Il Vbc Synergy Mondovì si arrende a Siena

Capolista troppo forte, ma la classifica resta rassicurante

 

Nulla da fare per il Vbc Synergy Mondovì, che al PalaEstra firma la resa contro Siena in tre set. Troppo forte la capolista per i monregalesi, sempre costretti ad inseguire, eccezion fatta per la prima parte del secondo parziale.

I toscani hanno disputato una gara pressoché perfetta, con appena 4 errori nei tre set e percentuali invidiabili in tutti i fondamentali (addirittura il 74% in ricezione). Milan ha conquistato lo scettro di mvp, chiudendo con il 71% in attacco, oltre ad un muro e tre aces. I suoi compagni hanno vinto nettamente il confronto in battuta (6 aces contro i due dei monregalesi) e a muro (9 a 4).

Prova poco brillante dei biancoblù, tra cui comunque segnaliamo Piazza, che ha siglato uno dei due punti direttamente dai nove metri e ha anche fermato con un muro a uno Mariano, Arasomwan (tre muri e il 50% in attacco) e capitan Borgogno (44% in attacco), l’unico ad andare in doppia cifra.

In classifica, Lagonegro si riprende il nono posto grazie alla vittoria in casa della Materdomini: la lotta per l’ottavo posto resta apertissima, con tre squadre in tre punti, mentre il discorso salvezza sembra (quasi) archiviato: Reggio Emilia ha perso a Brescia, mentre Cantù non ha giocato. Entrambe restano a -12, dovrebbero vincerle tutte e sperare che il Vbc non faccia più punti per centrare il play-out. Si attende, dunque, solo la matematica certezza.

LE PAROLE A FINE GARA. «Ci sta uscire a mani vuote da questo campo – le parole del team manager Andrea Fia -, certo potevamo interpretare meglio la partita. Loro non hanno sbagliato quasi niente, avevano tutto da perdere ma sono stati perfetti in tutti i ruoli. Noi non siamo riusciti a fare quello che il tecnico Barbiero aveva chiesto in settimana: quando ci siamo trovati sotto nel punteggio abbiamo smarrito sicurezza ed entusiasmo. Non cerchiamo alibi, ma sicuramente è stata una due giorni particolare: fino all’ultimo non sapevamo se si sarebbe davvero giocato. Giocare a porte chiuse, poi, ha rallentato la partita: si è utilizzato sempre lo stesso pallone e non c’erano i raccattapalle, anche questo inevitabilmente ha influito. Comunque non era questa la partita da vincere, restiamo in attesa delle decisioni della Lega».

LA PARTITA. Capitan Borgogno firma il primo punto della gara, ma i toscani mettono il turbo, arrivando fino all’8-3. Il videocheck chiamato da Barbiero inverte il punto, il Vbc sale a 4, ma non riesce ad avvicinarsi agli avversari, che doppiano i monregalesi sul 12-6. La panchina ospite ferma il gioco, ma Romanò e Milan mantengono la distanza di sicurezza. Dal 17-12 siglato da Terpin Siena infila cinque punti consecutivi e va a chiudere 25-13 con l’ottimo Milan. Borgogno il più positivo in campo con 5 punti nel primo parziale.

Nella seconda frazione è un altro Vbc in avvio. Due belle giocate del “principe” Arasomwan, una bordata di Borgogno su alzata di Pochini e un errore in battuta di Siena portano il tabellone sul 7-11. Ma Falaschi e compagni non demordono e pareggiano trascinati da un super Milan. Sul 13-12 Barbiero chiama il primo time-out, Esposito prima e Loglisci poi ottengono la parità per Mondovì, ma dal 15 pari Siena aumenta i giri del motore e i biancoblù perdono contatto. Sul 19-16 doppio cambio per gli ospiti, dentro Milano e Dulchev: la mossa non riesce a rallentare la fuga di Siena. Il turno in servizio di Romanò scava il solco decisivo, e quando Arasomwan interrompe il filotto è ormai tardi (23-17). Gitto conquista il set ball e Milan buca il muro a due per il 25-18.

Siena devastante in avvio di terzo set, fino al 9-2 su cui Barbiero pigia il pulsante del time-out. Con pazienza i monregalesi riducono il divario, grazie ad un buon turno in servizio di Esposito. Loglisci sigla il 12-8, poi Piazza ferma a muro Mariano. Graziosi manda in campo Gabriel e l’Emma Villas riparte. Sul 16-12 Barbiero inserisce anche il giovane Camperi, Siena non rallenta e allunga. Dopo il secondo time-out ospite Milan va in battuta, conquista il match ball con un attacco in pipe e chiude 25-13 con un ace.

LA PROSSIMA A BERGAMO, SI GIOCHERÀ? Il calendario prevede per domenica prossima un’altra trasferta, questa volta a Bergamo, attualmente classificata “zona rossa”. Impossibile sapere ora se si scenderà in campo: ieri sera il derby tra Olimpia e Pool Libertas Cantù è stato rinviato a mercoledì 18 marzo per “ragioni di sicurezza sanitaria”. Martedì si terrà una nuova riunione in Lega.

 

Emma Villas Aubay Siena-Vbc Synergy Mondovì 3-0

(25-13, 25-18, 25-13)

EMMA VILLAS AUBAY: Falaschi 3, Romanò 14, Gitto 8, Zamagni 5, Milan 21, Mariano 6, Marra (L), Gabriel Pessoa 2, Lucconi 1. N.e.: Zanni, Cappelletti, Smeriglia. All.: Graziosi-Pelillo.

SYNERGY: Piazza 3, Borgogno 13, Arasomwan 6, Esposito 3, Terpin 9, Loglisci 6, Pochini (L), Milano, Dulchev, Camperi, Garelli (L2). N.e.: Buzzi, Bartoli. All. Barbiero-Negro.

ARBITRI: Verrascina-Moratti.

NOTE – Durata Set: 24’, 24’, 23’; tot: 71’.
SIENA: battute vincenti 6, battute sbagliate 4, ricezione 74% (prf. 50%), attacco 56%, muri 9, errori 4.
MONDOVÌ: battute vincenti 2, battute sbagliate 8, ricezione 54% (prf. 28%), attacco 38%, muri 4, errori 15.