Sacripanti: “Biosì Indexa consente a tutta la provincia di assistere al volley di altissimo livello”

Biosì Indexa Sora vs Ceramica Scarabeo Gcf Roma: un’amichevole che in campo non lo è stata per niente, ma che al fischio finale dell’arbitro ha evidenziato la profonda stima, l’amicizia e il rispetto che legano le due società. Per tre set è stata battaglia senza esclusione di colpi, senza concessioni e senza risparmiare l’avversario quando si poteva affondare; poi un quarto game, disputato come da tradizione negli allenamenti congiunti, per testare un po’ tutti da ambo le parti. Terminata la partita scende però in campo la serenità e la voglia di scambiarsi un saluto tra amici come si faceva fino a due anni fa, nel periodo in cui anche Sora militava in A2 come Roma e la cadetteria era teatro di sfide avvincenti tra le due compagini laziali, sfide dopo le quali il valore della condivisione del tempo emergeva con chiarezza e con la purezza che appartiene allo sport nella sua accezione più corretta.

Così come succedeva prima, anche ieri la società di patron Giannetti ci ha tenuto particolarmente ad accogliere per bene i propri ospiti, i quali si sono trattenuti per cena in un locale in città dove abbiamo incontrato Vittorio Sacripanti, il direttore sportivo del club capitolino e membro del consiglio di amministrazione della Lega, che commenta così l’intensa serata, sia dal punto di vista agonistico che dell’ospitalità:

“La gara di oggi è stato un banco di prova interessante per entrambe le società. Siamo due squadre, diciamo, in costruzione: Sora ha dalla sua parte tempi più lunghi, in quanto il campionato di SuperLega inizierà il 15 ottobre, mentre noi daremo lo start all’A2 il 24 settembre e abbiamo dunque la necessità di accelerare un pochino certi ritmi. Per noi è stato molto importante venire e confrontarci con una realtà di massima categoria e ne scaturisce tutta una serie di indicazioni che poi i tecnici sapranno interpretare e valutare, come da loro competenza. Al di là della partita, noi quando veniamo a Sora siamo sempre contenti: mettendo da parte il fatto che siamo corregionali, la realtà di Sora è una realtà molto importante e interessante, che da tanti anni sviluppa questa pratica sportiva e consente a tutto il territorio della provincia, e parlo di provincia non a caso perché quest’anno si giocherà a Frosinone, per cui consente a tutti di vedere la pallavolo di altissimo livello che offre la SuperLega. Per quanto invece riguarda il nostro club, come nei due anni precedenti, da Civita Castellana ci trasferiamo in capitale per giocare e, quest’anno, portare il nome di Roma ci da sicuramente una carica in più. Speriamo di fare un buon campionato e far divertire il nostro pubblico. Vorrei concludere facendo una menzione all’accoglienza che ci ha riservato l’Argos, un’accoglienza sempre gentile, delicata, attenta: con i bianconeri i rapporti sono consolidati da tempo e venire qui è sempre un grandissimo piacere”.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora