Tonno Callipo, alla vigilia del match contro Padova Baldovin invoca “unione e carattere”

Nonostante le tante problematiche, in primis l’assenza dei migliori suoi martelli, coach Baldovin indica la strada da seguire: “Dobbiamo ricompattarci: in questo momento chiedo alla mia squadra di restare uniti e di avere una visuale comune, perché solo attraverso quest’ottica si può uscire dalla situazione complicata in cui ci ritroviamo”.

Ritorna al PalaMaiata la Tonno Callipo che domani sabato 11 dicembre (ore 18.00 – diretta tv su Raisport e diretta streaming su Volleyballworld.tv) ospita la Kioene Padova reduce dalla vittoria con Verona. Il match è valido per l’anticipo della 12/a giornata del 77° Campionato di Superlega Credem Banca 2021-2022.
Una settimana difficile per la società giallorossa che, alle problematiche legate alla classifica e all’assenza di Nishida in ripresa dopo l’infortunio al polpaccio, ha dovuto fare i conti con l’inattesa partenza di Douglas ritornato in Brasile. Ciò ovviamente riduce il potenziale della squadra venendo a mancare i suoi due principali martelli. Coach Baldovin contro la sua ex Kioene Padova vuol tenere alta l’attenzione. Sarà una partita delicata ed importante, perché urge riprendere a vincere per non restare ulteriormente arretrati in classifica. La Callipo è consapevole di essere chiamata ad una prova di carattere che possa innescare quella svolta già invocata da tempo: è proprio in questi frangenti che bisogna tirar fuori qualcosa in più, soprattutto a livello di motivazioni ed impegno. Non sarà ovviamente facile al cospetto di un avversario, Padova appunto, che ha il doppio dei punti (14) dei vibonesi, e che presenta un ruolino di tutto rispetto. Sei vittorie e quattro sconfitte finora infatti per la formazione veneta, che vanta tre affermazioni al tie break. In sequenza i patavini hanno vinto contro le blasonate Itas Trentino (a domicilio) e Piacenza in casa, oltre ad aver registrato l’exploit sul campo di Monza. Basterebbe soltanto questo dato per mettere ancora più in guardia la formazione calabrese che è ovviamente consapevole delle difficoltà del match. La squadra dell’ex di turno, il centrale Vitelli, è reduce dalla netta vittoria (3-0) di mercoledì scorso in casa contro Verona, con parziali a 21, 16, 21. In evidenza il forte azzurro Bottolo (16 punti) ed il canadese Loeppky (13), oltre al giovane Schiro sostituto a gara in corso dell’opposto Weber. Una squadra, quella patavina, che ha la battuta tra le sue armi più importanti: basti pensare ai 12 ace realizzati contro Verona. Non ha invece ancora fatto il suo esordio in Superlega l’ultimo arrivato alla corte di coach Cuttini, il giapponese Takahashi.

DICHIARAZIONI PRE GARA. Alla vigilia del match contro Padova parola all’ex Valerio Baldovin, che cerca di tenere alto il morale della sua squadra. “Per noi sarà una partita molto difficile a prescindere dall’avversario, anche alla luce del fatto che siamo ad organico ridotto. Si aggiunga che Padova sta giocando molto bene e sta facendo un campionato molto positivo, per cui arriveranno a Vibo vogliosi di fare risultato. Noi – continua il tecnico bellunese – dobbiamo cercare di ricompattarci, essere molto aggressivi in tutti i fondamentali, in modo da giocarcela punto a punto e senza risparmiarci”. Baldovin fa un passo indietro nell’analisi della vigilia: “Credo che nessuno poteva aspettarsi una stagione così difficile e sicuramente ci siamo inguaiati nelle prime partite di campionato, dove pur giocando abbastanza bene siamo stati poco precisi e cinici nei momenti cruciali dei match. Poi sono subentrati altri problemi, in primis ci è venuto a mancare l’attaccante più forte come Nishida, un’assenza che ci condiziona. E da ieri dobbiamo anche fare a meno di Douglas, che era un altro elemento importante della squadra”. Chiusura con il saggio monito del tecnico della Callipo: “In questo momento chiedo alla mia squadra di restare unita e di avere una visuale comune, perché solo attraverso quest’ottica si riesce ad uscire dalla situazione complicata in cui ci ritroviamo“.
L’AVVERSARIO. Padova è giunta all’ottava partecipazione consecutiva in Superlega, ed è ormai unanimemente riconosciuta come fucina di giovani talenti, oltre che di saper tirare fuori dal cilindro stagioni di grande qualità come quella attuale. La squadra veneta arriva da un’annata meno altisonante di altre e si è mossa bene sul mercato. Diagonale tutta tedesca: in regia, da Perugia, è arrivato l’alzatore Zimmermann, una garanzia a livello di esperienza oltre che letale in battuta (4 ace contro Verona mercoledì); mentre l’opposto è il vice di Grozer in Nazionale Linus Weber, proveniente dal Friedrichshafen, squadra faro del movimento tedesco. In banda a fianco dell’ormai più che promessa l’azzurro Mattia Bottolo, c’è il canadese Eric Loeppky, vera e propria rivelazione dello scorso campionato nelle file di Ravenna. Tutto riconfermato il trio centrale: ad iniziare dal capitano Volpato ormai un’istituzione, l’ex di turno Marco Vitelli e Andrea Canella, arrivato alla terza stagione di fila in Veneto. Nel ruolo di libero, dopo l’addio di Danani, si è puntato forte su Mattia Gottardo, prodotto del vivaio locale, classe 2001, nato a Cittadella e cresciuto a Padova. A dar manforte in banda ecco il terzo giapponese della Superlega di questa stagione: lo schiacciatore 20enne Ran Takahashi, compagno di Nishida in Nazionale tesserato da pochi giorni. Tra i nuovi anche lo schiacciatore bulgaro Petrov, arrivato dalla Serie A francese. In panchina conferma per Jacopo Cuttini, che continua il lavoro iniziato lo scorso anno, ed a lungo vice del tecnico della Callipo, Valerio Baldovin.

EX.
Marco Vitelli (Kioene Padova) alla Tonno Callipo nelle stagioni 2018-2019 e 2019-2020.
Coach Valerio Baldovin (Tonno Callipo) a Padova per 11 anni.

PRECEDENTI. Sono 22 gli scontri finora tra le due squadre, con 16 vittorie Callipo e 6 per Padova. Due vittorie la scorsa stagione nei match di campionato per la Tonno Callipo: all’andata 3-1 (23-25, 24-26, 25-23, 22-25) a Padova; al ritorno ancora vittoria giallorossa per 3-0 (24, 22, 25 i parziali). Unica vittoria patavina nella scorsa stagione in occasione della gara dei play off per il 5° posto, quando i veneti vinsero per 3-0 (parziali a 22, 25, 19). Due stagioni orsono 2019-2020 invece, ci fu una vittoria per parte rispettando il fattore campo. All’andata ha vinto Padova 3-0; al ritorno si è imposta Vibo 3-1, in quella che fu la seconda ed ultima gara al PalaMaiata dopo il trasloco al PalaCalafiore di Reggio Calabria. Per il resto da segnalare anche un precedente di Coppa Italia: per gli ottavi vinse la Tonno Callipo di Kantor nel 2016-2017 contro il Padova di Baldovin per 3-1 al PalaValentia. In particolare gli scontri tra Vibo e Padova iniziano nella prima stagione in A1 della Callipo, 2004-05. I calabresi vincono sempre per due tornei di fila, nel primo in panchina Ricci per Vibo ha sempre la meglio prima su Dall’Olio e poi su Berruto. La Callipo vince sempre al tie break le due gare nella prima stagione; per 3-1 in casa e 3-0 a Padova nella successiva. Dopo il poker di successi della Callipo nei due tornei precedenti, nel 2006 coach Schiavon di Padova interrompe la striscia positiva di Vibo allenata in quella stagione da De Rocco, imponendosi al PalaValentia per 3-1. Ma al ritorno ecco la rivincita di Vibo per 3-2, che non servirà ad evitare la retrocessione dei calabresi. Il dominio della Callipo riprende dal 2008: per ben tre stagioni di fila i giallorossi non lasciano nemmeno le briciole ai patavini raccogliendo ben sei successi, oltre all’anzidetta gara degli ottavi di Coppa Italia (3-1). Sussulto di Padova nella stagione 2017-18 con enplein: proprio coach Baldovin alla guida di Padova si impone a Vibo per 3-0 all’andata (con 18 punti di Nelli) ed al ritorno in casa per 3-1 (con 19 punti di Randazzo). Nelle due stagioni successive alternanza di vittorie tra le due squadre, con il rispetto del fattore campo e identico punteggio. E quindi nel 2018 Vibo vince in casa 3-1 e perde a Padova 3-0. L’anno scorso idem, con la gara di andata stavolta disputata prima a Padova.
Curiosità-1. Due i set con punteggio alto in questi 22 precedenti: il quarto vinto da Padova (31-29 in 34 minuti) nel 2004, con 23 punti finali del patavino Meszaros e 22 di Pampel per Vibo che vinse il match 3-2. Ed il terzo set vinto da Vibo (28-26 in 33 minuti) nella gara di andata del 2018, vinta dai calabresi 3-1, con ben 36 punti dell’opposto marocchino Al Hachdadi per Vibo.
Curiosità-2. Il risultato più frequente dei 22 scontri diretti è il 3-1: per sette volte ad appannaggio di Vibo e 2 per Padova.

A CACCIA DI RECORD:
In Regular Season: nessuno.
In carriera: Fabio Bisi – 3 punti ai 2900 (Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia).

PROBABILI FORMAZIONI
TONNO CALLIPO CALABRIA: Saitta-Basic, Gargiulo-Flavio, Nicotra-Borges, Rizzo (L). All. Baldovin
KIOENE PADOVA: Zimmermann-Weber, Volpato-Vitelli, Bottolo-Loeppky, Gottardo (L). All. Cuttini

ARBITRI: Roberto Boris e Stefano Cesare.
Terzo arbitro: Andrea De Nard
Video Check: Mirko Crucitti
Referto Elettronico: Antonella Giorla

DIRETTA TV su RaiSport +HD, diretta streaming su Volleyball World TV

UFFICIO COMUNICAZIONE
Rosita Mercatante
ufficiostampa@volleytonnocallipo.com