Match dai due volti

SUD TIROL ALTO ADIGE BOLZANO vs ISERNIA VOLLEY 3-1
Parziali: 25-13/ 25-14/ 22-25/ 25-18 Durata: ‘17/ ‘17/ ‘24/ ‘20
Arbitri: Gianni PRANDI (MN) – Giovanni CONTINI (RO)

SUD TIROL ALTO ADIGE BOLZANO: Monopoli 3, Heikkinen 16, Susio (L), Sbornia 15, Lirutti 8, Casagrande ne, Gil 14, Gotcsh ne, postiglioni, Kirchhein 15, Peixotone. Ace 5, battute errate 9. All. Flavio GULINELLI.

ISERNIA VOLLEY: Costantini 10, Maresca 7, McKienzie 1, Libraro 1, Pedone 7, Gatto (L), Crispino ne, Suglia 6, D’Angelo 17, Peruzzo ne, Latuhihin. Ace 1, battute errate 7. All. Alberto GATTO.

L’Isernia Volley scende al PalaResia di Bolzano solo dalla terza frazione: potrebbe essere questo il titolo per sintetizzare la gara dei biancoazzurri in casa della formazione guidata da Gulinelli.
I biancorossi locali nei primi due parziali annichiliscono il sestetto di Gatto, ancora privo dell’opposto Juliani, sostituito da un grintoso D’Angelo, uno dei migliori tra i suoi e a top scorer dell’incontro con 17 punti.
D’altra parte della rete c’è però un Heikkinen incisivo in attacco e insormontabile a muro – 9 dei suoi 16 punti (uno in più di quelli messi a segno dall’opposto brasiliano Kirchhein) derivano dalle “fotografate” agli attaccanti avversari.
Ed è proprio nel fondamentale di muro che gli altoatesini fanno la differenza con una forbice abissale: 22 muri punto a 3. Gli attaccanti isernini hanno grande difficoltà a passare e il sestetto di casa ci impiega poco più di mezz’ora a fare 2 a 0 in conto set. Coach Gatto prova a cambiare in regia nel corso del primo set, dentro Latuhihin per Libraro e sul finire della seconda frazione il cambio si chiude.

La svolta del match passa per le mani del capitano Luca Maresca; il suo ingresso in campo – sul 15-6 del secondo set – al posto di uno spento e svogliato McKienzie rivitalizza l’Isernia Volley.
Nel terzo parziale la formazione molisana scende sul parquet con un altro spirito: il capitano invita i suoi a finire la partita giocando per il gusto di divertirsi e la squadra lo segue in questo proposito. I pentri sono più tonici, si divertono e si vede, e il pubblico sud-tirolese apprezza, anche perché il match è salito di livello. Libraro spinge al centro e Pedone e Costantini trovano i varchi per aiutare D’Angelo e le due ali, Suglia e Maresca, a fare 8-14. Coach Gulinelli chiama time-out e inserisce Santià per Lirutti, però un’Isernia più quadrata, rispetto alle prime due frazione, non permette la rimonta.
Riaperto il match gli ospiti giocano in maggior tranquillità, mentre la tensione sale per Monopoli e soci, nuovamente costretti a rincorrere. Tuttavia, la coppia arbitrale sbaglia qualche volta di troppo favorendo i padroni di casa (che non avevano assolutamente bisogno di tale aiuto…avrebbero vinto, comunque!) e sul 7-9 non ravvisa un’invasione a Rodrigo Gil, che passa al di là della rete. L’Alto Adige Bolzano fa 8-9 e, agevolata dal naturale nervosismo di chi è consapevole di aver subito un torto, avvia la sua rimonta. Susio e i suoi compagni amministrano con intelligenza il vantaggio così conquistato, compattezza in difesa e incisività in attacco fanno il resto.

Al termine del match un 3 a 1 che porta rammarico in casa Isernia: è vero che gli altoatesini sono stati nettamente superiori nelle prime due frazioni, ma eppur vero che con l’ingresso di capitan Maresca (foto) i molisani hanno giocato alla pari con i più quotati avversari e hanno dato vita a giocate entusiasmanti proprio quando in campo c’erano i quattro settimi della formazione della passata stagione.

Anna Palermo
Area Comunicazioni ISERNIA VOLLEY
press@iserniavolley.it
www.iserniavolley.it