CASTELLANA GROTTE ANCORA AMARA, QUINTA SCONFITTA CONSECUTIVA PER I “LUPI”

Materdomini.it Castellana Grotte: Valera 5, Cazzaniga 25, Gargiulo 12, Patriarca 4, Fiore 11, Rosso 13, Battista (libero), Manginelli, Panciocco, El Moudden, Cianciotta n.e, Floris n.e, Paradiso n.e. All. Castellano

Kemas Lamipel Santa Croce: Acquarone 1, Padura Diaz 15, Bargi 9, Larizza 12, Mazzon 7, Colli 14, Catania (libero), Andreini (libero), Marra, Checcucci n.e, Prosperi n.e, Mannucci n.e. All. Pagliai/Cezar Douglas

Successione set: 25-23 in 30′, 23-25 in 27′, 25-20 in 27′, 25-19 in 25′.

Battute sbagliate Materdomini.it: 24, Aces: 8, Muri: 14

Battute sbagliate Kemas Lamipel: 10, Aces: 3, Muri: 10

Ancora una battuta d’arresto per la Kemas Lamipel che esce sconfitta per 3-1 dal PalaGrotte, casa della Materdomini.it. Quinta sconfitta consecutiva per i conciari ed ennesima trasferta senza punti della stagione, con la sola affermazione ottenuta in quel di Mondovì all’alba del campionato: proprio i piemontesi, in netta risalita, saranno i prossimi avversari della Kemas Lamipel al PalaParenti. Gara già di per se complicata per il valore dell’avversario e resa ancor più impervia dalla indisponibilità del vice palleggiatore Di Marco che si aggiunge ad un Padura Diaz sempre a mezzo servizio e ad una formazione pressoché obbligata visto l’addio di Krauchuk e l’arrivo del neo acquisto Russomanno che si concretizzerà solo nei prossimi giorni. Larizza, Bargi e compagni giocano una gara comunque volitiva dove sono però fatali gli ormai canonici cali di tensione, che portano a vanificare quanto di buono fatto al cospetto di un avversario combattivo e determinato a conquistare punti per la classifica. L’inizio gara è tutto di marca pugliese (8-4), ma i “Lupi” con un Larizza ben presente ed un Colli ispirato rientrano nel punteggio e passano anche avanti, prima del nuovo vantaggio casalingo sul 16-15. Nel finale Castellana scappa via, la Kemas Lamipel recupera e pareggia due volte, ma al fotofinish la spuntano i locali trascinati dall’eterno Cazzaniga. Nel secondo set sale in cattedra Padura Diaz e i biancorossi giocano una buona pallavolo. Avanti sul 6-8 e sul 14-16 la Kemas Lamipel riesce a scrollarsi definitivamente di dosso i rivali solo nel finale, anche se il 23-25 arriva solo al terzo set point su una veloce di Bargi. Il terzo parziale è inizialmente molto equilibrato e le due squadre si fronteggiano senza esclusione di colpi. L’attacco dei “Lupi” però perde efficacia nel finale e Castellana Grotte ringrazia trovando con Rosso, Gargiulo e Fiore i punti necessari per chiudere 25-20. Nel quarto sembra tutto più semplice per i “Lupi”, bravi a partire a spron battuto portandosi avanti per 6-8 e 11-14. Un errore di Larizza favorisce la rimonta ospite, resa anche più facile da due aces aiutati dal nastro. In un amen Castellana Grotte va avanti 16-15 e per i conciari si spenge la luce tanto che il set si chiude 25-19 in favore dei pugliesi. Nel complesso una gara dove quanto meno il tie-break pareva alla portata di una Kemas Lamipel ancora troppo schiava delle proprie debolezze e di improvvisi cali di tensione. Contro il Mondovì sarà una gara chiave per uscire da un momento assolutamente non facile, ma servirà massima determinazione contro un avversario che viaggia forte soprattutto a livello di entusiasmo.

Andrea Costanzo – Ufficio stampa

Nella foto dell’ufficio stampa di Castellana Grotte un attacco del positivo Bargi