La Top Volley lotta per due ore nella tana della Lube ma perde 3-1. Patry miglior realizzatore del match.

LATINA – La Top Volley lotta per oltre due ore nella tana della Lube campione d’Italia e d’Europa. A Civitanova Marche si chiude 3-1 il posticipo della terza giornata di Superlega con la formazione pontina che ha confermato la sua notevole testardaggine lottando fino ai vantaggi nel primo set, prima di perdere il secondo e risorgere nel terzo. Sul 2-1 il tie-break sembrava alla portata ma un contro break dei padroni di casa ha rimesso tutto in discussione. Ma non ci sarà troppo tempo per rimuginare perché domenica prossima (alle 18) si torna di nuovo in campo, stavolta in casa visto che al palazzetto dello sport di Cisterna di Latina arriva il Monza e la vendita dei biglietti è già attiva sul sito www.top-volley.it/tickets.

In avvio di partita Coach Lorenzo Tubertini schiera la sua Top Volley con la stessa formazione iniziale proposta nel debutto con Perugia e quindi: Sottile in regia opposto in diagonale a Patry, schiacciatori laterali Palacios e Van Garderen, al centro Szwarc e Rossi con Cavaccini libero. Dall’altra parte della rete De Giorgi risponde con Bruno e Ghafour, al centro Bienek e Anzani, di banda Kovar e Leal con Balaso libero.

Il primo set è una maratona di quasi 40 minuti e alla fine, dopo aver annullato tre set point alla Lube (e dopo averne sciupato uno) la Top Volley deve cedere ai padroni di casa con un combattutissimo 28-26. Molto incisiva in battuta la formazione di Tubertini che ha costretto spesso Bruno a giocare con palla staccata mentre dall’altra parte della rete la Lube è stata piuttosto fallosa al servizio. Dopo un avvio di Leal e soci (10-5) è il turno al servizio di Patry a piazzare un break importante per la formazione pontina: il 10-9 arriva con un ace proprio del francese. Dopo aver recuperato quattro punti e ricucito tutto lo svantaggio si gioca punto a punto (14-14, 18-19) poi si stacca la Top Volley che sale a +2 (19-21) con Van Garderen. Il muro di Szwarc annulla il primo set point ai cucinieri (24-24) mentre sul 25-26 la Top Volley non riesce a inchiodare il risultato finale, si combatte ancora e la spunta la Lube 28-26.

Il secondo set è tutto della Lube e finisce con un distacco piuttosto ampio a favore della squadra marchigiana (25-15). Avvio piuttosto equilibrato (8-7, 12-9) poi la Lube allunga fino al 15-10: Tubertini cambia Van Garderen con Karliztek e Sottile con Peslac ma le cose non cambiano (19-13), sostituzione anche al centro con Elia al posto di Rossi ma è ancora la Lube ad avere in mano il pallino del gioco (23-15) con maggiore precisione al servizio ed efficenza crescente in attacco fino al 25-15 che chiude il conto grazie a un primo tempo di Anzani su cui la Top Volley pasticcia fino al tavolo del segnapunti.

In avvio di terzo set tornano in campo i giocatori schierati a inizio match: Sottile – Patry, Van Garderen – Palacios, Szwarc – Rossi e Cavaccini libero. La Top Volley è obbligata a vincere questo parziale e lo fa 23-25, restando sempre avanti in avvio prima di subire il sistematico recupero dei padroni di casa: dal 7-11 a 11-11 e dal 13-16 al 16-16. Un’andatura a elastico che nel momento di massimo sforzo della Top Volley (18-18) trova dall’altra parte della rete un Kovar incisivo. Patry torna protagonista come nel primo spicchio di partita (nel secondo era stato un po’ in ombra con appena tre punti, come del resto tutto l’attacco pontino) e la Top Volley prima va sotto (22-20) poi recupera (23-23) prima del break finale.

La Lube deve mandare in campo anche Juantorena per avere la meglio della Top Volley, che lotta ma cede il quarto set in 35 minuti con il 25-23 che vale il 3-1 finale. E pensare che Patry e compagni avevano iniziato alla grande l’ultimo set arrivando addirittura a +7 (4-11) salvo poi subire un parziale di 10-1 (14-12) che avrebbe tagliato le gambe a tutti ma non alla formazione di coach Tubertini che, con pazienza, riesce a restare in partita (16-16) e addirittura a tenere il muso avanti fino al 19-23, praticamente fino al turno di battuta di Kovar che mette a dura prova la ricezione pontina e permette a Juantorena e Ghafour di ricucire fino al 22 pari. Patry continua con testardaggine (22-23) ma Szwarc sbaglia la battuta e Van Garderen si fa murare, così Ghafour chiude con il 25-23 che archivia il match. Il miglior realizzatore della partita è stato Patry con 26 punti, meglio la Top Volley a muro (10 contro 6) e nella ricezione (60% a 57% di positiva), la Lube avanti nell’attacco (50% a 48%) e negli aces (7 a 2), mentre sempre dai nove metri gli errori sono stati praticamente gli stessi.

CUCINE LUBE CIVITANOVA – TOP VOLLEY 3-1
CUCINE LUBE CIVITANOVA: Anzani 5, Kovar 11, D’Hulst, Marchisio ne, Juantorena 6, Massari ne, Leal 13, Ghafour 18, Rychlicki, Diamantini 2, Simon 3, Bruno 3, Bienek 9, Balaso (lib.). All. De Giorgi

TOP VOLLEY: Peslac, Szwarc 7, Cavaccini (lib.), Van Garderen 10, Sottile 1, Rossato ne, Patry 26, Karliztek 2, Elia 1, Rossi 5, Palacios 16, Onwuelo ne, Rondoni ne. All. Tubertini.
Arbitri: Saltalippi e Santi
Parziali: 28-26 (38’), 25-15 (24’), 23-25 (31’), 25-23 (35)
Statistiche: Lube: ricezione 57% (33%), attacco 50%, aces 7 (err.batt. 13), muri pt. 6; Top Volley: ricezione 60% (27%), attacco 48%, aces 2 (err.batt. 14), muri pt. 10.


Giuseppe Baratta
marketing and communication manager of Top Volley Latina
phone +39 335 8334331
phone2 +39 393 9634990
marketing@top-volley.it
Twitter/Instagram @giuseppebaratta
www.giuseppebaratta.it

Top Volley Latina
Italian volleyball Superlega team www.top-volley.it
operational headquarters
via Don Morosini 125 – 04100 Latina (ITALY)
phone +39 0773 284256 | fax +39 0773 284835