A tu per tu con Simone Anzani

Dalla vittoria del sesto Scudetto biancorosso è trascorsa una settimana. I giocatori della Cucine Lube Civitanova devono fare i conti con il primo weekend senza volley giocato, ma il centrale Simone Anzani non si stacca dal calendario e cerchia i giorni che lo separano dall’imminente paternità, un bellissimo regalo che, insieme ai successi professionali e all’amore per la sua compagna, ha portato la luce in una stagione complicata e logorante.

La consapevolezza di diventare papà ha cambiato il tuo modo di intendere la vita?

Anzani: “Per prima cosa scatto il triplo delle foto con Carolina. Sono la stessa persona di prima, ma quando lo abbiamo saputo si è generata in noi una grande energia e sono dilagate le emozioni. Non vediamo l’ora che il percorso culmini con la nascita di mia figlia, tra un mese esatto. Stiamo fremendo”.

Energia da vendere l’ha avuta anche lo Zaksa, che ha alzato al cielo la Champions League. Vedi l’eliminazione della Lube con occhi diversi?

Anzani: “Vanno fatti i complimenti al team polacco, ha dimostrato di essere un gruppo quadrato che non molla mai e ha vinto con merito battendo big come Lube, Kazan e Trento. Da parte nostra c’è il rimpianto per aver fallito l’andata dei Quarti. Era una fase delicata. Al ritorno bel match, peccato il Golden Set”.

Forse il periodo più difficile, poi vi siete rifatti in campionato.

Anzani: “Tra l’andata e il ritorno dei Quarti di Champions c’è stato il cambio di allenatore, quindi possiamo considerarlo il “momento X” della stagione. Il picco massimo di gioia l’ho toccato sabato scorso nel match Scudetto”.

Una grande soddisfazione perché il gruppo ha fatto la differenza.

Anzani: “In una squadra che ha un’identità comune, una mentalità vincente e 14 titolari è così. Contro Modena è arrivato il salto di qualità. Le assenze di due top player pesano, ma se hai un gruppo così completo superi la tempesta”.

Il tuo feeling con le vittorie è ben rodato.

Anzani: “Ho sempre pensato che i miei titoli più belli fossero il primo Scudetto e il Mondiale per Club. Devo ricredermi. Vincere questo Campionato è stato il massimo, dopo lo stop al precedente torneo e i patimenti per la pandemia. Siamo stati più forti di tutto e di tutti. Quante emozioni concentrate, mi sarebbe piaciuto condividerle dal vivo con i nostri cari e i supporter, ma ci rifaremo appena si potrà”.

I fan saranno contenti, ma soprattutto sono felici che tu abbia fatto il pallavolista. Il preparatore Merazzi dice che giocavi bene a calcio.

Anzani: “Il passato è passato. Ero un calciatore normale come ce ne sono tanti. La mia strada era la pallavolo. Il sogno di tanti ragazzi è indossare l’azzurro della nazionale di calcio. Io ho coronato il mio vestendo la maglia dell’Italvolley”.

Una speranza per il futuro?

Anzani: “Questa è facile, riabbracciare i tifosi della Cucine Lube! Magari ballando con i Predators il nostro jingle dopo un successo! ”