La nona sinfonia di “MaxRed”

Quattro, come i Trofei delle Regioni conquistati con la Selezione della Regione Lombardia sotto la gestione di Oreste Vacondio, ai quali si aggiunge una medaglia di bronzo. Otto, come le promozioni conquistate da allenatore in ogni categoria (manca solo quella dalla A2 alla Superlega). Trentacinque, come gli anni di carriera da allenatore. Nove di questi sulla panchina del Pool Libertas Cantù. Perché, dopo il volto nuovo del primo allenatore, Massimo Redaelli è la prima conferma nello staff tecnico canturino. Un punto di riferimento per tutti i collaboratori e i tifosi, che resterà tale anche nella prossima stagione, finora ricca di cambiamenti per i canturini.

In questo momento di passaggio e di problematiche varie, in particolare logistiche – dice il Presidente Ambrogio Molteni –, la figura di Max rappresenta per me una continuità importantissima. Lui è di una persona che conosce ormai da 9 anni tutta la realtà della famiglia della Libertas, e quindi saprà gestire con me, ne sono sicuro, tutte le eventuali problematiche che ci saranno. La sua capacità professionale lo pone sicuramente ai vertici della nostra categoria, avendo fatto anche parte della selezione regionale lombarda, e sono sicuro che si integrerà perfettamente con Matteo Battocchio nella conduzione della nostra formazione di Serie A2”.

Sono felice e soprattutto onorato di rimanere ancora a Cantù in una stagione, la prossima, ricca di cambiamenti, segno anche della stima reciproca che si è creata in questi otto anni col Presidente Ambrogio Molteni – confessa “Max Red” – . Sarà la nona a Cantù, nell’anno del mio 35° anniversario da allenatore, carriera iniziata con un gruppo di ragazze caratesi nel lontano ’85. Le novità saranno diverse, dal cambio del ‘fortino’ Parini, casa di vittorie e sempre considerato un palazzetto difficile da espugnare, grazie anche al nostro splendido pubblico, a favore della rimodernata struttura del PalaFrancescucci di Casnate con Bernate; e soprattutto la collaborazione con la società VeroVolley di Monza, che permetterà alla nostra di mettere in evidenza i giovani del settore giovanile monzese in un ambito di alto livello quale quello della A2. Per me sarà come ritornare in un ambiente familiare, dopo le 5 stagioni dal 2007 al 2012 con le 2 promozioni dalla B2 alla A2, che fanno il pari con l’altra promozione in A2 di Cantù, e dove ritroverò alcune persone con le quali ho avuto l’occasione di collaborare. Altro cambiamento sarà la persona con la quale lavorerò: avrò come Head Coach Matteo Battocchio, col quale abbiamo già iniziato una consultazione per allestire la rosa della prossima stagione. Come sempre e come nel mio stile, farò di tutto per metterlo nelle condizioni di lavorare al meglio, cercando di essere sincero ma anche assertivo, come sono sempre stato nelle mie esperienze da ‘assistant’ con gli altri capo allenatori”.

Il secondo allenatore canturino chiude con “un saluto e un abbraccio fraterno a Luciano Cominetti, col quale ho condiviso momenti stupendi sia da un punto di vista di crescita tecnica che di risultati, ed al quale auguro ogni bene per il suo futuro pallavolistico”.

LA SCHEDA

Massimo Redaelli

NATO A: Carate Brianza (MB)

IL: 27/04/1964

CARRIERA:

2004-2006: Pallavolo Agliatese (MB)

2008-2010: Pro Victoria Monza (B2/B1) – 2° allenatore

2010-2012: CheBanca! Milano (A2) – scoutman e 2° allenatore

2012-…: Pool Libertas Cantù – 2° allenatore