Storie di quarantena – Magnani, una fase due da trenta e lode

A una settimana dall’inizio della fase 2, la vita di tutti sta iniziando a vivere piccoli ma enormi cambiamenti rispetto agli ultimi due mesi. Anche la quotidianità dei protagonisti della stagione 2019/20 in serie A2 Credem banca, prematuramente conclusa causa Covid-19, prosegue portandosi dietro certo qualche preoccupazione, ma anche alcuni importanti risultati conseguiti nella fase 1.

È il caso di Alessandro Magnani, opposto della Conad Reggio, che oltre a tenersi in forma è riuscito a concentrare le sue giornate di lockdown sullo studio. Trenta e lode: il primo della sua triennale in economia e finanza a Modena, frutto di una quarantena che certo è stata stressante ma è anche servita a focalizzarsi sull’università. «All’inizio ero preoccupato, come penso sia normale – racconta Magnani -. Poi nel tempo, con l’inizio del calo dei contagi, mi sono tranquillizzato. Per lo meno, visto che frequento un’università telematica, ero sempre impegnato con le lezioni online».

«Prima seguivo un programma di esercizi online tutti i giorni, con appuntamento fisso alle 17.30 – prosegue -. Ora, visto che c’è la possibilità di andare a correre e io vivo vicino alla campagna, faccio anche quello. Insieme a mia sorella gemella Chiara, anche lei pallavolista, ci alleniamo un po’ in giardino e questo è positivo, almeno sono riuscito a toccare il pallone. Non vedo l’ora comunque che aprano le palestre e i campi da beach volley, per giocare quest’estate». Quanto all’esito della stagione 2019/20, «mi sarebbe piaciuto finire campionato – chiude Magnani – avendo la possibilità di giocarmi le ultime partite, ma purtroppo toccherà aspettare l’anno prossimo».