Consar, dopo un mese si torna in campo

La Consar prima dell'inizio di un match

Col recupero degli ultimi giocatori dal Covid, coach Bonitta ritrova il roster al completo. Oggi, a Piacenza, nell’anticipo della prima di ritorno, Mengozzi e compagni torneranno ad assaggiare il clima agonistico dopo 34 giorni di stop forzato

“Finalmente si torna in campo”. Il sollievo di coach Marco Bonitta la dice lunga sulla voglia della Consar di riappropriarsi della normalità, di tornare ad assaggiare il sapore delle sfide di campionato, dopo un mese di stop forzato per via del Covid, al quale la squadra ravennate ha pagato un dazio pesante. Così, 34 giorni dopo l’ultimo match disputato a Perugia, la Consar torna in campo oggi a Piacenza (alle ore 19.30, in uno dei due anticipi della prima di ritorno della SuperLega, diretta su Eleven Sports) per affrontare la Gas Sales Bluenergy di coach Bernardi che, in corso d’opera, ha inserito nell’organico l’alzatore Baranowicz e il centrale iraniano Mousavi. La Consar si è fermata alla settima di andata, Piacenza è riuscita a giocare dieci gare, rinviando solo la trasferta di Verona per alcune positività del gruppo scaligero. “Il dato numerico dice questo – osserva Bonitta -: noi siamo l’unica squadra con 7 gare giocate, tutte le altre ne hanno di più e c’è chi le ha giocate tutte e 11 e questo la dice lunga sulla situazione attuale. Torniamo a giocare ma soprattutto non abbiamo più giocatori fermi per il Covid; anche gli ultimi positivi si sono negativizzati e sono tornati in palestra, il che non vuol dire che saranno tutti disponibili e pronti ma almeno ritroviamo un roster che ha la sua dignità. Da una settimana siamo tornati in palestra e dopo i primi giorni in cui mi ero anche preoccupato per le problematiche fisiche legate all’inattività prolungata, poi abbiamo trovato una buona qualità e intensità. Andiamo a Piacenza sapendo che incontriamo una squadra più forte di noi, che a differenza nostra non si è mai fermata, che anche mentalmente sta bene e che sta giocando anche bene. Per noi è importante ritrovare il campo e cercheremo di fare la nostra partita al meglio della nostra condizione”.
E’ il terzo atto stagionale tra le due formazioni, che si sono affrontate a settembre due volte a Ravenna, prima per la Coppa Italia (vinse la Consar) e poi per la prima di questo campionato (e Piacenza si è presa i tre punti). “Quelle due partite sono molto lontane, nel frattempo Piacenza ha cambiato l’alzatore, è diventata una squadra più creativa, più varia nella distribuzione – osserva Bonitta – e migliorata molto nel fondamentale muro-difesa. Quella partita di campionato all’andata, però, ci fece subito capire che eravamo e siamo una squadra che può giocarsela con tutte, come hanno dimostrato i punti che abbiamo preso a Civitanova e a Milano. Dovrà essere così anche in questo match: fare il nostro gioco e provare ad approfittare delle opportunità che ci verranno concesse”.
Gli arbitri Dirigeranno questa partita Mauro Goitre di Torino e Rossella Piana di Carpi, che ha già fischiato in questo campionato la Consar nella vittoriosa gara contro Cisterna.
Il tour de force Intanto, è stato fissato anche il secondo recupero: dopo il match con Verona, in programma il 9 dicembre alle 18 al Pala De Andrè, è stato calendarizzato per giovedì 17 dicembre alle 18 il match a Padova contro la Kioene. Caselle ancora vuote per Vero Volley Monza-Consar e Consar-Itas Trentino. Vorrà dire per Mengozzi e compagni giocare otto partite in un mese.