Brescia, risveglio tardivo

Un avvio nervoso e arrendevole pesa sull’esito del match: con due set praticamente non giocati, i Tucani trovano riscatto nei due successivi, che però non bastano a guadagnare il tie-break. Petry, MVP con 24 punti: “Merito a Castellana, peccato per la nostra partenza ritardata, potevamo dare una gioia al pubblico che ci ha sempre sostenuto”

CONSOLI McDONALD’S CENTRALE  – BCC CASTELLANA GROTTE 1-3

(20-25; 15-25; 25-23; 23-25)

Brescia troppo contratta in avvio, subisce oltremodo la caratura degli ospiti, poi scioglie il braccio e recupera, ma non entra in partita fino al terzo set, che la rianima e accende il match. E quando gioca, la Consoli lo fa alla pari della seconda della classe. Il tie-break che il San Filippo meritava, purtroppo sfuma al foto finish. Petry trascina con 5 muri e 24 punti, ma il bottino è tutto della BCC.

Starting six

I Tucani partono con Tiberti incrociato a Petry, Abrahan a banda con Galliani, al centro ci sono Candeli ed Esposito; Franzoni è il libero.

Cannestracci parte con Jukoski in regia, Theo Lopes opposto, Tiozzo e Di Silvestre in banda, Zamagni e Presta centrali, Marchisio libero.

Match in pillole

Presta buca la ricezione di casa con due ace non imprendibili e la BCC corre via (1-6); Candeli stampa Theo, ma Brescia regala al servizio e sciupa un paio di occasioni break, costringendo Zambonardi a provare la carta Loglisci per Abrahan (6-13). Gallo ferma ancora l’opposto brasiliano e piazza un paio di diagonali efficaci, Tiberti dà fastidio con la sua battuta tesa e arriva anche il primo errore della BCC (18-22), ma il gap iniziale determina l’esito del set (20-25).

Il muro di Castellana ha vita facile contro una Consoli spuntata: Zambonardi esaurisce i time out sul 2-8. Petry prova a dare vigore all’attacco di casa con due buoni palloni, ma, con una ricezione che costringe Tiberti alle palle più scontate e un servizio che non dà pensieri a Jukoski, la BCC scivola sul velluto (7-17). Togni aiuta dai nove metri, nonostante il punteggio non lasci scampo (11-20), e lo stesso fa Loglisci, che continua a crederci in un San Filippo impietrito. Gatto e Giani entrano in mischia, ma non possono fare miracoli (15-25).

I Tucani sembrano trovare un po’ di spirito con Petry e Loglisci (7-3), poi Theo riporta i suoi in carreggiata (9-10). Abrahan rileva un combattivo Loglisci, Gallo sigla il 13-12 e perlomeno la partita si anima. Nonostante i tanti errori al servizio, Brescia arriva a +2, poi Presta aggancia sul suo turno dai nove metri, aiutato da un errore dell’attacco di casa (20-21). Due battute out di BCC e il monster block di Abrahan su Theo sono ossigeno per tornare a respirare (25-23).

Esposito e Petry prendono le misure all’attacco ospite e il San Filippo torna a farsi sentire. Abrahan sembra ritrovato e i Tucani ci provano (11-9), ma Esposito deve lasciare il campo per un problema alla caviglia.  La partita si infiamma, con Petry trascinatore: si va punto a punto e Gallo  chiude il 18 pari di rabbia. La BCC approfitta di due errori biancazzurri e va 19-22, ma Abrahan, imbeccato da un’alzata di Franzoni, dà ancora speranza (21-22). La palla del contrattacco scivola dalle mani di Petry, comunque migliore dei suoi, e il match ball è di Castellana che chiude 3-1 (23-25).

Il commento:

Roberto Zambonardi: “Sapevamo che sarebbe stata una partita complicata e nei primi due parziali non la abbiamo affrontata con l’approccio migliore, subendo Castellana in tutti i fondamentali. Sono contento della reazione nel terzo set, vinto con merito, mentre il quarto si è deciso su alcune imprecisioni che paghiamo care. Prendiamo il buono, ignorando anche la sfortuna, perché davanti abbiamo ancora molte sfide, una più tosta dell’altra”.

Jakub Petráš: “Non so cosa sia successo in avvio, eravamo spaesati, anche per merito di un’avversaria forte, ma, quando ci siamo ritrovati, abbiamo giocato al loro livello. Spiace non essere arrivati al quinto, soprattutto per il pubblico, che ci ha sempre sostenuto. Un muro in più e un punto ce lo saremmo portati a casa!”

ll tabellino

BRESCIA: Rizzetti ne, Petráš 24, Gatto 1, Loglisci 5, Tiberti, Giani, Sarzi Sartori, Franzoni (L), Galliani 12, Candeli 3, Esposito 5, Mijatovic ne, Abrahan 7, Togni. All. Zambonardi.

CASTELLANA GROTTEJukoski 2, Cattaneo ne, Presta 14, Theo Lopes 18, Di Silvestre 12, Zamagni 13, Tiozzo 10, Marchisio (L), Longo, Ndrecaj, Carelli ne, Sportelli ne, De Santis (L) ne. All. Cannestracci.

Note

Muri: Brescia 11, Castellana Grotte 11

Ace/batt sbagliate: Brescia 1/18; Castellana Grotte 6/17

Attacco: Brescia 44%, Castellana Grotte 48%

Rice: Brescia 58% (21%), Castellana Grotte 52% (26%)

Arbitri: Arbitri: Anthony Giglio, Maurina Sessolo. Video Check: Luca Ferrari.

Durata: 25’24’27′. Totale: 1h 27.