Consar, c’è una Top Volley da tenere d’occhio

Francesco Recine

Terzi a 6 punti, Mengozzi e compagni ricevono domani (alle 19) al Carisport di Cesena la formazione laziale, che insegue a un punto

Classifica alla mano, la partita di domani sera al Carisport di Cesena (si gioca alle 19, direzione di gara affidata a Brancati di Città di Castello e a Merli di Terni, diretta su Eleven Sports e aggiornamenti sulla pagina Facebook del club), tra Consar Ravenna e Top Volley Cisterna mette in palio una buona fetta di pass per le semifinali di questi playoff per la Challenge Cup. Ravenna, infatti, è terza con 6 punti, i pontini sono quarti a quota 5: davanti a loro Piacenza e Milano, appaiate in vetta a quota 7, che si sfidano nel confronto diretto.
“E’ una partita che comincia ad avere, in effetti, anche una motivazione di classifica – concorda Marco Bonitta, coach della Consar – ma è una partita che noi affronteremo con lo stesso spirito e lo stesso atteggiamento delle precedenti, in cui, anche cambiando spesso e volentieri giocatori e sestetto, sia all’inizio che alla fine, abbiamo fatto molto bene. Cisterna sta affrontando questa post season con l’obiettivo di vincere e quindi sta giocando costantemente, e bene, con la stessa formazione. E quindi penso che scenderà in campo con i gradi della favorita rispetto a noi”.
Quella di domani sera sarà la quarta sfida di questa stagione tra le due squadre, dopo il girone di qualificazione della Coppa Italia e le due gare di SuperLega: comanda Ravenna che le ha vinte tutte e tre e in generale ha vinto le ultime otto partite giocate contro i laziali. “Ma questa sarà una partita senza alcun punto di contatto con le precedenti di questa stagione – osserva Bonitta – perché la Top Volley è al completo ed è tutta un’altra squadra rispetto al campionato mentre noi, come ho già avuto modo di dire e ripetere, abbiamo altre priorità e altri obiettivi. Questo, poi, non vuol dire che scenderemo in campo rassegnati: giocarcela fino in fondo è uno dei nostri obiettivi e avere anche un traguardo di classifica da raggiungere è comunque utile per tenere alte concentrazione, carica e voglia. Abbiamo sempre detto che se il piazzamento nelle prime quattro arriva ce lo prendiamo, se non arriva saremo sereni lo stesso, perché consapevoli di avere fatto una grandissima stagione”.