Turno dell’Immacolata a Cantù, l’ex Sette: “Campo difficile ma ci servono punti”

Felice Sette ha giocato a Cantù la scorsa stagione sotto la guida di coach Battocchio

Altro che vacanze, il ponte dell’Immacolata riserva un piccolo tour de force alla Delta Group Porto Viro, chiamata a disputare due gare di campionato nel giro di quattro giorni. La prima, valevole per l’undicesima giornata di Serie A2 Credem Banca, vedrà i nerofucsia impegnati giovedì 8 dicembre alle ore 18 sul campo di Cantù. La seconda invece si giocherà domenica 11 a Porto Viro contro Lagonegro, sempre con fischio d’inizio alle ore 18.

Il girone d’andata sta entrando nel rush finale, mancano solo tre partite al giro di boa, ma la situazione in classifica resta tutta da definire per quanto riguarda le otto squadre che entreranno in Coppa Italia. La sconfitta interna subita per mano di Grottazzolina ha certamente complicato i piani della formazione di Matteo Battocchio, che adesso si trova all’undicesimo posto. Niente è ancora perduto però: la distanza dalla zona tricolore è davvero minima, anzi, nulla in realtà, visto che Porto Viro ha gli stessi punti dell’ottava (Reggio Emilia). Inoltre, rispetto alle contender, i polesani avranno a disposizione anche una cartuccia aggiuntiva, il recupero a Castellana Grotte, fissato per mercoledì 21 dicembre.

Pur con queste premesse, la trasferta di Cantù può rappresentare uno spartiacque importante in ottica qualificazione, se non altro perché si tratta di uno scontro diretto. La Pool Libertas è infatti settima in graduatoria con una sola lunghezza in più della Delta Group, dunque, i punti in palio giovedì al PalaFrancescucci di Casnate con Bernate varranno il doppio.

L’avversario: la compagine guidata da Francesco Denora (che in estate ha preso il posto lasciato vacante proprio da Battocchio) fin qui ha vinto quattro volte su cinque in casa, steccando solo all’esordio contro Bergamo. Non una buona notizia considerando il rendimento esterno deficitario di Porto Viro in questo primo spicchio di stagione. I canturini peraltro, dopo un inizio così così, a novembre hanno decisamente accelerato il passo, mettendo insieme ben quattro successi consecutivi. Nell’ultimo turno la striscia si è interrotta in quel di Reggio Emilia, ma capitan Monguzzi e compagni – tra i quali spiccano gli ex Motta Alberini e Gamba, lo schiacciatore Preti, il centrale francese Aguenier, il libero Butti – sono riusciti comunque a portare a casa un punto, nonostante il doppio svantaggio iniziale.

L’ex di turno Felice Sette racconta così il percorso di avvicinamento della Delta Group a questa gara. “Per me sarà una bella emozione tornare al PalaFrancescucci, anche se da avversario, ma penso che in generale l’accoglienza per noi non sarà delle migliori… È un palazzetto molto difficile, ostico per gli avversari. Cantù ha cambiato molti elementi in estate ma resta una squadra di assoluto valore. Hanno degli ottimi battitori, dovremo fare un buon lavoro in ricezione per arginarli. A livello individuale bisognerà prestare particolare attenzione ai loro attaccanti laterali, Gamba, Preti e Ottaviani. Noi come stiamo dopo il ko in casa di domenica scorsa? È stata una sconfitta dura da digerire, quello che possiamo fare ora è dare il massimo per provare a portare a casa punti da questa trasferta. Ci servono per muovere la classifica”.