Calendario di A/2: i commenti del presidente Bongiovanni e dei giocatori De Giorgi e Castellano.

Non può certo ritenersi insoddisfatta la Prisma Taranto dopo la diramazione del calendario ufficiale della serie A/2. Esordio casalingo con l’Isernia ( 25 settembre), quattro gare interne nelle prime sei giornate, la prima trasferta fuori dalla Puglia soltanto alla settima di andata ( Ferrara – il 6 novembre 2005), tutti i derby pugliesi casalinghi nel girone di ritorno e chiusura della stagione regolare sempre al PalaMazzola ( 15 aprile contro il Genova dell’ex Giombini).
Nononstante tutte queste condizioni favorevoli i commenti in casa rossoblù sono cauti. ” E’ un calendario che considero equilibrato e che va affrontato con umiltà dalla mia squadra. Tutti ci dicono che siamo la squadra da battere, io rispondo che sarà una stagione impegnativa e che, per quanto riguarda i fatti di casa mia, chi sbaglia – paga. Consentitemi però di elogiare il lavoro, molto apprezzato all’esterno, svolto in queste settimane dal general manager Zelatore, dal diesse Primavera e dal direttore organizzativo Di Mario” – queste le secche parole del presidente Antonio Bongiovanni.
Non si sbilanciano neanche i giocatori rossoblù. Ecco il palleggiatore Michele De Giorgi: ” Saranno tutte partite difficili sin dall’avvio. Noi dobbiamo sfruttare al massimo quelle in casa per partire subito bene anche se il campionato si deciderà tra la fine del girone di andata e quello di ritorno. Ci saranno tante concorrenti e giusto per non andare lontano da noi credo che le altre squadre pugliesi si siano molto bene attrezzate. Basti pensare che il Gioia del Colle ha ricostituito tre – settimi della squadra che vinse il campionato due stagioni fa. E poi c’è il Corigliano che ha molto ben operato in fase di mercato”.
Dello stesso tenore le dichiarazioni dello schiacciatore Maurizio Castellano: ” Sarà una stagione lunga e difficile. Certo il nostro calendario non è penalizzante ma dobbiamo affrontare tutte le squadre con grande determinazione. Non vedo, infatti, avversarie deboli anzi quasi tutte in organcio dispongono di due- tre elementi in grado di fare la differenza. Per me Arezzo, Ferrara, Bassano e le pugliesi lotteranno per la promozione”.

GIOVANNI SARACINO
Ufficio Stampa ( g.saracino@tarantovolley.191.it)