Colpo di tacco Videx!

Al Palasport di Tricase Vecchi e compagni piegano Lecce in quattro set e volano in finale (25-23; 23-25; 20-25; 18-25).

Sono 650 i chilometri percorsi da Grottazzolina per arrivare in quel di Tricase, punta estrema del tacco di questo fantastico stivale chiamato Italia. Ad indossarlo è una signora Videx che, col fascino di una meravigliosa cinquantenne e la forma fisica di chi di anni ne ha forse la metà, stacca il pass per l’ennesima storica finale. Un’annata straordinaria che l’ha vista recitare da attrice protagonista tutte le competizioni di categoria cui ha preso parte.

Coach Darraidou, sotto l’ala protettrice del più esperto Barone, deve ancora fare a meno del lungodegente Corrado (cui va il nostro personale augurio per un pieno e ottimale recupero) ma ritrova Fortes (autentica rivelazione della passata stagione) che al centro fa coppia con Maccarone. Vinti e Scarpi agiscono da posto quattro con Kingard e Casaro a formare la collaudata diagonale palleggiatore-opposto mentre è Cappio a gestire le operazioni di seconda linea. Zero sorprese, invece, per coach Ortenzi che risponde con Marchiani-Breuning, Vecchi e Mandolini in attacco, Cubito e Focosi al centro e Romiti a governo della difesa.

Parte subito forte la Videx che spinge nel segno di Breuning, l’ace del danese vale il +5 (8-3). Lecce non si fa sorprendere ed in fase centrale di gioco alza il muro con Kindgard e Fortes, protagonisti su Breuning e Mandolini, costringendo coach Ortenzi al primo timeout del match (14-15). Mandolini tiene la Videx avanti ma è l’exploit di Casaro a concretizzare prima l’aggancio poi il sorpasso mentre Vinti ferma Vecchi a muro registrando il break di vantaggio sul quale coach Ortenzi sospende nuovamente il gioco (21-19). Mandolini mura Casaro per la terza volta nel set e la Videx torna in parità ma la giocata personale di Kindgard porta di nuovo Lecce avanti (22-21). Breuning ripristina l’equilibrio ma fallisce prima il servizio che vale il setpoint locale per poi sparare out la sfera nell’attacco successivo (25-23).

L’avvio di secondo set vede ancora Grottazzolina avanti (4-6). I locali si appoggiano a Kindgard che di seconda intenzione mette palla a terra mentre Vinti si esalta su Breuning con il monster-block che vale il pari (9-9). Polveri bagnate al servizio per Vecchi e compagni e Lecce ne approfitta con Vinti che prima ferma Vecchi a muro e poi supera il blocco di Marchiani con il maniout che vale il doppio vantaggio in fase centrale di set (15-13). L’attacco di Casaro impatta sul muro a tre grottese e stavolta è coach Darraidou a sospendere il gioco (16 pari). Lecce spinge forte soprattutto al centro e Maccarone torna a far male agli ospiti (21-19). Coach Ortenzi sospende provvidenzialmente il gioco e Cubito scuote i suoi dando il là al colpo di reni grottese. E’ il turno al servizio di Lanciani che materializza un break da tre punti degli ospiti (21-23). L’errore al servizio di Scarpi regala due setpoint alla Videx che con Breuning pareggia i conti (23-25).

La parità non scoraggia Fortes e compagni che premono sull’acceleratore già in avvio di terzo set costringendo coach Ortenzi al timeout sul 6-2. In fase centrale di set la Videx alza i giri del motore al servizio. Capitan Vecchi e Breuning fanno centro portandosi a -2, Lecce mantiene le distanze sino al 18-16 ma proprio in fase finale di set arriva l’accelerata decisiva degli ospiti. Focosi mette a terra la palla del sorpasso (19-20) ma a pesare come un macigno è l’errore di Maccarone che vale il +2 ospite ed apre al devastante turno al servizio di Vecchi che diventa una sentenza. Due ace consecutivi del capitano grottese spaccano in due il parziale e la botta di Mandolini porta la Videx avanti (20-25).

Adesso l’inerzia della gara è tutta di marca grottese. La bordata di Breuning vale il +2 (3-5). Lecce accusa il colpo, coach Darraidou ricorre al timeout ma la sosta non consente ai suoi di agganciare una Videx che invece scava un solco importante con i due muri consecutivi di Marchiani su Scarpi (8-13). Il vantaggio galvanizza Vecchi e compagni che adesso con ferocia spingono per chiudere i conti. Le bordate di Breuning fanno sprofondare Lecce nel baratro mentre l’ace di Mandolini sancisce un tombale 14-21. Maccarone e Vinti annullano due di otto matchball grottesi ma è Focosi, MVP della gara, a far volare la Videx in finale (18-25).

IL TABELLINO

AURISPA LIBELLULA LECCE – VIDEX GROTTAZZOLINA 0 3

AURISPA LIBELLULA LECCE: Scarpi 9, Cappio (L1), D’Alba, Vinti 11, Fortes 10, Kindgard 6, Rau ne, Giaffreda, Persichino, Melcarne ne, Casaro 15, Maccarone 12. All. Darraidou;

VIDEX GROTTAZZOLINA: Giacomini ne, Cubito 6, Vecchi 5, Focosi 11, Pison ne, Cascio ne, Breuning 25, Lanciani, Mandolini 13, Perini ne, Marchiani 4, Mercuri (L2) ne, Romiti (L1). All. Ortenzi;

ARBITRI: Di BariPalumbo

PARZIALI: 2523 (24’); 2325 (25’); 2025 (22’); 18 – 25 (22’);

NOTE: Lecce: 23 errori in battuta, 2 ace, 12 muri vincenti, 46% in ricezione (21% perf), 44% in attacco. Grottazzolina: 12 errori in battuta, 9 ace, 12 muri vincenti, 52% in ricezione (31% perf), 39% in attacco.