Andrea Mattei firma per il secondo anno con Volley Tricolore

Con la conferma di Andrea Mattei, un elemento prezioso si aggiunge a rafforzare il reparto centrali di Volley Tricolore. L’atleta, classe ‘93 originario di Marino, vestirà per il secondo anno consecutivo i colori della Conad Reggio e a convincerlo fino in fondo, dice lui, «è stata la scelta dell’allenatore. In generale la società mi ha cercato molto e ci teneva a riavermi anche per questa stagione: da giocatore credo che non ci sia niente di meglio per avere riconosciuto il proprio valore».

Mattei naviga le acque della serie A già dal 2011, anno in cui entra nel Club Italia Roma. Rimane in categoria per altre due stagioni, prima all’Exprivia Molfetta e poi con la Tonazzo Padova e sarà quest’ultima la società a consacrare il suo esordio in SuperLega (2014-15). Da lì seguiranno altri quattro anni in A1 (uno a Ninfa Latina, due a Sora e uno con l’Emma Villas Siena), fino all’approdo a Reggio per quest’ultima stagione 2019/20 decisamente complicata.

«L’anno scorso è stato sfortunatissimo – premette Mattei -, io non penso che due stagioni così, con un concatenarsi di eventi talmente difficile, possano ripetersi in una stessa società». ‘Eventi’ che, per Mattei, coprono un ampio raggio, dal cambiare tre allenatori in un anno alla serie di infortuni che hanno destabilizzato le forze in squadra. Variabili che hanno avuto un ruolo nel definire l’andamento della stagione, poi smorzata dall’emergenza sanitaria. «Stanno prendendo i giusti provvedimenti perché non si presentino gli stessi problemi – aggiunge -, sono meccaniche da affinare in modo molto preciso».

«Quest’anno – chiude – mi sento più a casa, rimanere qui mi dà un senso di continuità. Siamo professionisti quindi a cambiare sempre persone e ambienti ci si fa l’abitudine, ma è stancante. Mi piace stare a Reggio, passeggiare per il centro storico mi rilassa sempre e al tempo stesso è ben collegata a tante altre città, compresa casa mia (Roma). I reggiani poi sono persone davvero alla mano, tutti sono sempre stati molto gentili con me fin da subito».