. Kioene Padova: Travica 3, Ishikawa 17, Polo 9, Hernandez Ramos 28, Barnes 12, Volpato 12, Bassanello (L), Casaro 0, Danani La Fuente (L), Cottarelli 0. N.E. Fusaro, Randazzo. All. Baldovin. ARBITRI: Venturi, Pozzato. NOTE – durata set: 27′, 29′, 27′, 32′, 29′; tot: 144′. Spettatori: 2.832. Incasso: 24.096 euro. MVP: Ishikawa.

La striscia di vittorie consecutive in campionato si ferma a quota sei per l’Itas Trentino, che questa sera alla BLM Group Arena ha dovuto fare i conti con la prima sconfitta nella Regular Season di SuperLega Credem Banca 2019/20. A interrompere la marcia spedita dei gialloblù è stata la Kioene Padova, brava ad approfittare di una serata a fasi alterne dell’intero fronte d’attacco dei Campioni del Mondo, per portare a casa un’affermazione che poteva essere anche più netta. I gialloblù, però, hanno lottato fino alla fine e sono riusciti a portare il match almeno al tie break. Esaltanti in difesa, efficaci in battuta e incisivi a rete, in particolar modo con Hernandez e Ishikawa (alla fine mvp anche per quanto fatto dalla linea dei nove metri), i veneti hanno cancellato le due sconfitte consecutive patite in casa con una prestazione davvero convincente. All’Itas Trentino non è bastato un buon approccio al match. Nemmeno la spinta di Djuric nella parte finale della gara è riuscita a mantenere intatta l’imbattibilità stagionale nel torneo.

MVP: Yuki Ishikawa (Kioene Padova)
Spettatori: 2.832
Incasso: 24.096 euro
Angelo Lorenzetti (allenatore Itas Trentino): “Complimenti a Padova per aver giocato una grande partita e per averci messo davvero in difficoltà in fase di cambio palla. Non siamo stati continui in attacco e in battuta, anche se nel quarto set eravamo riusciti a rimettere in piedi una situazione difficile” .
Dragan Travica (Kioene Padova): “Con Verona eravamo troppo brutti per essere veri. Stasera abbiamo dimostrato che possiamo essere molto di più. E’ stata una partita molto dura, giocata in un palasport difficilissimo. Abbiamo ottenuto una vittoria di squadra contro una formazione di grandi campioni. Non bisogna demoralizzarsi per una sconfitta, ma nemmeno montarsi la testa per una vittoria. Il Campionato è molto lungo e sabato ci attende una sfida, per noi ancor più delicata, contro Latina”.

 

Globo Banca Popolare del Frusinate Sora – Top Volley Latina 1-3 (20-25, 22-25, 25-23, 23-25) – Globo Banca Popolare del Frusinate Sora: Radke 6, De Barros Ferreira 22, Caneschi 6, Miskevich 19, Fey 8, Di Martino 2, Mauti (L), Sorgente (L), Alfieri 0, Grozdanov 1, Scopelliti 1. N.E. Van Tilburg, Battaglia. All. Colucci. Top Volley Latina: Sottile 1, Palacios 19, Rossi 9, Patry 15, Karlitzek 17, Szwarc 5, Cavaccini (L), Elia 1, Peslac 0, Rondoni 0. N.E. Rossato, Onwuelo. All. Tubertini. ARBITRI: Zavater, Caretti. NOTE – durata set: 28′, 30′, 31′, 30′; tot: 119′. Spettatori: 617. MVP: Palacios.

Nei piani della squadra di casa c’erano una partita da vincere e un tabù da sfatare nel turno infrasettimanale, ma la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora non è riuscita a centrare gli obiettivi. Il derby laziale è andato per la settima volta alla Top Volley Latina, che ha espugnato in 4 set il PalaCoccia di Veroli. Nello scontro diretto della settima giornata del girone di andata, sotto di 2 set a zero, i padroni di casa sono riusciti ad allungare il match per poi cedere nella seconda parte del quarto set.

La partita.
Allo starting player coach Colucci affronta il derby con la diagonale Radke-Miskevich, i centrali Caneschi e Di Martino, le bande Joao Rafael e Fey, e Sorgente libero. Il tecnico Tubertini sceglie capitan Sottile in cabina di regia opposto a Patry, Palacios e Karlitzek come martelli, Szwarc e Rossi in posto 3 e Cavaccini libero. In avvio di match Sora mostra subito le sue intenzioni d’attacco agli avversari ma quello che pagherà alla fine del set perso 20-25 saranno gli errori. Il secondo set è caratterizzato da break e contro break fino al 17-19. Sora reagiscie (22-21), ma su fronte opposto Sottile si affida a Patry per la cavalcata finale e l’opposto porta i suoi dritti al 22-25. Nel terzo parziale è Sora a segnare per prima la distanza. Capitan Joao Rafael (11 pt/set) diventa il trascinatore e con Radke si diverte per il +4 dell’11-7. Latina comincia a rosicchiare punti, ma Miskevich ristabilisce la distanza e Sora fa il suo gioco per il 24-21 sancito dal Video Check. Il capitano bianconero timbra il 25-23 che dà appuntamento al quarto set. Sora gioca bene anche nel quarto parziale tenendo testa ai pontini (18-18). Si arriva a braccetto sul 23-23 con i pontini che infliggono il colpo di grazia vanificando la bella reazione sorana (23-25).

MVP: Ezequiel Palacios (Top Volley Latina).
Spettatori: 617

Maurizio Colucci (allenatore Globo Banca Popolare del Frusinate Sora): “Peccato per i primi due set in cui siamo parsi abbastanza contratti nelle giocate che di solito ci riescono benei. Nel terzo set c’è stata una bella reazione positiva portata avanti anche per la maggior parte del quarto parziale nel quale siamo stati in partita, ma alla fine la battuta di Latina ha fatto la differenza”.
Lorenzo Tubertini (allenatore Top Volley Latina): “Siamo felici di aver raggiunto una vittoria fuori casa contro Sora, una gara che riteniamo uno scontro diretto. Non era facile, soprattutto dopo una brutta partita come quella di Ravenna. Era importante disputare una buona partita e ci siamo riusciti. Anche nei momenti difficili, quando Sora ha cominciato a tenere il servizio con più regolarità, siamo stati bravi a tenere la testa lucida e rimanere agganciati al match fino alla fine”.

 

Gas Sales Piacenza – Sir Safety Conad Perugia 0-3 (22-25, 22-25, 17-25) – Gas Sales Piacenza: Cavanna 1, Kooy 14, Krsmanovic 8, Fei 8, Berger 9, Tondo 2, Fanuli (L), Scanferla (L), Yudin 2, Botto 0, Paris 0. N.E. Copelli, Stankovic. All. Gardini. Sir Safety Conad Perugia: De Cecco 1, Leon Venero 17, Podrascanin 8, Hoogendoorn 13, Lanza 11, Russo 9, Ricci (L), Taht 0, Plotnytskyi 0, Zhukouski 0, Colaci (L), Biglino 0. N.E. Atanasijevic, Piccinelli. All. Heynen. ARBITRI: Florian, Frapiccini. NOTE – durata set: 29′, 27′, 25′; tot: 81′. Spettatori: 2.077. MVP: Leon.

Turno infrasettimanale amaro per la Gas Sales Piacenza che è costretta a cedere sotto i colpi di una Sir Safety Conad Perugia più brava, concreta e in grado di portarsi a casa tre punti preziosi per la classifica. La squadra di casa, senza Nelli e con uno Stankovic tenuto in panchina per un problema fisico, prova ad arginare Leon e compagni, mettendo in campo tutta la grinta e la voglia di lottare fino alla fine. Piacenza gioca punto a punto nei primi set, mettendo in difficoltà gli umbri che si dimostrano però più bravi a muro e più concreti a chiudere certe situazioni a proprio favore. Nella terza frazione di gioco Fei e compagni ci provano, ma Perugia mette la freccia e con un break decisivo allunga per poi aggiudicarsi la partita.

MVP: Wilfredo Leon (Sir Safety Conad Perugia)
Spettatori: 2.077

Dick Kooy (Gas Sales Piacenza): “Siamo stati bravi ad alimentare un bel testa a testa nei primi due parziali. Anche nel terzo ci abbiamo provato. Ci è mancato davvero poco per poter chiudere a nostro favore un set, qualche errore in attacco da parte nostra ci ha penalizzato. Abbiamo tenuto bene in ricezione e in difesa. Sapevamo di avere davanti giocatori molo forti, ma abbiamo fatto buone cose. Dobbiamo continuare a lavorare” .
Roberto Russo (Sir Safety Conad Perugia): “Sappiamo fin dall’inizio che in questo torneo non ci sono gare facili. Piacenza ci ha messo in difficoltà, ma noi siamo stati bravi e abbiamo giocato una buona pallavolo conquistando una vittoria importante. Ora dobbiamo già pensare alla prossima gara di domenica” .

 

Classifica
Cucine Lube Civitanova 21, Leo Shoes Modena 18, Itas Trentino 18, Sir Safety Conad Perugia 16, Allianz Milano 9, Calzedonia Verona 9, Kioene Padova 8, Top Volley Latina 6, Consar Ravenna 6, Vero Volley Monza 6, Gas Sales Piacenza 5, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 4, Globo Banca Popolare del Frusinate Sora 3.

1 incontro in meno: Allianz Milano, Kioene Padova, Top Volley Latina, Consar Ravenna, Vero Volley Monza e Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia.
1 incontro in più: Sir Safety Conad Perugia.

 

Prossimo turno
Posticipo 7a giornata di andata SuperLega Credem Banca
Giovedì 21 novembre, ore 20.30

Consar Ravenna – Cucine Lube Civitanova Diretta RAI Sport
Diretta streaming su raiplay.it
(Rapisarda-Gnani) Terzo arbitro: Lambertini
Addetto al Video Check:Mutti Segnapunti: Greco

8a giornata di andata SuperLega Credem Banca
Sabato 23 novembre 2019, ore 18.00

Kioene Padova – Top Volley Latina Diretta RAI Sport
Diretta streaming su raiplay.it
(Cappello-Piperata) Terzo arbitro: Notaro
Addetto al Video Check: Antonaci Segnapunti: Sartor

Domenica 24 novembre 2019, ore 18.00
Leo Shoes Modena – Itas Trentino Diretta RAI Sport
Diretta streaming su raiplay.it

(Cesare-Vagni) Terzo arbitro: Nannini
Addetto al Video Check: Marchetti Segnapunti: Pasquinoni
Sir Safety Conad Perugia – Consar Ravenna Diretta Eleven Sports
(Tanasi-Boris) Terzo arbitro: Renzi
Addetto al Video Check: Arcangeli Segnapunti: Pinto
Calzedonia Verona – Vero Volley Monza Diretta Eleven Sports
(Curto-Puecher) Terzo arbitro: Rossi
Addetto al Video Check: Cristoforetti Segnapunti: Dalle Vedove
Globo Banca Popolare del Frusinate Sora – Allianz Milano Diretta Eleven Sports
(Piana-Mattei) Terzo arbitro: Mancini
Addetto al Video Check: Paris Segnapunti: Dell’Orso
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Cucine Lube Civitanova Diretta Eleven Sports
(Goitre-Spinnicchia) Terzo arbitro: Rusconi
Addetto al Video Check: Donato Segnapunti: Mazza

Turno di riposo: Gas Sales Piacenza

Provvedimenti disciplinari
Gare di Campionato di Serie A2/A3 Credem Banca del 16-17 novembre

A CARICO TESSERATI

DIFFIDATI
Bargi Federico (Kemas Lamipel Santa Croce) per frase irrispettosa nei confronti della coppia arbitrale durante il saluto a fine gara, (3 penalità).

Larizza Jacopo (Kemas Lamipel Santa Croce) per frase irrispettosa nei confronti della coppia arbitrale durante il saluto a fine gara, (3 penalità).

A CARICO SODALIZI

Synergy Mondovì – Richiamo per assenza del 2°allenatore in panchina.

Gestioni&Soluzioni Sabaudia – Multa di 80 euro per inadeguatezza del servizio asciugatura e raccattapalle.