La Bunge venerdì sera porta in campo l’iniziativa “Col casco non ci casco”

Anche una rappresentanza della Bunge era presente alla conferenza stampa di martedì mattina dedicata al progetto di divulgazione dell’uso del casco per i bambini e i ragazzi delle scuole elementari e medie denominata “Col casco non ci casco”. Seduti nei tavoli della sala consiliare del Comune di Ravenna c’erano infatti il direttore generale del Porto Robur Costa Marco Bonitta, il tecnico Fabio Soli e i giocatori Enrico Diamantini e Marco Vitelli, che al termine dell’incontro organizzato dall’Osservatorio regionale per la sicurezza stradale hanno partecipato alla foto di gruppo finale.

La Bunge aderisce infatti alla promozione della campagna che metterà a disposizione per i giovanissimi studenti ben ottocento caschetti da bicicletta: una delle prime occasioni di divulgazione sarà così proprio la prossima partita della squadra di Soli, in programma venerdì 17 novembre al Pala De André contro i pugliesi della BCC Castellana Grotte. Tra gli ospiti attesi per l’occasione ci saranno l’assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini e il presidente dell’Osservatorio regionale per la sicurezza stradale Mauro Sorbi. “Io ho tre figli – sottolinea Bonittaso bene quanto sia fondamentale per i giovani usare la bicicletta in sicurezza e per questo motivo mi sono sempre raccomandato con loro di indossare il caschetto. Per riuscire in questo obiettivo bisogna prima di tutto creare cultura. Sia a livello professionale, sia a quello personale, per me e per il Porto Robur Costa è un piacere divulgare le informazioni sulla sicurezza stradale”.

I caschetti saranno inoltre distribuiti nell’ambito di iniziative di educazione stradale, con particolare riferimento all’insegnamento delle regole di circolazione in bicicletta, attuate dalla Polizia Municipale e dall’ufficio Pianificazione Mobilità con la collaborazione delle scuole. “Ringrazio l’Osservatorio regionale per la distribuzione dei caschetti – dichiara l’assessore a Mobilità, Lavori pubblici e Sport, Roberto Fagnaniil Porto Robur Costa per la disponibilità nella promozione e la Polizia Municipale per l’opera di sensibilizzazione nelle scuole. Questa iniziativa però non è solo un spot, perché l’amministrazione comunale sia sta impegnando tantissimo in ambito di sicurezza stradale, con la realizzazione e il completamento di piste ciclabili nel territorio”.

Scopo della campagna è quello di incentivare l’uso della bicicletta e favorire migliori condizioni di sicurezza a vantaggio dell’utenza ‘debole’, politica che l’amministrazione comunale sta perseguendo sia negli atti di pianificazione sia negli interventi destinati al miglioramento delle infrastrutture ciclabili. Il Comune di Ravenna vuole infatti dare concretezza alle campagne di promozione con interventi infrastrutturali dedicati ai ciclisti e ai pedoni guardando innanzitutto ai percorsi casa-scuola e casa-lavoro. “E’ importante che questi messaggi siano veicolati da realtà come il Porto Robur Costa – afferma il sindaco Michele de Pascalefacendo entrare lo sport anche nell’ambito sociale. Per il Comune di Ravenna investire sulle piste ciclabili ha tre linee direttrici: innanzitutto la lotta alla sedentarietà, che rappresenta il primo fattore di patologie cardio-vascolari, in secondo luogo la sicurezza di coloro che usano la bicicletta, unendo l’utilizzo del casco ad altre azioni come gli autovelox, infine l’offerta turistica che viene garantita dal potenziamento della rete ciclabile”.

Ufficio stampa Porto Robur Costa – Vincenzo Benini