Sora ospita Trento per l’ultima del girone d’andata

Settimana di lavoro importante per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che vede già troppo vicino il giro di boa al varco del quale, con la faccia fatta a scacchi dalla rete, l’aspetta l’Itas Trentino. Domenica al PalaCoccia di Veroli infatti, alle ore 18, arriva il roster di coach Lorenzetti, l’altro best in class della SuperLega, il quarto della classe a quota 21 punti guadagnati in 7 gare vinte e 3 perse di cui 1 al tie break, quello che questa sera esordirà nella Pool A della Champions League 2020.

L’ultima giornata del girone d’andata, la tredicesima, in realtà è in programma la prossima domenica 22 dicembre, ma Sora quel match lo ha già anticipato lo scorso 23 ottobre per permettere alla Cucine Lube Civitanova di esordire, anche lei, in Champions. Per questo domenica la Globo chiuderà con l’Itas la prima parte del suo campionato.

A metà del percorso, la lotta per il suo obiettivo salvezza è ancora tutta da mettere in opera e soprattutto in campo dove attualmente ha conquistato una vittoria piena in trasferta a Vibo Valentia, e un punto tra le mura amiche verolane contro Piacenza. Questo non è bastato per uscire dalla zona rossa che occupa assieme alla Tonno Callipo, che però ha 3 lunghezze di vantaggio, come anche l’undicesima Latina.
Testa a Trento dunque, e poi un grande punto sulla metà della stagione regolare che oramai è andata, e di nuovo sotto per dare un indirizzo diverso e nuovo al girone di ritorno che partirà il giorno di Santo Stefano proprio al PalaCoccia contro Verona.

“La dodicesima giornata ci vedrà impegnati contro l’Itas Trentino – commenta il terzo allenatore Ottavio Conte -. L’avversario non sembra quello ideale per riscattare la sconfitta patita a Busto Arsizio per mano di Monza, vista la caratura tecnica degli uomini di Lorenzetti.
Nelle passate settimane avevamo auspicato un miglioramento nella fase break e in particolare nel fondamentale della battuta. Questo miglioramento è arrivato ma per incrementare le percentuali relative a questa fase, abbiamo bisogno ora di un piccolo passo in avanti nella finalizzazione del gioco.
Certo con Trento non sarà un compito semplice, ma cercheremo di sviluppare il nostro gioco nel miglior modo a noi possibile, senza timori reverenziali”

Poche le operazioni di mercato operate da Trento in estate, e tutte mirate a rinforzare soprattutto la panchina. La dirigenza ha confermato tutti i pezzi pregiati della propria rosa, inserendo alternative importanti su palla alta come Cebulj e Djuric (un ritorno, il
suo) e scommettendo sui margini di crescita del cubano Sosa Sierra.
I punti di riferimento del gioco impostato da Giannelli sono dunque ancora una
volta Kovacevic (MVP europeo), Russell, e le combinazioni da innescare in
velocità con Vettori e Lisinac, supportate dall’equilibrio garantito in seconda
linea da Grebennikov.

Nella scorsa stagione il cammino internazionale Trentino, fu perfetto, solo vittorie fra Mondiale per Club e CEV Cup. Il 2 dicembre di un anno fa, a Czestochowa, il Trentino Volley torna a essere Campione del Mondo grazie al sorprendente 3-1 imposto alla Cucine Lube Civitanova che gli valse il quinto titolo mondiale di sempre. Per quanto riguarda la Coppa CEV invece, con il secondo posto in classifica al termine della regular season, ottenne la qualificazione alla Finale della manifestazione continentale per la terza volta negli ultimi cinque anni, e l’unico trofeo che allora ancora mancava nella bacheca, non sfugge al Golden Set. Dopo aver regolato nell’ordine Losanna ai sedicesimi, Haching agli ottavi, Amriswil ai quarti, Olympiacos in semifinale, i gialloblù superano anche i turchi del Galatasaray con un 3-0 piuttosto semplice a Trento e un più sofferto 3-2 a Istanbul, il 26 marzo, nella serata che assegna il titolo. In questo caso è Kovacevic a trascinare la squadra alla rimonta (da 0-2 a 3-2) che interrompe la maledizione legata alla CEV Cup.

E in questa stagione 2019/2020, con il ritorno in CEV Champions League, già vinta tre volte, l’asticella si è alzata. L’obiettivo di coach Lorenzetti è quello di far compiere un ulteriore salto di qualità a un gruppo che si conosce già molto bene e che assieme si trova a meraviglia.
Così stasera, la Trentino Itas ospiterà alla BLM Group Arena i turchi, del Fenerbahçe. Il roster del Presidente Mosna, arriva al match dopo il turno di riposo in Campionato, ha potuto ricaricare le batterie dopo la sconfitta subita per mano dalla Sir Safety Conad Perugia, che l’ha condannata al 4° posto nella classifica di SuperLega. É quindi pronta a ripartire con buoni propositi, e andrà a caccia della sua quinta finale continentale negli ultimi sei anni.

A Veroli dunque, Trento arriverà con tanta voglia e determinazione, sia per riscattarsi dell’inciampo del turno precedente, ma soprattutto per fare punti utili a risalire la vetta della classifica.

Carla De Caris – Responsabile Uff. Stampa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora