Impresa Sorrento: sfatato il tabù PalAtigliana con il 3-1 su Aversa

Daniele Albergati

Impresa Sorrento, che sfata finalmente il tabù PalAtigliana e conquista finalmente la prima vittoria interna del 2023 regolando in 4 set la corazzata Aversa. Gli uomini di coach Nicola Esposito, dopo un avvio contratto, ritornano su mettendo tanta intensità al servizio ed attenzione nelle coperture, e attraverso una sapiente gestione del punto a punto riescono a mettere le mani sul primo set ai vantaggi. Albergati e Starace guidano i costieri sul doppio vantaggio, Aversa accorcia, ma Gianpio Aprea e compagni si esaltano nel muro-difesa, Starace fa sfracelli dai 9 metri, e Maretti attacca il primo pallone mettendo giù il punto che vale 3 punti di importanza capitale. Sorrento sopravanza in classifica Roma e Modica, e proprio lo scontro diretto di domenica prossima contro il roster siciliano sarà decisivo per uscire dalle sabbie mobili della zona play-out.

Coach Nicola Esposito parte con Aprea in diagonale con Albergati, Starace e Cuminetti in posto 4, Remo e Buzzi centrali, Donati libero. Aversa è costretta a rinunciare a Fortunato e Lyutskanov, ed inizia con Pistolesi/Argenta, Gasparini/Iannaccone, Marra/Pasquali, Di Meo libero.

PRIMO SET. I costieri partono contratti, e subiscono la verve di Iannaccone con coach Nicola Esposito costretto a chiamare la sospensione tecnica sul 3-8. Il break giova al roster biancoverde che ritrova la bussola: Gasparini è costretto a forzare (e sbagliare), Remo affonda in primo tempo e poi l’ace di Cuminetti vale il 7-9. Albergati picchia all’incrocio delle righe replicando a Gasparini, capitan Aprea fa il mago con un tocco di seconda sulla perfetta ricezione di Donati su Argenta, la slash di Cuminetti è puro istinto, mentre l’ace di Starace su Barretta ristabilisce la parità (12-12). Il mister normanno ferma tutto, Cuminetti è chirurgico con una bella palla che cade in zona 6, Argenta non trova il campo, quindi Starace riceve e chiude di prepotenza (15-15). Starace non perdona in longline, quindi break pesante sul servizio di Remo: un ace, e due attacchi out di Marra e Argenta con Sorrento che vola a +3 (19-16). Aversa fa valere tutta la propria esperienza e pareggia subito i conti (19-19), Albergati c’è, Starace non perdona dai 9 metri, quindi Lyutskanov (entrato per il servizio) trova soltanto il nastro ed è 23-22. Entra Gargiulo per Buzzi, ed è subito monster block di Remo su Gasparini (24-22). Pistolesi annulla il primo set-point, quindi Sorrento non riesce a colpire in cambio palla e si va ai vantaggi (24-24). Albergati incrocia da seconda linea ma Gasparini risponde presente (25-25), ancora Albergati al secondo tentativo con Gasparini a tenere i normanni a galla (26-26), Gasparini spreca in battuta e stavolta il monster block di Buzzi su Iannaccone scaccia i vecchi fantasmi con Sorrento che chiude al quinto tentativo utile sul 28-26.

SECONDO SET. Albergati mette a segno il primo punto con una palletta velenosa, Starace premia il bagher di Donati, con il libero biancoverde che si esalta nuovamente in ricezione permettendo a Starace di colpire con il suo braccio pesantissimo (3-2). Albergati risponde a Iannaccone, Remo bombarda nei 3 metri, quindi Albergati fa insaccare con astuzia il pallone tra la rete ed il muro normanno (7-7). Gli ospiti tentano l’allungo (8-11), ma senza fare i conti con Albergati, che accorcia le distanze con 2 punti consecutivi, alternando potenza a precisione (10-11). Coach Falabella chiede time-out, ma al ritorno sul taraflex la musica non cambia: Remo capisce le intenzioni di Pistolesi e fa monster block, Argenta spara lunghissimo, quindi Remo è attento e con una slash manda Sorrento sul massimo vantaggio (16-12). Starace prende l’ascensore per una pipe siderale, quindi si ripete senza incontrare opposizione (18-14). Aversa prova a riavvicinarsi (19-17), ma è ricacciata indietro da un super Starace: prima riceve su Gasparini e chiude con fermezza, quindi cerca e trova le mani del muro per il 21-17. Starace è inarrestabile, Cuminetti riceve e finalizza con rabbia, quindi Aprea vede col terzo occhio Albergati e con una splendida palla dietro permette all’opposto sorrentino di colpire senza muro con tranquillità (24-20). Pasquali non vuole arrendersi, ma il solito Albergati va a segno con una bordata a incrociare che manda Sorrento sul doppio vantaggio (25-21).

TERZO SET. Sorrento allenta fisiologicamente la tensione, Aversa ne approfitta con Marra e Argenta che a muro chiudono ogni varco portando i normanni sull’1-5. Capitan Aprea dà spettacolo, Buzzi sfodera un gran primo tempo, Gasparini attacca in rete, ma Argenta riporta subito Aversa a +4 (4-8). I biancoverdi non mollano un centimetro: Albergati incrocia, Cuminetti fa ace in zona di conflitto tra Iannaccone e Gasparini, poi ancora Albergati è un falco nel piazzare la slash vincente (8-9). Argenta e Marra fan male (11-15), Buzzi affonda in primo tempo, poi Albergati porta a casa il punto più bello della partita premiando un recupero strepitoso di Cuminetti che vola sulle gradinate del PalAtigliana per rigiocare un pallone che tantissimi avrebbero mollato (14-17). Nel momento clou, Aversa pigia il piede sull’acceleratore sfruttando il turno al servizio di Gasparini (15-22). Albergati non regala nulla, Starace ringhia su Argenta, chiude Cuminetti difende su Gasparini permettendo ad Albergati di mettere ancora la propria firma (19-23). Coach Falabella ferma tutto, Starace va segno, ma poi l’errore di Sorrento ai 9 metri permette al roster normanno di chiudere 20-25.

QUARTO SET. I biancoverdi accusano il colpo per il set perso e vanno subito sotto (0-3) costringendo coach Esposito a fermare le ostilità per infondere calma ai suoi ragazzi. Albergati frena l’emorragia, Remo risponde a Gasparini, poi Albergati la spinge per il 3-5. Starace sale sul muro e spolvera la riga, Cuminetti si tuffa su una palletta di Argenta con Albergati che colpisce di potenza (5-6), Iannaccone non è in vena di regali, ma Donati è una molla nel recupero su Gasparini con Starace che piazza il 7-8. Starace è on fire, Argenta non trova le misure del campo, quindi Sorrento mette per la prima volta il muso avanti con l’ace di Starace che cade tra Barretta e Gasparini (10-9). Albergati incrocia stretto, il nastro allarga il colpo di Gasparini, quindi la pipe di Starace è arma distruttiva per il 13-12. Cuminetti premia la ricezione di Starace su Gasparini, Marra attacca centrando in pieno il net, quindi Starace finalizza un lungo scambio con un diagonale strettissimo che fa esplodere il PalAtigliana. (16-14). Remo è reattivo, Iannaccone esaspera il lungolinea e non trova il campo, Starace risponde a Iannaccone, Aversa sbaglia al servizio, quindi il bagher di Argenta nell’inedito ruolo di regista finisce fuori. Aversa ferma tutto ma non basta: al rientro Starace piazza due ace di fila sul malcapitato Gasparini che mandano in visibilio il pubblico del PalAtigliana (23-17). Il match è ormai in dirittura d’arrivo: Buzzi non perdona in primo tempo, entra Maretti per il muro, ed alla fine è proprio il neo-entrato a mettere giù il punto definitivo che regala alla ShedirPharma Sorrento 3 punti di importanza capitale in chiave salvezza.

SHEDIRPHARMA SORRENTO – WOW GREEN HOUSE AVERSA 3-1 (28-26, 25-21, 20-25, 25-18)

SHEDIRPHARMA SORRENTO: Aprea 4, Albergati 24, Starace 24, Cuminetti 7, Remo 10, Buzzi 5, Donati (L). Cambi: Maretti 1, Piedepalumbo, Gargiulo. N.e.: Pontecorvo (L), Imperatore, Grimaldi. All: N. Esposito.

WOW GREEN HOUSE AVERSA: Pistolesi 3, Argenta 17, Gasparini 14, Iannaccone 17, Marra 6, Pasquali 4, Di Meo (L). Cambi: Lyutskanov, Barretta. N.e.: Fortunato, Ricci Maccarini, Pietronorio, Diana, Gatto. All: P. Falabella.

Primo Arbitro: Pierpaolo Di Bari
Secondo Arbitro: Marco Colucci

Durata Set: 33’, 27’, 27’, 28’.

Ace: 9-2. Battute Sbagliate: 19-12. Muri: 5-9